Stelle cadenti e sinistre rinascenti

È terminata dopo soli 18 mesi l'esperienza di governo del III Municipio di Roma, un territorio, con i suoi oltre 200.000 abitanti, paragonabile a Trieste, quindicesima città d'Italia.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

È ter­mi­na­ta dopo soli 18 mesi l’e­spe­rien­za di gover­no del III Muni­ci­pio di Roma, un ter­ri­to­rio, con i suoi oltre 200.000 abi­tan­ti, para­go­na­bi­le a Trie­ste, quin­di­ce­si­ma cit­tà d’Italia.

Con il voto di sfi­du­cia, dopo una giun­ta muni­ci­pa­le di destra (che ha mal-gover­na­to) ed una giun­ta di cen­tro-sini­stra (che ha anti-gover­na­to, man­dan­do­si a casa dal nota­io), anche sull’attuale giun­ta pen­ta­stel­la­ta (che ha non-gover­na­to) cala il sipa­rio — che in veri­tà non si è mai alza­to non aven­do i gril­li­ni, in que­sto anno e mez­zo, nep­pu­re com­pre­si i rudi­men­ti dell’amministrazione, con i cit­ta­di­ni del III Muni­ci­pio incre­du­li quan­to iner­mi spet­ta­to­ri di que­sto non-spet­ta­co­lo. Un ter­ri­to­rio che per for­tu­na, nor­me alla mano, tor­ne­rà al voto già nel­la pri­ma­ve­ra del 2018. Come Pos­si­bi­le e come pars viva di Libe­ri e Ugua­li sia­mo quan­to mai pron­ti e ancor meglio che nel 2016 — dove Pos­si­bi­le ha mol­to ben figu­ra­to, pur non otte­nen­do la sini­stra alcu­na rap­pre­sen­tan­za in con­si­glio — attrez­za­ti a con­ta­re, pro­por­re un’offerta poli­ti­ca e tor­na­re a dare una rap­pre­sen­tan­za di sini­stra per cor­reg­ge­re le disu­gua­glian­ze e le stor­tu­re di un ter­ri­to­rio che, dopo la scom­po­sta fine del­la con­si­lia­tu­ra Mari­no e la non-ope­ra del M5S, abbi­so­gna di una vira­ta che rimet­ta al cen­tro le per­so­ne, soprat­tut­to le più debo­li, le loro mal­gra­do più dise­gua­li e vit­ti­me del mal­go­ver­no pri­ma, del non-gover­no poi.

In pic­co­lo è la rap­pre­sen­ta­zio­ne pla­sti­ca e spe­cu­la­re, quel­la dei pen­ta­stel­la­ti in muni­ci­pio (tra asses­so­re mogli di pre­si­den­ti di assem­blea capi­to­li­na e pre­si­den­ti por­ta­bor­se di can­di­da­te pre­si­den­ti di regio­ne), di tut­to quan­to è sba­glia­to, inef­fi­ca­ce e per i pochis­si­mi, nei diver­si popu­li­smi in cam­po per il voto nazio­na­le del pros­si­mo 4 mar­zo, nel­le cin­que stel­le non meno che negli altri. Stel­le caden­ti, non lascia­no un vuo­to solo per­chè il vuo­to ammi­ni­stra­ti­vo lo ave­va­no fat­to, attor­no e den­tro sé, sin dal­l’in­se­dia­men­to; stel­le che men­tre cado­no ci lascia­no espri­me­re un solo desi­de­rio che è il nostro impe­gno con­cre­to a par­ti­re da subi­to e sarà la nostra stel­la pola­re da qui ai pochis­si­mi mesi che ci sepa­re­ran­no dal voto: che il muni­ci­pio tor­ni a sini­stra e che tor­ni ad esse­re per i cit­ta­di­ni, non per i pochissimi.

È più che mai pos­si­bi­le. Lo sarà.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1491269035420{margin-top: 20px !impor­tant;}”]

TITOLO

[/vc_column_text][vc_column_text]Testo articolo…[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?

In Sardegna il 25 febbraio scegli Alleanza Verdi Sinistra e Possibile

L’Al­lean­za Ver­di Sini­stra, che uni­sce Pos­si­bi­le, Euro­pa Ver­de — Ver­di, Sini­stra Ita­lia­na e Sini­stra sar­da ha scel­to di far par­te del­la coa­li­zio­ne del cen­tro­si­ni­stra che sostie­ne Ales­san­dra Tod­de: insie­me, nei mesi scor­si, ci sia­mo incon­tra­ti e incon­tra­te per met­te­re a pun­to un’i­dea di gover­no che non mira solo a bat­te­re le destre, ma vuol dare una rispo­sta alla nostra Isola.