Si batte per un paese a corruzione zero: Salvatore Tesoriero

24-cartolina-civoti-tesoriero-vertNato nel 1981 a Mes­si­na, ma con ori­gi­ni eolia­ne (moti­vo per il qua­le è affa­sci­na­to dal­la navi­ga­zio­ne a mare aper­to di Civa­ti, dice scher­zo­sa­men­te), Sal­va­to­re Teso­rie­ro dopo la lau­rea in giu­ri­spru­den­za con­se­gue il dot­to­ra­to in pro­ce­du­ra pena­le, cat­te­dra per la qua­le è oggi asse­gni­sta di ricer­ca pres­so l’U­ni­ver­si­tà degli stu­di di Bolo­gna. Alla car­rie­ra acca­de­mi­ca uni­sce la pro­fes­sio­ne di avvo­ca­to in ambi­to pena­le: chie­do a lui qua­le sia il pro­ble­ma del­la Giu­sti­zia, e del per­ché non si tro­vi­no (o non si voglia­no tro­va­re) solu­zio­ni strutturali.

Le vec­chie pato­lo­gie strut­tu­ra­li si sono incan­cre­ni­te nel­l’ul­ti­mo ven­ten­nio a cau­sa del­l’ap­proc­cio “pri­va­ti­sti­co” dei par­ti­ti del­la destra ber­lu­sco­nia­na: un ven­ten­nio di vili­pen­dio quo­ti­dia­no del­lo Sta­to di dirit­to, di leg­gi ad per­so­nam, di ritor­sio­ni con­tro i magi­stra­ti, di nor­me-ban­die­ra di pura spe­cu­la­zio­ne poli­ti­ca (immi­gra­zio­ne clan­de­sti­na), fero­ce­men­te afflit­ti­ve nei con­fron­ti dei debo­li (in mate­ria di stu­pe­fa­cen­ti e i vari “pac­chet­ti sicu­rez­za”), o al con­tra­rio indul­gen­ti nei con­fron­ti del­la cd. cri­mi­na­li­tà dei col­let­ti bian­chi (sostan­zia­le depe­na­liz­za­zio­ne del fal­so in bilan­cio, su tut­te). Su que­ste mace­rie si deve evi­den­te­men­te rico­strui­re, coniu­gan­do le due ani­me del­la giu­sti­zia: ser­vi­zio e garan­zia. L’a­zio­ne di tut­ti gli atto­ri e ope­ra­to­ri del dirit­to deve esse­re vol­ta a con­te­ne­re i tem­pi dei pro­ces­si, non com­pri­men­do le garan­zie fon­da­men­ta­li. La lun­ghez­za irra­gio­ne­vo­le dei pro­ces­si è il pro­ble­ma fon­da­men­ta­le da affron­ta­re. Biso­gna inve­sti­re sul­la digi­ta­liz­za­zio­ne dei dati pro­ces­sua­li, sul­le noti­fi­che per via tele­ma­ti­ca, razio­na­liz­za­re alcu­ni seg­men­ti pro­ces­sua­li, rive­de­re la disci­pli­na del­la pre­scri­zio­ne nel pro­ces­so pena­le. Biso­gna, inol­tre, sal­va­guar­da­re le garan­zie, raf­for­zan­do le tute­le del­l’or­di­na­men­to di fron­te alle situa­zio­ne di debo­lez­za del­le par­ti: i dirit­ti degli impu­ta­ti debo­li, pove­ri e stra­nie­ri in testa, i dirit­ti dei dete­nu­ti, costret­ti a scon­ta­re la deten­zio­ne in con­di­zio­ni inu­ma­ne, ma anche i dirit­ti del­le vit­ti­me, trop­po spes­so umi­lia­te dop­pia­men­te da un pro­ces­so che rinun­cia all’ac­cer­ta­men­to dei rea­ti.”

Doman­do lui cosa sia, in sostan­za, la cor­ru­zio­ne: “è un feno­me­no siste­mi­co, che per­cor­re – inqui­nan­do­le – la vita pub­bli­ca e pri­va­ta gene­ran­do un costo dive­nu­to inso­ste­ni­bi­le, in ter­mi­ni eco­no­mi­ci, poli­ti­ci e socia­li. Secon­do la Cor­te dei Con­ti, la cor­ru­zio­ne costa al nostro Pae­se cir­ca 60 miliar­di di euro l’anno, ossia 1.000 euro l’an­no di tas­se in più a testa per far fron­te ai costi inde­bi­ti soste­nu­ti o agli introi­ti non rea­liz­za­ti dal­lo Sta­to a cau­sa del­la cor­ru­zio­ne. L’ef­fi­ca­ce con­tra­sto alla cor­ru­zio­ne e alla eva­sio­ne, in altri ter­mi­ni, è la più effi­ca­ce mano­vra finan­zia­ria che lo Sta­to può rea­liz­za­re.”

La pro­po­sta che met­te sul tavo­lo è dav­ve­ro signi­fi­ca­ti­va: “Il con­tra­sto alla cor­ru­zio­ne dipen­de innan­zi­tut­to dal­la sele­zio­ne del­le prio­ri­tà ope­ra­te dal­la poli­ti­ca: la cor­ru­zio­ne garan­ti­sce van­tag­gi a sog­get­ti social­men­te “for­ti”, deter­mi­na­ti a difen­de­re la loro posi­zio­ne di ren­di­ta ille­ci­ta facen­do vale­re il pro­prio sta­tus men­tre i costi, al con­tra­rio, sono sop­por­ta­ti dal­la col­let­ti­vi­tà, gene­ral­men­te poco con­sa­pe­vo­le e scar­sa­men­te incli­ne a soste­ne­re effi­ca­ci con­tro­mi­su­re. La poli­ti­ca deve ope­ra­re come gui­da corag­gio­sa e con­sa­pe­vo­le degli inte­res­si del­la col­let­ti­vi­tà: deve pre­ve­ni­re la cor­ru­zio­ne, estir­pan­do ogni for­ma di con­flit­to di inte­res­se e ope­ra­re sul ver­san­te san­zio­na­to­rio. Il fur­to allo Sta­to non può con­ti­nua­re ad esse­re una scom­mes­sa vin­cen­te per chi delin­que: zero pena deten­ti­va (se appli­ca­ta è in linea di mas­si­ma non ese­gui­ta per­ché sospe­sa con­di­zio­nal­men­te) e zero pena eco­no­mi­ca. Accan­to alla san­zio­ne deten­ti­va è indi­spen­sa­bi­le intro­dur­re e garan­ti­re l’ef­fet­ti­va appli­ca­zio­ne di seve­re san­zio­ni pecu­nia­rie (oggi assen­ti) aggan­cia­te alla rile­van­za del pro­fit­to del rea­to, alla cui ottem­pe­ran­za subor­di­na­re la con­ces­sio­ne del­la sospen­sio­ne con­di­zio­na­le del­la pena. Su que­sto è pron­ta una pro­po­sta di leg­ge che Civa­ti pre­sen­te­rà in Par­la­men­to.”

24-cartolina-civoti-tesorieroUna pro­po­sta che, insie­me a tut­te le altre del­la mozio­ne, lo vede come gran­de soste­ni­to­re atti­vo di Giu­sep­pe Civa­ti: “la mozio­ne Civa­ti è un’e­spe­rien­za poli­ti­ca col­let­ti­va, par­te­ci­pa­ta, libe­ra, com­pe­ten­te, in cui si respi­ra desi­de­rio di cam­bia­men­to vero, di costru­zio­ne di una socie­tà con meno dise­gua­glian­ze e più oppor­tu­ni­tà. Giu­sep­pe è un pro­ta­go­ni­sta serio e cre­di­bi­le di que­sto tem­po poli­ti­co: ascol­ta, riflet­te, non segue le mode, sa pro­por­re un ragio­na­men­to arti­co­la­to e corag­gio­so, l’u­ni­co tipo di ragio­na­men­to – a mio pare­re – in gra­do di inci­de­re sul­la com­ples­si­tà dei feno­me­ni di oggi, miglio­ran­do­li.”

Ama Bolo­gna, cit­tà che lo ha adot­ta­to: “Bolo­gna è per me un labo­ra­to­rio per­ma­nen­te di buo­na poli­ti­ca, in cui le com­pe­ten­ze pri­va­te acqui­si­sco­no un sen­so pro­fon­do solo se mes­se a dispo­si­zio­ne del­la cosa pub­bli­ca.“ Quel­la cosa pub­bli­ca per cui lavo­ra e in cui cre­de, quel bene supe­rio­re che è anche fon­da­men­to del suo mot­to: ”Cono­sce­re per rifor­ma­re. Con un po’ di sano corag­gio.”

#Civo­ti 24: Sal­va­to­re Tesoriero

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?