Salvini, l’ignoranza delle regole e la confusione in salsa versiliana

Sophia nasce con deci­sio­ne del Con­si­glio UE del 18 mag­gio 2015 ed è un’o­pe­ra­zio­ne mili­ta­re del­l’U­nio­ne euro­pea, deno­mi­na­ta uffi­cial­men­te EUNAVFOR MED, fina­liz­za­ta a “sman­tel­la­re il model­lo di busi­ness del­le reti del traf­fi­co e del­la trat­ta di esse­ri uma­ni nel Medi­ter­ra­neo cen­tro­me­ri­dio­na­le”, “adot­tan­do misu­re siste­ma­ti­che per indi­vi­dua­re, fer­ma­re e met­te­re fuo­ri uso imbar­ca­zio­ni e mez­zi usa­ti o sospet­ta­ti di esse­re usa­ti dai pas­sa­to­ri o dai traf­fi­can­ti, in con­for­mi­tà del dirit­to inter­na­zio­na­le applicabile.”

Il mini­stro Sal­vi­ni — che dopo Mila­no Marit­ti­ma appro­da in Ver­si­lia — minac­cia (a chi?) di inter­rom­pe­re que­sta ope­ra­zio­ne, “per­ché se sia­mo in 27 pae­si, allo­ra dob­bia­mo divi­de­re per 27”, rife­ren­do­si non all’ultimo ban­chet­to coi suoi soda­li (famo alla roma­na?) ma ai “45.000 clan­de­sti­ni” asse­ri­ta­men­te por­ta­ti in Ita­lia dall’operazione Sophia.

Un mini­stro che ama il mare ma non cono­sce il dirit­to del mare e non sa di cosa par­la.

Per­ché l’operazione Sophia, di cui abbia­mo qui descrit­to testual­men­te la mis­sion, con la redi­stri­bu­zio­ne dei migran­ti fra i pae­si mem­bri dell’Unione Euro­pea c’entra come i cavo­li a meren­da.

Sophia è un’operazione mili­ta­re vol­ta a con­tra­sta­re l’immigrazione ille­ga­le e il traf­fi­co di esse­ri uma­ni ma la distri­bu­zio­ne dei migran­ti tra gli Sta­ti è rego­la­ta da altre nor­me, come quel Rego­la­men­to di Dubli­no sul­la cui rifor­ma — men­tre la Lega di Sal­vi­ni diser­ta­va i lavo­ri, in altre fac­cen­de affac­cen­da­ta — il Par­la­men­to euro­peo ha lun­ga­men­te discus­so fino ad appro­da­re ad un voto sto­ri­co che la nostra euro­par­la­men­ta­re Elly Schlein, tra i rela­to­ri del prov­ve­di­men­to, ha così descrit­to: “si supe­ra il cri­te­rio ipo­cri­ta del pri­mo pae­se d’accesso e si sosti­tui­sce con un mec­ca­ni­smo auto­ma­ti­co e per­ma­nen­te di ricol­lo­ca­men­to cui tut­ti gli sta­ti sono tenu­ti a par­te­ci­pa­re, pena con­se­guen­ze sui fon­di strut­tu­ra­li.

Sareb­be poi nor­ma­le che un gior­na­li­sta qual­sia­si in un pae­se nor­ma­le faces­se nota­re dia­let­ti­ca­men­te allo stra­par­lan­te Mini­stro dell’Interno che quel­li che lui chia­ma “clan­de­sti­ni” sono tut­ti poten­zia­li richie­den­ti asi­lo, che solo dopo il dove­ro­so sal­va­tag­gio in mare, l’approdo nel por­to sicu­ro più vici­no e il vaglio del­la doman­da di pro­te­zio­ne inter­na­zio­na­le da par­te di una Com­mis­sio­ne indi­pen­den­te a ciò depu­ta­ta dal­la leg­ge, potran­no esse­re defi­ni­ti in un modo (irre­go­la­ri, migran­ti eco­no­mi­ci) o nell’altro (rifu­gia­ti o tito­la­ri di pro­te­zio­ne sus­si­dia­ria o umanitaria).

Non sono sot­ti­gliez­ze da azzec­ca­gar­bu­gli ma il mini­mo sin­da­ca­le di cul­tu­ra costi­tu­zio­na­le che si dovreb­be esi­ge­re da un Mini­stro del­la Repubblica.

Che con­fon­de Sophia con Dubli­no e che pen­sa di pote­re disin­vol­ta­men­te elu­de­re e impu­ne­men­te vio­la­re le nor­me inter­ne e inter­na­zio­na­li del dirit­to marit­ti­mo e umanitario.

Fin­ché una magi­stra­tu­ra più atten­ta di quel­la che, sba­glian­do com­ple­ta­men­te la mira, ha inda­ga­to le ong e le ha scre­di­ta­te pub­bli­ca­men­te finen­do poi per archi­via­re l’inchiesta, non lo chia­me­rà a rispon­de­re del­le sue respon­sa­bi­li­tà (non solo politiche).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.