Sessismo in curva

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata. 

L’ultima vol­ta che sono anda­to in cur­va a vede­re una par­ti­ta di cal­cio, con un grup­po di ami­ci e ami­che, era pri­ma­ve­ra avan­za­tis­si­ma, una bel­la gior­na­ta di sole di tan­ti anni fa.

Pri­ma del fischio d’inizio arri­va una ragaz­za sot­to di noi, insie­me a un grup­po di ultrà.

E par­te un pri­mo coro: “Bion­da, ma chi ti sfonda”.

Poi un altro: “Fac­ci gode­re, dac­ci il tuo sedere”.

E, esclu­sa la rea­zio­ne quan­to meno imba­raz­za­ta del mio grup­po, tut­ti intor­no a noi o can­ta­no o ridacchiano. 

Poi comin­cia la par­ti­ta e la cur­va si dimen­ti­ca del­la ragaz­za, che non so come abbia rea­gi­to, era trop­po lon­ta­na, ma cer­ta­men­te è rimasta.

Sco­pro, alli­bi­to, dai discor­si dei miei ami­ci, che suc­ce­de­va spesso.

Sono pas­sa­ti tan­ti anni, ma lo stri­scio­ne espo­sto nel­la cur­va Fie­so­le ci ripor­ta sem­pre lì.

Cer­to, non tut­ti la pen­sa­no così in quel­la cur­va, la stes­sa Gre­ta Bec­ca­glia pare sia tifo­sa vio­la, ma non è un pro­ble­ma di quel­la squa­dra o di quel­lo sta­dio, anzi, è pro­prio la con­fer­ma che, appun­to, sia­mo sem­pre lì, in qua­lun­que sta­dio, come a Geno­va quan­do è pas­sa­ta la ragaz­za con il tosaerba.

E quan­do esco­no, per­ché, pove­ri­ni, han­no per­so, e vedo­no una don­na che fa solo il suo lavo­ro (anche lei da tifo­sa ha per­so, fra l’altro), si sen­to­no in dirit­to di affer­ma­re la loro supe­rio­ri­tà maschi­le, il loro pote­re, per­ché la pac­ca sul sede­re è que­sto, io ti pos­so dare una pac­ca anche lì dove non si potreb­be, così impa­ri a met­te­re i jeans attillati.

Ora, ci sareb­be da discu­te­re sul­la pre­sun­ta supe­rio­ri­tà maschi­le, visto che fare una cosa del gene­re inqua­dra­ti da una tele­ca­me­ra men­tre una don­na sta tra­smet­ten­do in diret­ta tele­vi­si­va, e spe­ra­re di scam­par­la e di non pagar­ne subi­to le con­se­guen­ze media­ti­che, non depo­ne cer­to per un’intelligenza superiore.

Allo­ra par­to­no le difese.

La goliar­dia, ormai un gran­de clas­si­co del­la giu­ri­spru­den­za, la nuo­va scri­mi­nan­te uti­liz­za­ta anche da raz­zi­sti e fascisti.

Poi lo smi­nui­re il com­por­ta­men­to, ma come un rea­to, mica sarà come uno stu­pro no?

No, è cer­ta­men­te meno gra­ve, però rima­ne vio­len­za ses­sua­le, ed effet­ti­va­men­te è un rea­to, lo dice la Cassazione.

E qui arri­via­mo al punto.

Il dare una pac­ca sul sede­re a una don­na non è per­ce­pi­to dal­la mag­gio­ran­za dell’opinione pub­bli­ca, e inten­do non solo maschi­le, come una cosa gra­ve, come un rea­to, ma solo, al mas­si­mo, come una scioc­chez­za, uno scher­zo, un pic­co­lo, insi­gni­fi­can­te, erro­re in una car­rie­ra di vita immacolata. 

E chi, uomo, non è d’accordo, come me, su quest’ultima “inter­pre­ta­zio­ne”, nel­la vita rea­le vie­ne guar­da­to con com­mi­se­ra­zio­ne, “ma dai” “ma cosa vuoi che sia” “ci sono cose ben più gravi”. 

Tra l’altro, se non ci fos­se sta­ta la diret­ta tele­vi­si­va non l’avremmo nean­che sapu­to, e l’autore non sareb­be mai sta­to identificato.

Chis­sà quan­te vol­te suc­ce­de ogni gior­no in altri con­te­sti sen­za nes­su­na pos­si­bi­li­tà di denun­cia, per­ché non ti cre­de nessuno. 

Quin­di che fare?

Due cose.

La puni­zio­ne, che non devo­no esse­re neces­sa­ria­men­te i lavo­ri for­za­ti alla Cayen­na. Basta un pro­ces­so pena­le e una con­dan­na for­ma­le, anche a lavo­ri di pub­bli­ca uti­li­tà, anche pas­sa­re due ore la set­ti­ma­na a puli­re i giar­di­net­ti medi­tan­do su come si sia arri­va­ti lì, sul fat­to che la socie­tà affer­mi che è sba­glia­to, che non si fa, che ha del­le conseguenze. 

È impor­tan­te non pas­sar­ci sopra, anche se, pur­trop­po, vie­ne tut­to cari­ca­to sul­le spal­le del­la vit­ti­ma, che, per l’ottica distor­ta patriar­ca­le, se denun­cia diven­ta, lei, la vera respon­sa­bi­le del­le con­se­guen­ze sul­la vita di chi ha com­mes­so il fatto.

E poi l’educazione.

Ser­vi­reb­be pro­muo­ve­re sin dal­la scuo­la “la cul­tu­ra del rispet­to e dell’inclusione” al fine di “con­tra­sta­re i pre­giu­di­zi, le discri­mi­na­zio­ni e le vio­len­ze moti­va­ti dall’orientamento ses­sua­le e dall’identità di gene­re, in attua­zio­ne dei prin­cì­pi di egua­glian­za e di pari digni­tà socia­le san­ci­ti dal­la Costituzione.” 

Vi dice qualcosa?

È una par­te dell’art. 7 del DDL Zan, affos­sa­to con giu­bi­lo dal­le destre (esul­tan­za defi­ni­ta, non a caso, “da sta­dio”), che secon­do i “media­to­ri” sedi­cen­ti di sini­stra, che han­no con­tri­bui­to atti­va­men­te all’affossamento con il voto segre­to, dove­va e deve esse­re tol­to per con­sen­ti­re l’approvazione del­la legge. 

E che inve­ce ser­vi­reb­be, ecco­me se ser­vi­reb­be, non solo con­tro l’omofobia, la lesbo­fo­bia, la bifo­bia e la transfobia.

Un pic­co­lo pas­so, per pro­va­re a fare in modo che fra qual­che anno le cur­ve sia­no sem­pre più popo­la­te da per­so­ne diver­se e miglio­ri, e che que­ste per­so­ne diven­ti­no mag­gio­ran­za, non solo in cur­va, e in Par­la­men­to, ma nel­la nostra società.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.