Salute, Civati-Capogna (Possibile): Garantire a tutte e tutti l’accesso ai farmaci ormonali

Apprendiamo del declassamento dalla fascia A a quella C del farmaco Progynova con un aumento triplicato del prezzo di vendita. Una scelta che riteniamo assurda considerato il fatto che tale farmaco viene usato nelle terapie ormonali sostitutive in particolare dalle persone in transizione.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]“Appren­dia­mo del declas­sa­men­to dal­la fascia A a quel­la C del far­ma­co Pro­gy­no­va con un aumen­to tri­pli­ca­to del prez­zo di ven­di­ta. Una scel­ta che rite­nia­mo assur­da con­si­de­ra­to il fat­to che tale far­ma­co vie­ne usa­to nel­le tera­pie ormo­na­li sosti­tu­ti­ve in par­ti­co­la­re dal­le per­so­ne in tran­si­zio­ne. La declas­sa­zio­ne e l’aumento del costo, che in fascia C è tut­to a cari­co del richie­den­te, deter­mi­na­no un dan­no gra­ve, anche eco­no­mi­co, e met­to­no in discus­sio­ne il dirit­to alla salu­te di tut­te e tut­ti”. Lo dichia­ra­no in una nota Giu­sep­pe Civa­ti e Gian­mar­co Capo­gna di Pos­si­bi­le insie­me al Grup­po Trans di Bolo­gna.

“Già negli scor­si mesi — aggiun­go­no Civa­ti e Capo­gna — abbia­mo fat­to emer­ge­re, nel silen­zio gene­ra­le, la gra­ve cri­si sani­ta­ria che riguar­da­va il repe­ri­men­to dei far­ma­ci ormo­na­li per le tera­pie sosti­tu­ti­ve, che riguar­da­no le per­so­ne in tran­si­zio­ne ma anche altri pro­fi­li di pazien­ti che han­no biso­gno di inte­gra­re il pro­prio fab­bi­so­gno ormo­na­le. Abbia­mo pre­sen­ta­to una inter­ro­ga­zio­ne all’allora mini­stra Gril­lo e lan­cia­to una peti­zio­ne su Change.org che viag­gia ver­so le 15mila sot­to­scri­zio­ni. Oggi rin­no­via­mo le doman­de per il dirit­to uni­ver­sa­le alla salu­te così come garan­ti­to dal­la nostra Costi­tu­zio­ne all’ar­ti­co­lo 32 e chie­dia­mo un inter­ven­to del mini­stro Spe­ran­za per incon­tra­re su que­sto tema le asso­cia­zio­ni del mon­do trans* per affron­ta­re sen­za riser­ve il tema del repe­ri­men­to e dell’accesso ai far­ma­ci ormo­na­li”.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata. 
Non basta il 1 dicembre ma serve un impegno deciso, strutturato, permanente capace di superare il mero approccio sanitario e di prevenzione e di guardare oltre, anche alla qualità della vita e alla piena inclusione delle persone sierocoinvolte. Per liberarle da uno stigma che viene dato loro da una società che ha ancora paura di affrontare questo tema.