Qui Sì lavora, ma ne vale la pena

Un’altra cam­pa­gna refe­ren­da­ria. Un altro tour lun­go lo stivale.

Per­ché voglia­mo esse­re gli uni­ci a lavo­ra­re set­te gior­ni su set­te e sen­za ora­ri.

Per­ché gli uni­ci straor­di­na­ri non paga­ti che accet­tia­mo sono i nostri straor­di­na­ri attivisti.

Per­ché l’unico inde­ter­mi­na­to che vor­rem­mo veder spa­ri­re è il pro­gram­ma di chi vuol fare la sini­stra sen­za mai dire nul­la sui temi, a par­ti­re da quel­li del lavoro.

Pos­si­bi­le ha già offer­to la pro­pria dispo­ni­bi­li­tà al comi­ta­to del per pro­muo­ve­re la campa­gna refe­ren­da­ria sul lavo­ro, pren­den­do imme­dia­ta­men­te con­tat­to con chi la guiderà.

Con lo stes­so spi­ri­to con cui abbia­mo affron­ta­to il refe­ren­dum costi­tu­zio­na­le, asso­cian­do­ci con umil­tà e dispo­ni­bi­li­tà, cer­can­do di accom­pa­gna­re con pro­po­ste di qua­li­tà, la neces­sa­ria mobi­li­ta­zio­ne.

Come già acca­du­to in vista del 4 dicem­bre del­lo scor­so anno, i nostri 200 comi­ta­ti si tra­sfor­me­ran­no in veri e pro­pri comi­ta­ti refe­ren­da­ri per dif­fon­de­re il mes­sag­gio cir­ca i due que­si­ti e nel­lo stes­so tem­po per apri­re una più ampia rifles­sio­ne sul lavo­ro, con­tra­sta­re e denun­cia­re situa­zio­ni di sfrut­ta­men­to, discu­te­re del­la que­stio­ne cul­tu­ra­le, poli­ti­ca, addi­rit­tu­ra antro­po­lo­gi­ca che lo riguar­da. Per par­la­re del­le tra­sfor­ma­zio­ni che lo aspet­ta­no in un futu­ro mol­to prossimo.

Allo­ra al lavo­ro, per­ché voglia­mo che que­sto refe­ren­dum sia una tap­pa inter­me­dia, un pas­sag­gio neces­sa­rio, la rin­cor­sa per dare slan­cio a una nuo­va pro­po­sta, che ridia al lavo­ro la cen­tra­li­tà e la digni­tà che merita.

Se vole­te par­te­ci­pa­re anche voi, pote­te scri­ve­re qui.

Qui Sì lavo­ra, ma ne vale la pena.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata.