Spingitori di Primarie: Senigallia

isarenas_2Una vol­ta, ti dice un signo­re duran­te una con­ven­zio­ne di cir­co­lo, poche set­ti­ma­ne fa, il par­ti­to anda­va di casa in casa, suo­na­va i cam­pa­nel­li, ti dava il volan­ti­no. Una vol­ta, il par­ti­to lo cono­sce­vi di per­so­na, sape­vi che vol­to ave­va. Il par­ti­to ti strin­ge­va la mano, ti chia­ma­va per nome, cono­sce­va i tuoi pro­ble­mi. Sape­va che al nume­ro civi­co 15 c’eri tu e che te la pas­sa­vi male o bene e in ogni caso non eri sem­pli­ce­men­te un nume­ro ma una per­so­na. Que­sta espe­rien­za non è fini­ta poi­ché il con­tat­to uma­no è fon­da­men­ta­le, in poli­ti­ca come altrove.

È per tale ragio­ne che, in que­sti gior­ni, i volon­ta­ri del­la mozio­ne Civa­ti sono sce­si in stra­da ed han­no riper­cor­so a pie­di quel­le vie che sono soli­ti cor­re­re gior­nal­men­te. Facen­do il Por­ta a Por­ta ti capi­ta di nota­re par­ti­co­la­ri ina­spet­ta­ti. Di cono­sce­re una cit­tà che non ti sem­bra esse­re. Sei lì, fra la gen­te del tuo quartiere.

Saba­to scor­so alcu­ni di noi era­no in giro per Seni­gal­lia, sin dal­le nove del mat­ti­no. L’esperienza del Por­ta a Por­ta può inti­mo­ri­re. Cosa suc­ce­de di fron­te ad un no? Dinan­zi ai pri­mi dinie­ghi da par­te di per­so­ne che non ne voglio­no sape­re di Par­ti­to Demo­cra­ti­co e di pri­ma­rie, a Seni­gal­lia han­no pen­sa­to di non mol­la­re. Cono­sce Civa­ti? Quan­do arri­va il sì, si instau­ra il pri­mo con­tat­to, sei riscal­da­to improv­vi­sa­men­te da una bel­la sen­sa­zio­ne. Per­ché sostie­ni lui e non Ren­zi? Le rispo­ste son tut­te lì, le sai per­ché sono tue, per­ché sono le rispo­ste che hai da dare alla tua comu­ni­tà, per­ché in fin dei con­ti è que­sta la poli­ti­ca che conta.

http://www.youtube.com/watch?v=JpY3mfCuCNE

Hai pochi minu­ti per par­la­re. Entri in uno scam­po­lo di vita quo­ti­dia­na, fat­ta di com­mis­sio­ni da sbri­ga­re, di pran­zi da pre­pa­ra­re, di spe­se da riti­ra­re e da por­ta­re su per le sca­le, che nel con­do­mi­nio non han mes­so l’ascensore. Alcu­ni ti dico­no che non ne pos­so­no più, che non arri­va­no a fine mese e que­sta poli­ti­ca, la stra­ma­le­det­ta poli­ti­ca che sem­bra anda­re avan­ti da sé stes­sa, pro­prio non la sop­por­ta­no più. E’ vero, dici affran­to. E sen­ti un po’ di con­di­vi­der­la, que­sta cri­ti­ca. E’ per que­sto che sia­mo qui, hai detto.

Poi c’è que­sta cop­pia, devo­no usci­re. Gli dici, solo due minu­ti. Lei è civa­tia­na, lo sai per­ché te l’ha det­to ma il mari­to è ren­zia­no. Dice che vota Ren­zi per­ché que­sta vol­ta le ele­zio­ni le dob­bia­mo vin­ce­re. Tu cer­chi di con­vin­cer­lo, sor­ri­di ma non c’è nein­te da fare. La moglie ti con­so­la. Abbia­mo due figli, ti spie­ga. Loro vote­ran­no Civati.
isarenasSe inve­ce fos­si sta­to ad Quar­tu Sant’Elena, vener­dì 29 Novem­bre, avre­sti per­cor­so — gam­be in spal­la — tut­ta Is Are­nas, il quar­tie­re del­lo scan­da­lo del Caglia­ri Cal­cio e del suo pre­si­den­te. Là avre­sti incon­tra­to un signo­re e sua figlia, lui inde­ci­so, lei civa­tia­na. E curio­sa­men­te non sare­sti sta­to tu a con­vin­ce­re il padre, non sare­sti sta­to tu a strap­par­gli il sì, andrò a votar­lo, ma pro­prio quel­la ragaz­za che cono­sce Civa­ti e con­di­vi­de le tue mede­si­me opi­nio­ni. Così ti attac­chi al tele­fo­no, chia­mi tut­ti quel­li che cono­sci e che pos­so­no esse­re inte­res­sa­ti. E’ fat­to così, il Por­ta a Por­ta. Chia­mi e dici: l’8 Dicem­bre, civo­ti? Due signo­ri set­tan­ten­ni ti spie­ga­no che Is Are­nas un tem­po era una zona ros­sa, che ha sem­pre soste­nu­to le nostre ammi­ni­stra­zio­ni e che poi è sta­ta dimen­ti­ca­ta dal Pd. Il Pd se ne è anda­to e tu lo ripor­ti a casa, in un cer­to qual sen­so. Un lavo­ro non da poco.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

I piagnistei e le grandi dichiarazioni - sempre le stesse – ad ogni ricorrenza non servono. Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.
Questo gigantesco e raffazzonato tentativo di maquillage dello sfruttamento ha incontrato finalmente il suo destino naturale con la sentenza 30/06/2021 del Tribunale di Bologna.
Dopo -anzi, durante - il Covid, e con l'emergenza climatica in corso, le priorità dovrebbero cambiare. Solo per le Olimpiadi Milano-Cortina pare che nulla cambi. Né nella progettazione, né nell'impostazione, mentre la Lega (che governa le due Regioni) intende usare i Giochi come un volano politico.