Salvini, tutto quel che c’è da sapere sull’autorizzazione a procedere

Come abbiamo già scritto, è vero che l’argomento non è l’immunità parlamentare (ma questo dovrebbe spiegarlo ai suoi alleati pentastellati) ma è verissimo, invece, che questo voto è un salva-Salvini, perché la legge n. 1/89 istitutiva del Tribunale dei Ministri prevede un meccanismo di “salvataggio”, a insindacabile giudizio della camera di appartenenza, molto più efficace di qualsiasi immunità parlamentare.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Il pre­mier Con­te è inter­ve­nu­to nuo­va­men­te sul­la richie­sta di auto­riz­za­zio­ne a pro­ce­de­re nei con­fron­ti di Mat­teo Sal­vi­ni, mini­stro degli interni.

Come ripor­ta Fan­pa­ge, ha dichia­ra­to:   

Par­la­re di immu­ni­tà è uno stra­fal­cio­ne giu­ri­di­co, defi­ni­re que­sto voto un sal­va-Sal­vi­ni è un fal­so che rischia di favo­ri­re il dibat­ti­to pub­bli­co. Biso­gna ave­re chia­ro il que­si­to giu­ri­di­co a cui saran­no chia­ma­ti a rispon­de­re i sena­to­ri: se abbia agi­to per il per­se­gui­men­to di un inte­res­se del­lo Sta­to costi­tu­zio­nal­men­te rile­van­te o di un inte­res­se pub­bli­co ine­ren­te alla fun­zio­ne di gover­no o se abbia agi­to al di fuo­ri del suo ruo­lo mini­ste­ria­le per i suoi pro­pri inte­res­si per­so­na­li”.

Come abbia­mo già scrit­to, è vero che l’argomento non è l’immunità par­la­men­ta­re (ma que­sto dovreb­be spie­gar­lo ai suoi allea­ti pen­ta­stel­la­ti) ma è veris­si­mo, inve­ce, che que­sto voto è un sal­va-Sal­vi­ni, per­ché la leg­ge n. 1/89 isti­tu­ti­va del Tri­bu­na­le dei Mini­stri pre­ve­de un mec­ca­ni­smo di “sal­va­tag­gio”, a insin­da­ca­bi­le giu­di­zio del­la came­ra di appar­te­nen­za, mol­to più effi­ca­ce di qual­sia­si immu­ni­tà par­la­men­ta­re.

In ogni caso il que­si­to giu­ri­di­co non è affat­to quel­lo riportato.

Il vero que­si­to giu­ri­di­co è se Sal­vi­ni abbia agi­to per il per­se­gui­men­to di un inte­res­se del­lo Sta­to costi­tu­zio­nal­men­te rile­van­te o di un inte­res­se pub­bli­co ine­ren­te alla fun­zio­ne di gover­no, ma non in con­trap­po­si­zio­ne ad un inte­res­se per­so­na­le e pri­va­to.

Que­sto è già evi­den­te e incontestato.

Quel­lo che devo­no valu­ta­re i sena­to­ri è se non aver rispo­sto alla richie­sta di POS (Pla­ce of Safe­ty) cioè di indi­vi­dua­re un por­to sicu­ro e con­sen­ti­re lo sbar­co, pri­van­do ille­git­ti­ma­men­te del­la liber­tà per­so­na­le 177 per­so­ne, com­pre­si mino­ri non accom­pa­gna­ti, sia atto di com­pe­ten­za del mini­stro degli inter­ni, e anzi aver espli­ci­ta­men­te nega­to lo sbar­co, quin­di aver seque­stra­to quel­le per­so­ne, sia una legit­ti­ma ini­zia­ti­va poli­ti­ca per spin­ge­re altri sog­get­ti poli­ti­ci a deter­mi­na­te deci­sio­ni.

Se cioè si pos­sa per­se­gui­re un inte­res­se che si defi­ni­sce costi­tu­zio­nal­men­te rile­van­te (Sal­vi­ni, che non nega il fat­to con­te­sta­to, atten­zio­ne, que­sto è impor­tan­tis­si­mo, e bla­te­ra di dife­sa dei con­fi­ni) quan­do l’interesse costi­tu­zio­nal­men­te rile­van­te, e pre­mi­nen­te, è esat­ta­men­te quel­lo con­tra­rio: met­te­re in sicu­rez­za le per­so­ne sal­va­te da un nau­fra­gio e dare la pos­si­bi­li­tà ai nau­fra­ghi di chie­de­re tute­la e asi­lo, non poten­do sape­re se sono por­ta­to­ri di un dirit­to sog­get­ti­vo in tal sen­so, cir­co­stan­za che solo l’Autorità Giu­di­zia­ria può valutare.

Non c’è nul­la di personale.

Se fos­se legit­ti­mo il seque­stro, ricor­do che il fat­to è incon­te­sta­to, per “con­vin­ce­re” altri Sta­ti a pren­de­re deter­mi­na­te deci­sio­ni, allo­ra in teo­ria sareb­be legit­ti­ma anche la tor­tu­ra o l’omicidio.

Il pros­si­mo pas­so qua­le sarà, taglia­re qual­che orec­chio da man­da­re in Euro­pa, o giu­sti­ziar­ne uno ogni ora, come fan­no i seque­stra­to­ri di professione?

Vota­re “No” e sign­fi­ca accet­ta­re que­ste con­se­guen­ze logi­che e giuridiche.

Peral­tro, le ragio­ni per cui la moti­va­zio­ne poli­ti­ca non scri­mi­na l’autore del rea­to, e anzi come nep­pu­re pos­sa con­si­de­rar­si atto poli­ti­co in sen­so stret­to un seque­stro (e come potreb­be?), sono ana­li­ti­ca­men­te esa­mi­na­te e con­fu­ta­te nel­la richie­sta di auto­riz­za­zio­ne a pro­ce­de­re.

Quin­di quan­do Con­te aggiun­ge “In meri­to alla deci­sio­ne del­la Giun­ta del Sena­to sul­la doman­da di auto­riz­za­zio­ne a pro­ce­de­re avan­za­ta nei con­fron­ti del mini­stro Mat­teo Sal­vi­ni per il caso del­la nave Diciot­ti, si sta con­su­man­do un caso di disin­for­ma­zio­nesta par­lan­do di sé stes­so e del gover­no tut­to, che sta cer­can­do in ogni modo di giu­sti­fi­ca­re l’ingiustificabile per non per­de­re la fac­cia.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.