Aborto, Civati e Brignone: Tar del Lazio colma i vuoti della politica. Le altre Regioni seguano l’esempio del Lazio

“Il Tar del Lazio ha respinto i ricorsi del movimento per la vita contro la delibera con cui la Regione imponeva ai consultori pubblici di garantire le prescrizioni di anticoncezionali e i certificati di gravidanza. Ancora una volta è la magistratura a colmare i vuoti e a fare chiarezza laddove la politica è carente. Da mesi Possibile denuncia il dilagare dell’obiezione di coscienza negli ospedali, una pratica che sta diventando “strutturale” e che di fatto sta minando alle basi la legge 194.

Interrompere la gravidanza è un diritto riconosciuto dalla legge: si tratta di una scelta sempre difficile e dolorosa e le donne devono sentirsi accolte e capite, non colpevolizzate. Servono percorsi che accompagnino e facilitino l’interruzione di gravidanza e la contraccezione d’emergenza. L’obiezione di coscienza è una scelta personale che non può pregiudicare i diritti fondamentali della donna e più in generale quello costituzionalmente sancito alla salute.

In questo senso ci siamo fatti promotori di proposte di legge che ribadiscano questo diritto su tutti i fronti: dalla garanzia che negli ospedali ci sia almeno il 50% del personale non obiettore fino alla proposta di legge per evitare che anche i farmacisti esercitino l’obiezione, sia sui contraccettivi d’emergenza che sui farmaci per la cura del dolore.

Auspichiamo che l’esempio del Lazio venga recepito anche dalle altre Regioni e che il Governo nazionale si adoperi davvero per garantire i diritti di tutti in maniera laica e senza fughe nel passato”: lo dichiarano in una nota i parlamentari di Possibile Beatrice Brignone e Pippo Civati.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati