Senatori eletti e non eletti: la riforma costituzionale cangiante

L’ampia revi­sio­ne del­la Costi­tu­zio­ne su cui sare­mo chia­ma­ti a vota­re il 4 dicem­bre è – lo dico­no ormai tut­ti – scrit­ta in modo spes­so oscu­ro o ambi­guo. Que­sto con­sen­te tal­vol­ta ai suoi soste­ni­to­ri di espor­la con toni can­gian­ti a secon­da del­la luce del momen­to e degli interlocutori.

Negli ulti­mi gior­ni l’operazione è in cor­so nien­te­me­no che rispet­to alla com­po­si­zio­ne del Sena­to, l’ombelico di tut­ta la rifor­ma costi­tu­zio­na­le. Que­sta, infat­ti, par­te dall’annuncio di “sena­to­ri non elet­ti e non paga­ti” e vie­ne pre­sen­ta­ta, infat­ti, dal segre­ta­rio del Pd, padre del­la rifor­ma, alla dire­zio­ne del suo par­ti­to (6 feb­bra­io 2014) come la rifor­ma dei quat­tro palet­ti, che sono: 1. non elet­ti­vi­tà dei sena­to­ri; 2. assen­za di inden­ni­tà per i sena­to­ri; 3. eli­mi­na­zio­ne del pote­re del Sena­to di dare e toglie­re la fidu­cia al gover­no; 4. eli­mi­na­zio­ne del pote­re del Sena­to di vota­re il bilancio.

Il palet­to che ci inte­res­sa è quin­di il pri­mo, tra­dot­to pun­tual­men­te nell’articolo 2 del­la rifor­ma che modi­fi­ca l’articolo 57 del­la Costi­tu­zio­ne il cui testo è – nel caso – chia­ris­si­mo: «i Con­si­gli regio­na­li e i Con­si­gli del­le Pro­vin­ce auto­no­me di Tren­to e di Bol­za­no eleg­go­no, con meto­do pro­por­zio­na­le, i sena­to­ri tra i pro­pri com­po­nen­ti e, nel­la misu­ra di uno per cia­scu­no, tra i sin­da­ci dei Comu­ni dei rispet­ti­vi territori».

Ora, nel­la secon­da let­tu­ra effet­tua­ta dal Sena­to, è sta­to appro­va­to un emen­da­men­to inte­gra­ti­vo, in base al qua­le i Con­si­gli regio­na­li devo­no pro­ce­de­re all’elezione dei sena­to­ri «in con­for­mi­tà alle scel­te espres­se dagli elet­to­ri per i can­di­da­ti con­si­glie­ri in occa­sio­ne del rin­no­vo dei mede­si­mi orga­ni, secon­do le moda­li­tà sta­bi­li­te dal­la leg­ge di cui al sesto comma».

La nor­ma ha avu­to un’insperata for­tu­na, essen­do riu­sci­ta a con­vin­ce­re la per­ples­sa «mino­ran­za del Pd» a pas­sa­re da una posi­zio­ne cri­ti­ca a un voto favo­re­vo­le alla rifor­ma.   Tut­ta­via, le doti tau­ma­tur­gi­che dell’emendamento sono sta­te deci­sa­men­te soprav­va­lu­ta­te al pun­to di far con­clu­de­re a qual­cu­no che era sta­ta rein­tro­dot­ta l’elezione diret­ta dei senatori.

Natu­ral­men­te ciò è esclu­so dall’appena ripor­ta­to secon­do com­ma dell’art. 57, il qua­le pre­ve­de – con chia­rez­za, in que­sto caso – che «i Con­si­gli regio­na­li e i Con­si­gli del­le auto­no­mie loca­li eleg­go­no […] i sena­to­ri». D’altronde, per­ché tale ele­zio­ne avven­ga «in con­for­mi­tà del­le scel­te espres­se dagli elet­to­ri» basta che sia rispet­ta­ta la pro­por­zio­ne rispet­to ai voti e ai seg­gi otte­nu­ti dal­le diver­se liste, per cui non ver­reb­be aggiun­to nul­la rispet­to a quan­to già pre­vi­sto allo stes­so art. 57, secon­do e set­ti­mo com­ma. Alcu­ni vor­reb­be­ro che la pre­vi­sio­ne fos­se riem­pi­ta di signi­fi­ca­to impo­nen­do, per leg­ge, ai Con­si­gli regio­na­li di eleg­ge­re al Sena­to i con­si­glie­ri che han­no otte­nu­to il mag­gior nume­ro di pre­fe­ren­ze popo­la­ri o addi­rit­tu­ra che vi fos­se una secon­da sche­da con cui gli elet­to­ri indi­che­reb­be­ro i con­si­glie­ri regio­na­li-sena­to­ri (e non i sindaci-senatori).

Tut­to que­sto risul­ta esclu­so dal secon­do com­ma, come dice­va­mo e più in par­ti­co­la­re pone alcu­ni problemi:

  1. in base all’art. 122 del­la Costi­tu­zio­ne, cia­scu­na Regio­ne appro­va la sua leg­ge elet­to­ra­le, men­tre la leg­ge sta­ta­le può solo det­ta­re i prin­ci­pi fon­da­men­ta­li del­la stessa;
  2. in ogni caso, sareb­be inco­sti­tu­zio­na­le una leg­ge che vani­fi­can­do il com­ma 2, impe­di­sca che quel­la dei Con­si­gli regio­na­li sia una vera e pro­pria ele­zio­ne (visto che si san­ci­sce espres­sa­men­te che i Con­si­gli regio­na­li eleg­go­no i senatori);
  3. si cree­reb­be peral­tro una dif­fe­ren­za, ingiu­sti­fi­ca­ta e ingiu­sti­fi­ca­bi­le, tra i sena­to­ri-con­si­glie­ri regio­na­li e i sena­to­ri-sin­da­ci (pari al 50% del tota­le nel­la metà del­le Regio­ni ita­lia­ne) per i qua­li non vi è nep­pu­re nes­su­na gene­ra­le indi­ca­zio­ne (altro che obbli­go di “con­for­mi­tà”) rispet­to alle indi­ca­zio­ni degli elettori;
  4. in ogni caso, che sen­so avreb­be avu­to toglie­re la rap­pre­sen­tan­za del­la nazio­ne per asse­gna­re quel­la del­le isti­tu­zio­ni ter­ri­to­ria­li a sena­to­ri elet­ti dai cit­ta­di­ni? E poi che sen­so avreb­be allo­ra sta­bi­li­re che «i Con­si­gli regio­na­li eleg­go­no i sena­to­ri»? Sono paro­le inse­ri­te così, tan­to per appe­san­ti­re un po’ il testo?

La discus­sio­ne, assur­da come spes­so quel­le che riguar­da­no que­sta revi­sio­ne costi­tu­zio­na­le, fa per­de­re tem­po rispet­to all’esame dei rea­li con­te­nu­ti e mostra solo una cosa: che si cer­ca sem­pre di soste­ne­re tut­to e il con­tra­rio di tut­to, pie­gan­do il signi­fi­ca­to del­le paro­le e tenen­do­si lon­ta­ni solo dal­la chia­rez­za, per aggiu­sta­re il sen­so a secon­da del momen­to, dell’interlocutore, in un tra­sfor­mi­smo per­ma­nen­te non più solo di posi­zio­ni poli­ti­che e allean­ze, ma addi­rit­tu­ra, ormai, anche di nor­me. Più che la rifor­ma del cam­bia­men­to sem­bra la rifor­ma del cangiamento.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.