Notizie che ritornano, Facebook e la sciatteria di alcuni media alimentano il razzismo

Ci sono cascati tutti i fogli di destra che abitualmente seguono con entusiasmo il filone dei «crimini degli immigrati», ma ci sono caduti anche altre testate e altri colleghi, attratti dalla «viralità» di una notizia che non è tale.

Orro­re, bri­vi­do e rac­ca­pric­cio, ma la noti­zia che oggi aiu­ta a sof­fia­re sul raz­zi­smo è vec­chia di un anno.

Ci sono casca­ti tut­ti i fogli di destra che abi­tual­men­te seguo­no con entu­sia­smo il filo­ne dei «cri­mi­ni degli immi­gra­ti», ma ci sono cadu­ti anche altre testa­te e altri col­le­ghi, attrat­ti dal­la «vira­li­tà» di una noti­zia che non è tale.

La noti­zia rela­ti­va a uno stu­pro alla sta­zio­ne di Brin­di­si, per il qua­le sono sta­ti arre­sta­ti due cit­ta­di­ni pachi­sta­ni, è infat­ti vec­chia di un anno.

Come sia pos­si­bi­le che in tan­ti l’ab­bia­no pub­bli­ca­ta come se fos­se di que­ste ore è facil­men­te spie­ga­bi­le con un mini­mo di cono­scen­za del fun­zio­na­men­to di Face­book e del­le dina­mi­che pro­prie del­le reti sociali.

 

Ieri infat­ti Face­book ha ripro­po­sto que­sta noti­zia sul­la bache­ca di quel­li che l’a­ve­va­no con­di­vi­sa un anno fa. Suc­ce­de tut­ti i gior­ni e in teo­ria, trat­tan­do­si di mate­ria­le pub­bli­ca­to dagli stes­si uten­ti, l’in­ci­den­te dovreb­be esse­re scon­giu­ra­to dagli stes­si, ma evi­den­te­men­te sono in mol­ti a non rico­no­sce­re nem­me­no i post che loro stes­si han condiviso.

Parec­chi di que­sti l’han­no così rilan­cia­ta sen­za far­ci caso e subi­to è diven­ta­ta vira­le tra la vasta pla­tea di raz­zi­sti e xeno­fo­bi che tra­scor­ro­no le loro gior­na­te spu­tan­do sugli immi­gra­ti e sui «buo­ni­sti» loro complici.

La noti­zia è arri­va­ta così anche all’at­ten­zio­ne di diver­si gior­na­li­sti, mol­ti dei qua­li sono tan­to poco abi­tua­ti a con­trol­la­re la fon­da­tez­za del­le noti­zie, quan­to inve­ce adde­stra­ti a rico­no­sce­re e a rilan­cia­re nel minor tem­po pos­si­bi­le le noti­zie che «tira­no» e fan­no sensazione.

Così nel giro di poche ore mol­tis­si­me testa­te han­no ripor­ta­to la noti­zia rin­for­zan­do il per­ver­so loop, ha fini­to per ali­men­ta­re l’o­dio per gli immi­gra­ti in manie­ra del tut­to gra­tui­ta, non bastas­se­ro le quo­ti­dia­ne stru­men­ta­liz­za­zio­ni dei cri­mi­ni vera­men­te com­mes­si da stranieri.

La «noti­zia» ha infat­ti gene­ra­to miglia­ia di com­men­ti e discus­sio­ni, tut­te più o meno impron­ta­te alla gara di bar­ba­rie, a chi pro­po­ne­va le misu­re più arcai­che e inci­vi­li con­tro gli immi­gra­ti, i musul­ma­ni e in gene­re i diver­sa­men­te bian­chi.

A distan­za di qual­che ora dal­la pub­bli­ca­zio­ne, alcu­ne testa­te han­no rea­liz­za­to di aver­la fat­ta gros­sa e han­no rimos­so il pez­zo, ovvia­men­te in silen­zio, altre inve­ce no. Alcu­ne for­se lo ter­ran­no onli­ne per sem­pre.

For­se pri­ma di pun­ta­re il dito sul­le Fake News sareb­be il caso di met­te­re mano ai mec­ca­ni­smi che ali­men­ta­no que­ste per­ver­sio­ni del ciclo del­le noti­zie, anche se il più del­le vol­te baste­reb­be un po’ d’at­ten­zio­ne per evi­ta­re disa­stri del gene­re.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

L’unica soluzione possibile è ampliare gli organici, di giudici e cancellieri, senza toppe messe male come gli assistenti mal pagati dell’Ufficio del Giudice oppure il ricorso sistematico a magistrati precari, che hanno funzioni e doveri uguali ai togati, eccetto che per compensi e diritti.
Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.