Se è lavoro, va pagato

“Chi pren­de il red­di­to di cit­ta­di­nan­za può comin­cia­re ad anda­re a lavo­ra­re” nei cam­pi per rac­co­glie­re la frut­ta e la ver­du­ra, visto che gli agri­col­to­ri stan­no facen­do fati­ca a tro­va­re lavo­ra­to­ri per la sta­gio­ne del­la rac­col­ta. “Così resti­tui­sce un po’ quel­lo che pren­de”. (Ste­fa­no Bonac­ci­ni, fon­te TPI).

Col­pi­sce la dichia­ra­zio­ne di Ste­fa­no Bonac­ci­ni, da poco ricon­fer­ma­to Pre­si­den­te del­la Regio­ne Emi­lia Roma­gna, che arri­va insie­me alla denun­cia del­la Col­di­ret­ti, pre­oc­cu­pa­ta dal lie­vi­ta­re di prez­zi di frut­ta e ver­du­ra che potreb­be­ro subi­re un aumen­to fino a 40 vol­te. Sem­bra, infat­ti, che l’epidemia di Covid-19 sul ter­ri­to­rio nazio­na­le, e il con­se­guen­te loc­k­do­wn del Pae­se, oltre a crea­re dif­fi­col­tà alle espor­ta­zio­ni, impon­ga insor­mon­ta­bi­li bar­rie­re all’accesso dei lavo­ra­to­ri sta­gio­na­li stra­nie­ri che ogni anno popo­la­no le nostre cam­pa­gne: ne man­che­reb­be­ro all’appello 200.000, secon­do le sti­me di Col­di­ret­ti. E la con­se­guen­te caren­za di mano­do­pe­ra per i rac­col­ti met­te in cri­si tan­tis­si­me azien­de del­la filie­ra agroa­li­men­ta­re. Stu­pi­sce, inol­tre, come la posi­zio­ne di Bonac­ci­ni coin­ci­da per­fet­ta­men­te con quel­la di Loren­zo­ni, Depu­ta­ta elet­ta nel­le file del­la Lega, che vor­reb­be man­da­re nei cam­pi chi per­ce­pi­sce il red­di­to di cit­ta­di­nan­za per “toglie­re ali­bi a chi cre­de sia un bonus”. E que­sto non fa altro che con­fer­ma­re, anco­ra una vol­ta, come la poli­ti­ca nostra­na non rie­sca a trar­re nes­sun inse­gna­men­to dal­la cri­si eco­no­mi­ca gene­ra­ta dal­la pan­de­mia, tut­ti sal­di nel­la dife­sa del siste­ma respon­sa­bi­le di tan­te, trop­pe stor­tu­re. Per­ché se c’è qual­co­sa che si può — e si deve — impa­ra­re da que­sta emer­gen­za sani­ta­ria e socia­le è che il model­lo di svi­lup­po por­ta­to avan­ti fino ad oggi è fal­la­ce, se non addi­rit­tu­ra peri­co­lo­so. E inve­ce no: sia­mo anco­ra qui, ad ali­men­ta­re un model­lo bastar­do e sba­glia­to, dispo­sti a sfrut­ta­re esse­ri uma­ni fino allo schia­vi­smo, che sia­no que­sti immi­gra­ti – che a quan­to pare sono i ben­ve­nu­ti se stru­men­ta­li al siste­ma — o con­na­zio­na­li pesca­ti dal­le fasce più debo­li del­la popo­la­zio­ne. Dispo­sti a tut­to pur di tene­re bas­so il costo del lavo­ro e i prez­zi sul mer­ca­to. Peral­tro si fa fati­ca ad imma­gi­na­re come potreb­be esse­re strut­tu­ra­to giu­ri­di­ca­men­te il rap­por­to di lavo­ro dei per­cet­to­ri del red­di­to di cit­ta­di­nan­za come rac­co­gli­to­ri a tito­lo gra­tui­to di frut­ta e ver­du­ra. Il red­di­to, che è di impor­to diver­so a secon­da del­le con­di­zio­ni fami­lia­ri, sareb­be impu­ta­to a retri­bu­zio­ne? E i con­tri­bu­ti? E se qual­cu­no si fa male, chi paga l’in­for­tu­nio? Oppu­re si fa tut­to in nero che tan­to pren­do­no già ben 500 euro al mese? Come sem­pre, si per­de una gran­de occa­sio­ne: quel­la per inver­ti­re un para­dig­ma così sba­glia­to che dovrem­mo rin­gra­zia­re la sfor­tu­na­ta con­giun­tu­ra per aver­ci dato la pos­si­bi­li­tà di ribal­tar­lo attuan­do — ad esem­pio — una vera e pro­pria rivo­lu­zio­ne lega­ta all’innovazione tec­no­lo­gi­ca e digi­ta­le in agri­col­tu­ra. Un nuo­vo model­lo che tra­sfor­me­reb­be un inte­ro set­to­re pro­dut­ti­vo, con­sen­ten­do una ridu­zio­ne del­le per­di­te lun­go le filie­re e garan­ten­do van­tag­gi com­pe­ti­ti­vi in gra­do di crea­re valo­re aggiun­to, ric­chez­za che potreb­be anda­re a riem­pi­re righe di bud­get dedi­ca­te alla retri­bu­zio­ne sala­ria­le. Chi ha la respon­sa­bi­li­tà di gover­no, a qual­sia­si livel­lo, dovreb­be pun­ta­re sull’impegno e l’educazione ad acqui­sti più consapevoli:che tute­li­no la salu­te di chi con­su­ma e i lavo­ra­to­ri del­la filie­ra pro­dut­ti­va, limi­tan­do la crea­zio­ne di ecce­den­ze e spre­chi che gene­ra­no impat­ti nega­ti­vi su ambien­te e col­let­ti­vi­tà. Pagan­do chi lavo­ra sala­ri con­grui, garan­ten­do tute­le e con­di­zio­ni lavo­ra­ti­ve digni­to­se e pro­dot­ti di qua­li­tà a prez­zi acces­si­bi­li. E que­sta sì che sareb­be una scel­ta coraggiosa.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.