Scopriamoci: il 10 giugno in piazza per il Roma Pride

Anche quest’anno, il 10 Giugno, Roma si colorerà dei colori dell’arcobaleno. Il claim della campagna mediatica sarà “Scopriamoci”, come individui e come comunità multiforme, mentre i principi di fondo saranno gli stessi di ogni anno: antifascismo, antisessismo e antirazzismo.
#

Il primo Pride a Roma si è tenuto nel 1994, 33 anni fa.

Il mio primo Pride, sempre a Roma, è stato invece nel 1999 quando mi son trasferito da Napoli ed il prossimo sarà il 18esimo.

Sebbene non avessi ancora fatto coming-out ricordo che non mi sentivo per nulla in difficoltà in mezzo a tutti quei ragazzi e ragazze, uomini e donne, gay, lesbiche, bisex, trans e tutti gli eterosessuali che ogni anno marciano insieme in quella manifestazione e da allora, dal 1999, ho mancato una sola data.

Anche quest’anno, il 10 Giugno, Roma si colorerà dei colori dell’arcobaleno. Il claim della campagna mediatica sarà “Scopriamoci”, come individui e come comunità multiforme, mentre i principi di fondo saranno gli stessi di ogni anno: antifascismo, antisessismo e antirazzismo. Il Pride manifesterà ancora per la piena laicità, per l’autodeterminazione delle donne e di ogni persona. Nel nome dell’uguaglianza chiederà ancora che tutte e tutti possano scegliere di sposarsi e riconoscere alla nascita i figli nati dalla coppia, cosi come di adottare pienamente. E tanto altro ancora.

Parole d’ordine insomma, non semplici slogan per far si che omofobia, lesbofobia, bifobia e transfobia scompaiano definitivamente.

Per le vie di Roma ci sarà ancora una volta una moltitudine di gay, lesbiche, bisex, persone trans, intersessuali ed etero. Io, in tutti i miei Pride, mi sono sempre accompagnato ad amici per lo più etero che, sicuramente consapevoli del suo significato, ma anche un po’ curiosi di partecipare ”live”, sono venuti con me e mio “marito”. Ed è importante che a manifestare ci siano anche loro: i nostri amici, i nostri familiari, le persone insomma con cui viviamo le nostre quotidianità. Quelle persone che condividono le nostre gioie, le nostre preoccupazioni, i nostri dolori, con le quali affrontiamo tutti i discorsi sulla ricchezza delle diversità, perché conoscendoci e capendoci si faranno a loro volta portavoce del nostro essere, del nostro vissuto, del nostro sentire.

Come militante di Possibile posso affermare senza remore che anche la comunità politica a cui ho scelto di appartenere è cosi.

Possibile sin dalla sua nascita si è configurato come il luogo dove si è se stessi nel totale rispetto delle peculiarità che ognuno di noi presenta. Non è un caso che tra le parole d’ordine di Possibile compaiano molte delle parole d’ordine di questo Pride.

Per questo i comitati romani di Possibile aderiscono convinti ed uniti anche quest’anno al RomaPride 2017, condividendo appieno il suo documento politico.

Fabio Iovine, Possibile Roma

  • 170
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati