“Scuole sicure” a Roma: emergenza o propaganda?

Dubito che chiunque abbia lavorato seriamente nella scuola o nella lotta alle tossicodipendenze possa ritenere la videosorveglianza e gli straordinari dei vigili urbani le armi più efficaci per ridurre il consumo di droghe da parte degli adolescenti.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]di Mar­ti­na Testa per Roma Possibile

Lo scor­so 25 set­tem­bre il grup­po con­si­lia­re del­la Lega in Cam­pi­do­glio ha pre­sen­ta­to un dos­sier sui pro­ble­mi strut­tu­ra­li degli edi­fi­ci che ospi­ta­no le scuo­le supe­rio­ri dell’area metro­po­li­ta­na di Roma. Dai dati pre­sen­ta­ti emer­ge una situa­zio­ne mol­to gra­ve. Due ter­zi degli edi­fi­ci cen­si­ti non ha la cer­ti­fi­ca­zio­ne antin­cen­dio; su nes­su­no è sta­to pos­si­bi­le, per man­can­za di fon­di, effet­tua­re le veri­fi­che anti­si­smi­che. In deci­ne di isti­tu­ti è anco­ra pre­sen­te l’amianto (dif­fi­ci­le capi­re quan­ti, sen­za ave­re acces­so al dos­sier stes­so, che non sem­bra dispo­ni­bi­le onli­ne: que­sto arti­co­lo dice “alme­no 10”; que­sto 32; in un pez­zo dell’agenzia di stam­pa Omni­ro­ma ripor­ta­to in un post su Face­book dal con­si­glie­re Car­lo Pas­sa­can­til­li, il diri­gen­te leghi­sta Fabri­zio San­to­ri par­la di 60 scuole).

Solo per gli inter­ven­ti di boni­fi­ca dall’amianto sareb­be­ro neces­sa­ri, stan­do a quan­to ripor­ta l’articolo del Cor­rie­re del­la Sera, 17 milio­ni di euro (20 milio­ni è la cifra indi­ca­ta dall’articolo di ilcorrieredellacitta.com).

Secon­do quan­to ripor­ta­to dal­le agen­zie di stam­pa, a mar­gi­ne del­la pre­sen­ta­zio­ne Fabri­zio San­to­ri se l’è pre­sa con la sin­da­ca Rag­gi, accu­san­do­la di non aver fat­to abba­stan­za fin qui e usan­do paro­le mol­to dure: “Voglia­mo vede­re qual­co­sa da par­te di que­sta ammi­ni­stra­zio­ne ma in que­sto momen­to c’è il nul­la più tota­le. […] I gril­li­ni ave­va­no dichia­ra­to di rivo­lu­zio­na­re Roma ma la luna di mie­le è già fini­ta”. (Sep­pu­re allea­ti al gover­no, Lega e Movi­men­to 5 Stel­le non sono allea­ti a Roma, dove in con­si­glio comu­na­le il Movi­men­to 5 Stel­le ha 28 seg­gi e Noi con Sal­vi­ni 3.)

Mi risul­ta impos­si­bi­le non col­le­ga­re que­sta noti­zia a un’altra, del­lo scor­so 11 set­tem­bre: il Mini­ste­ro degli Inter­ni ha desti­na­to 724.000 euro all’attuazione del pro­get­to “Scuo­le sicu­re” nel ter­ri­to­rio di Roma: si trat­ta di met­te­re le scuo­le al sicu­ro non dai sismi, dagli incen­di, dall’amianto, ma dai pre­sun­ti “spac­cia­to­ri di mor­te (spes­so immi­gra­ti irre­go­la­ri)” che secon­do il comu­ni­ca­to del Mini­ste­ro degli Inter­ni si appo­ste­reb­be­ro davan­ti ai loro can­cel­li. I 724.000 euro, quin­di, sono desti­na­ti al con­tra­sto del­la dif­fu­sio­ne del­le sostan­ze stu­pe­fa­cen­ti nel­le scuo­le tra­mi­te l’acquisto di tele­ca­me­re di sor­ve­glian­za e al paga­men­to di straor­di­na­ri (o a nuo­ve assun­zio­ni tem­po­ra­nee) di vigi­li urba­ni da man­da­re in pat­tu­glia davan­ti alle scuo­le. (Solo il 10% del 50% dei fon­di rice­vu­ti da ogni isti­tu­to, stan­do al Cor­rie­re del­la Sera, potrà esse­re usa­to per atti­vi­tà di edu­ca­zio­ne all’interno del­le scuole.)

Dubi­to che chiun­que abbia lavo­ra­to seria­men­te nel­la scuo­la o nel­la lot­ta alle tos­si­co­di­pen­den­ze pos­sa rite­ne­re la video­sor­ve­glian­za e gli straor­di­na­ri dei vigi­li urba­ni le armi più effi­ca­ci per ridur­re il con­su­mo di dro­ghe da par­te degli ado­le­scen­ti. Sono curio­sa di cono­sce­re gli esi­ti del pro­get­to “Scuo­le sicu­re” (stan­do al già cita­to arti­co­lo di La Repub­bli­ca, “La Pre­fet­tu­ra effet­tue­rà con­trol­li perio­di­ci, una vol­ta al mese, per veri­fi­ca­re i risul­ta­ti”; auspi­co che qual­cu­no ne rife­ri­sca pub­bli­ca­men­te); ma già ho visto la rea­zio­ne del­le auto­ri­tà sco­la­sti­che nel mio ter­ri­to­rio. Quan­do l’amministrazione Rag­gi ha prov­ve­du­to a ese­gui­re le diret­ti­ve del Mini­ste­ro (la Lega ha paro­le dure con­tro il Movi­men­to 5 Stel­le, ma il Movi­men­to 5 Stel­le sem­bra alli­near­si docil­men­te alle poli­ti­che del­la Lega), richie­den­do ai sin­go­li muni­ci­pi i nomi del­le scuo­le in cui atti­va­re il pro­get­to, tre di que­sti – il I, il III e l’VIII – si sono rifiu­ta­ti di far­lo, soste­nen­do che trat­ta­re il pro­ble­ma del­la dif­fu­sio­ne degli stu­pe­fa­cen­ti nel­le scuo­le come una que­stio­ne di ordi­ne pub­bli­co è “ina­de­gua­to e con­tro­pro­du­cen­te”.

Vice­ver­sa, il pro­ble­ma dell’amianto è più pres­san­te che mai: men­tre negli Sta­ti Uni­ti Trump lo rile­ga­liz­za, men­tre i lavo­ri sul crol­lo del Pon­te Moran­di a Geno­va sono osta­co­la­ti dal­la sua pre­sen­za, la cam­pa­gna #bastaa­mian­to sta facen­do pres­sio­ni sul gover­no per­ché ripri­sti­ni gli extra incen­ti­vi per la sosti­tu­zio­ne del­le coper­tu­re in amian­to con i pan­nel­li foto­vol­tai­ci. La rac­col­ta di fir­me a soste­gno del­la pro­po­sta pro­se­gue, le rispo­ste del gover­no era­no par­se insuf­fi­cien­ti in una pri­ma boz­za del decre­to sul­le ener­gie rin­no­va­bi­li, ma appa­io­no miglio­ra­te.

Resta un gros­so inter­ro­ga­ti­vo, una con­trad­di­zio­ne lam­pan­te. La Lega denun­cia la man­can­za di fon­di per l’edilizia sco­la­sti­ca, ma con­tem­po­ra­nea­men­te ne stan­zia per instal­la­re video­ca­me­re e auto­pat­tu­glie: qual è allo­ra la rea­le prio­ri­tà? La pro­pa­gan­da anti-immi­gra­ti e anti-dro­ga o la tute­la di un bene comu­ne e del­la salu­te degli stu­den­ti? I 724.000 euro per video­ca­me­re e vigi­li urba­ni equi­val­go­no a poco più del 4% dei 17 milio­ni neces­sa­ri alla boni­fi­ca defi­ni­ti­va dell’amianto nel­le scuo­le supe­rio­ri di Roma. Una goc­cia nel mare? Se desti­na­ti a quel­lo sco­po, avreb­be­ro comun­que segna­to una dif­fe­ren­za rispet­to al “nul­la più totale”.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.