Stop armi all’Egitto: siamo ancora in tempo

Con questa mozione rilanciamo la richiesta di Rete disarmo affinchè il governo riferisca sulle autorizzazioni e sospenda le trattative in corso fino a che non sarà raggiunta la piena collaborazione per ottenere verità per Giulio Regeni. Non è ancora detta l'ultima parola: nonostante siano state autorizzate le trattative tra Roma ed Il Cairo, il ministero degli Esteri ed il governo possono tuttora non concedere l’autorizzazione all’esportazione di sistemi militari all’Egitto.

Con que­sta mozio­ne rilan­cia­mo la richie­sta di Rete disar­mo affin­chè il gover­no rife­ri­sca sul­le auto­riz­za­zio­ni e sospen­da le trat­ta­ti­ve in cor­so fino a che non sarà rag­giun­ta la pie­na col­la­bo­ra­zio­ne per otte­ne­re veri­tà per Giu­lio Rege­ni. Non è anco­ra det­ta l’ul­ti­ma paro­la: nono­stan­te sia­no sta­te auto­riz­za­te le trat­ta­ti­ve tra Roma ed Il Cai­ro, il mini­ste­ro degli Este­ri ed il gover­no pos­so­no tut­to­ra non con­ce­de­re l’autorizzazione all’esportazione di siste­mi mili­ta­ri all’Egitto. Que­sto dipen­de anche da tut­ti noi e dal­le capa­ci­tà con le qua­li sapre­mo mobi­li­tar­ci in tem­po uti­le ed evi­ta­re che il cini­smo del­la real­po­li­tik pre­val­ga sul­la ricer­ca del­la veri­tà e del­la giu­sti­zia per Giu­lio Rege­ni, per Patrick Zaki e per tut­ti i dirit­ti uma­ni che si con­ti­nua­no a vio­la­re in Egit­to per sof­fo­ca­re il dis­sen­so e la liber­tà di pen­sie­ro.    Mozio­ne per la sospen­sio­ne del­l’au­to­riz­za­zio­ne all’e­spor­ta­zio­ne di siste­mi mili­ta­ri ita­lia­ni all’E­git­to PREMESSO CHE Il Con­si­glio dei Mini­stri del­lo scor­so 11 giu­gno ha auto­riz­za­to la ven­di­ta di due fre­ga­te Fremm all’E­git­to e che il dos­sier è atte­so al tavo­lo del­l’Ua­ma del­la Far­ne­si­na (l’U­ni­tà per le auto­riz­za­zio­ni dei mate­ria­li di arma­men­to) a cui spet­ta il via libe­ro defi­ni­ti­vo; I dati sul­la ven­di­ta di armi ita­lia­ne di Rete disar­mo ci dico­no che nel 2019 l’Egitto è sta­to il pri­mo clien­te dell’industria bel­li­ca ita­lia­na, con licen­ze per 871,7 milio­ni di Euro; Il nego­zia­to fra Ita­lia ed Egit­to pre­ve­de che alle due uni­tà Fremm già cita­te ne segua­no altre quat­tro, oltre a 20 pat­tu­glia­to­ri, 24 cac­cia inter­cet­to­ri ”Typhoon” (Euro­fighter), 24 cac­cia-adde­stra­to­ri M346; Un pre­ce­den­te con­trat­to sti­pul­ta­to con Il Cai­ro lo scor­so anno  pre­ve­de una com­mes­sa per 32 eli­cot­te­ri Agu­sta (model­lo AW139 e AW189) in ver­sio­ne mili­ta­re; Si trat­ta di pro­gram­ma com­ples­si­vo di cir­ca 10 miliar­di di Euro di ven­di­ta di arma­men­ti dal­l’I­ta­lia all’E­git­to, che va a som­mar­si agli altri 10 mld che lo Sta­to afri­ca­no spen­de­rà in com­mes­se con la Rus­sia, 8 mld con la Fran­cia, 4,5 con la Ger­ma­nia e 2,5 con gli Sta­ti Uni­ti. Spe­sa che a cau­sa del­le dif­fi­col­tà finan­zia­rie egi­zia­ne sarà soste­nu­ta gra­zie all’a­iu­to del­l’A­ra­bia Sau­di­ta e degli Emi­ra­ti Ara­bi Uni­ti. CONSIDERATO CHE La leg­ge n.185 del 1990 non solo vie­ta espli­ci­ta­men­te le espor­ta­zio­ni di arma­men­ti ver­so i Pae­si i cui gover­ni sono respon­sa­bi­li di accer­ta­te vio­la­zio­ni del­le con­ven­zio­ni inter­na­zio­na­li in mate­ria di dirit­ti uma­ni, ma pre­scri­ve che l’esportazione di mate­ria­le di arma­men­to e la ces­sio­ne del­la rela­ti­ve licen­ze di pro­du­zio­ne “devo­no esse­re con­for­mi alla poli­ti­ca este­ra e di dife­sa dell’Italia”; Secon­do fon­ti del­l’Osser­va­to­rio dei Dirit­ti fra i moder­ni siste­mi mili­ta­ri ita­lia­ni sono com­pre­si quel­li «non cedi­bi­li all’estero, pena la dif­fu­sio­ne sostan­zia­le di segre­ti e tec­no­lo­gie mili­ta­ri nazio­na­li»; La ven­di­ta di asset­ti di guer­ra a un Pae­se che non con­di­vi­de, ma anzi avver­sa la nostra visio­ne stra­te­gi­ca sul Medi­ter­ra­neo non ha sen­so: la poli­ti­ca com­mer­cia­le non può esse­re scol­le­ga­ta alla poli­ti­ca di sicu­rez­za; Si trat­ta di una deci­sio­ne in con­tra­sto con gli impe­gni assun­ti da gover­no e par­la­men­to sul­la ricer­ca del­la veri­tà per Giu­lio Rege­ni. RICORDATO CHE Le auto­ri­tà egi­zia­ne non han­no mai con­tri­bui­to a fare chia­rez­za e han­no pale­se­men­te osta­co­la­to l’inchiesta dei magi­stra­ti ita­lia­ni sull’omicidio di Giu­lio Rege­ni, il gio­va­ne ricer­ca­to­re ita­lia­no seque­stra­to, tor­tu­ra­to e ucci­so in Egit­to (la col­la­bo­ra­zio­ne giu­di­zia­ria è fer­ma al 28 novem­bre 2018 con l’uf­fi­cia­liz­za­zio­ne del­le accu­se del­la Pro­cu­ra di Roma nei con­fron­ti dei poli­ziot­ti egi­zia­ni); Risul­ta costan­te il river­be­ro inter­na­zio­na­le del­le ter­ri­bi­li con­di­zio­ni, dal car­ce­re alle tor­tu­re, in cui river­sa­no in Egit­to gli oppo­si­to­ri poli­ti­ci, gior­na­li­sti, sin­da­ca­li­sti, uni­ver­si­ta­ri, difen­so­ri dei dirit­ti uma­ni: non ulti­mo Patrick Zaki. In Egit­to dal 2017 vige lo sta­to di emer­gen­za (rin­no­va­to perio­di­ca­men­te) che con­sen­te alla Pro­cu­ra Supre­ma l’a­bu­so del­le nor­me anti­ter­ro­ri­smo per annul­la­re le garan­zie sul giu­sto pro­ces­so e per­se­gui­re miglia­ia di per­so­ne che han­no cri­ti­ca­to il gover­no in modo paci­fi­co. Il con­si­glio comu­na­le  CHIEDE all’Am­mi­ni­stra­zio­ne comu­na­le di mani­fe­sta­re la pro­pria con­tra­rie­tà alle nuo­ve for­ni­tu­re mili­ta­ri all’E­git­to e di chie­der­ne la sospen­sio­ne fin­chè non sarà rag­giun­ta la pie­na col­la­bo­ra­zio­ne per otte­ne­re veri­tà e giu­sti­zia per Giu­lio Rege­ni e la libe­ra­zio­ne di Patrick Geor­ge Zaki;  CHIEDE all’Am­mi­ni­stra­zio­ne comu­na­le di impe­gnar­si a col­la­bo­ra­re con gli enti pre­po­sti affi­chè il Gover­no Ita­lia­no e il mini­stro degli Este­ri rife­ri­sca­no in Par­la­men­to;  CHIEDE all’Am­mi­ni­stra­zio­ne comu­na­le di ade­ri­re all’as­so­cia­zio­ne ‘Mayors for Pea­ce’ (Sin­da­ci per la Pace) che pro­muo­ve la coo­pe­ra­zio­ne inter­na­zio­na­le al fine di abo­li­re le armi nuclea­ri; CHIEDE all’Am­mi­ni­stra­zio­ne comu­na­le di invia­re que­sta mozio­ne al Pre­si­den­te del­la Regio­ne al Pre­si­den­te del Con­si­glio dei Mini­stri affin­chè, sen­si­bi­liz­za­ti, pos­sa­no assu­me­re ogni ini­zia­ti­va di com­pe­ten­za uti­le affin­chè si per­ven­ga allo sospen­sio­ne dell’autorizzazione.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.