#Scioperodeibraccianti – Le domande cui rispondere

Sui diritti non ci si può nascondere. E non si possono nascondere le domande che bisogna fare, per ridare dignità ai lavoratori e alle lavoratrici impiegati nell'agricoltura.

Sui diritti non ci si può nascondere. E non si possono nascondere le domande che bisogna fare, per ridare dignità ai lavoratori e alle lavoratrici impiegati nell’agricoltura.

Lo scrivevamo, nei giorni assurdi del dibattito sulla regolarizzazione dei migranti: se il prezzo all’origine di un chilo di limoni si aggira intorno ai 70 centesimi di euro, per poi essere venduto sugli scaffali della grande distribuzione a 3 euro (o anche di più, se si parla di prodotti “bio”), con un incremento di valore aggiunto del 500%, è ovvio che il problema risiede nella redistribuzione della ricchezza lungo la filiera. O, per meglio dire, nella totale mancanza di redistribuzione.

E quindi è scontato che, per garantirsi dei margini di profitto, i produttori vadano a tagliare i costi dove possono: il lavoro, con un sistema completamente sbilanciato a valle, che scarica la maggior parte dei costi e dei ricarichi sul consumatore finale.

Con lo sciopero di oggi, ci auguriamo che possa finalmente iniziare nel dibattito pubblico un’analisi sui “perché”. Perché è stato così diffuso, fino a ora, il ricorso alla manodopera irregolare e al caporalato? Perché non si affronta il grande problema della creazione di valore aggiunto lungo la filiera produttiva del settore agricolo? Perché sono poche le persone che si dedicano a questo tipo di lavoro?

Sono queste le domande cui bisogna rispondere. Perché a marcire non siano i diritti.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati