Riforma Costituzionale: cosa dice il manifesto dei valori del PD? #Amarcord

In que­sti mesi di cam­pa­gna refe­ren­da­ria, gli espo­nen­ti del PD che più si sono spe­si per il Sì, quan­do non era­no impe­gna­ti a rac­con­ta­re come que­sta rifor­ma asso­mi­gli a quel­la del cen­tro­de­stra del 2006, non han­no man­ca­to di ricor­da­re (in tota­le assen­za di anche solo un bar­lu­me di prin­ci­pio di non con­trad­di­zio­ne), come la rifor­ma su cui vote­re­mo il 4 dicem­bre sia comun­que in asso­lu­ta con­ti­nui­tà con il per­cor­so poli­ti­co del PD e del­l’Uli­vo.

Ebbe­ne, in dicem­bre non solo ci sarà il fati­di­co ed esi­zia­le (dico­no loro) voto sul refe­ren­dum costi­tu­zio­na­le, ma poco dopo ricor­re­ran­no anche i die­ci anni dal­la pub­bli­ca­zio­ne del Mani­fe­sto per il Par­ti­to Demo­cra­ti­co, pro­mos­so da Roma­no Pro­di. E anche se non spet­ta a noi cele­bra­re que­sta ricor­ren­za, for­se è bene ricor­dar­la a quan­ti mil­lan­ta­no di aver rac­col­to quel­la ere­di­tà, spe­cie in tema di rifor­me costituzionali.

Come det­to, infat­ti, Roma­no Pro­di in pri­ma per­so­na, nel cor­so del 2006, inca­ri­cò tre­di­ci per­so­na­li­tà di spic­co del mon­do del­la cul­tu­ra e del­la poli­ti­ca (Rita Bor­sel­li­no, Lilia­na Cava­ni, Dona­ta Got­tar­di, Rober­to Gual­tie­ri, Ser­gio Mat­ta­rel­la, Erme­te Rea­lac­ci, Vir­gi­nio Rogno­ni, Miche­le Sal­va­ti, Pie­tro Scop­po­la, Gior­gio Toni­ni, Sal­va­to­re Vas­sal­lo, Lucia­no Vio­lan­te, più Gior­gio Ruf­fo­lo che abban­do­nò in cor­so d’o­pe­ra la ste­su­ra del testo per con­tra­sti col resto del grup­po di lavo­ro) di redi­ge­re un Mani­fe­sto per il Par­ti­to Demo­cra­ti­co, uti­le a enun­cia­re i valo­ri del nuo­vo sog­get­to poli­ti­co, e pos­si­bi­le boz­za e base prov­vi­so­ria per un futu­ro mani­fe­sto di valo­ri da redi­ge­re suc­ces­si­va­men­te la nasci­ta del partito.

Il docu­men­to ven­ne reso pub­bli­co all’i­ni­zio del 2007, la ver­sio­ne fina­le del Mani­fe­sto dei valo­ri fu appro­va­ta dal­l’as­sem­blea costi­tuen­te il 16 feb­bra­io 2008.

Tra tut­ti, voglia­mo sot­to­li­nea­re in par­ti­co­la­re un pas­sag­gio del mani­fe­sto in que­stio­ne, che par­la pro­prio di Costi­tu­zio­ne e di rifor­me costi­tu­zio­na­li:

La Costi­tu­zio­ne repub­bli­ca­na, nata dal­la Resi­sten­za anti­fa­sci­sta, è il docu­men­to fon­da­men­ta­le dal qua­le pren­dia­mo le mos­se. La Costi­tu­zio­ne non è una sem­pli­ce rac­col­ta di nor­me: oggi non meno di ieri è la deci­sio­ne fon­da­men­ta­le assun­ta dal popo­lo ita­lia­no sul come e sul per­ché vive­re insie­me. È il più impor­tan­te fat­to­re di uni­tà nazio­na­le e di inte­gra­zio­ne socia­le, pro­prio in quan­to assi­cu­ra il con­sen­so del­la comu­ni­tà sui prin­cì­pi del­la con­vi­ven­za al suo inter­no e per­met­te di diri­me­re i con­flit­ti di opi­nio­ni e di inte­res­si. Il Par­ti­to Demo­cra­ti­co rico­no­sce i valo­ri che ispi­ra­no la Car­ta costi­tu­zio­na­le, uni­ta­men­te a quel­li del­la Car­ta dei dirit­ti uma­ni fon­da­men­ta­li dell’Unione Euro­pea e del­la Dichia­ra­zio­ne uni­ver­sa­le dei dirit­ti dell’uomo del­le Nazio­ni Uni­te, e li assu­me come prin­cì­pi vali­di per tut­ti, al di là del­le disu­gua­glian­ze lega­te alla nasci­ta, all’educazione, al red­di­to e alle con­di­zio­ni individuali.
La sicu­rez­za dei dirit­ti e del­le liber­tà di ognu­no risie­de nel­la sta­bi­li­tà del­la Costi­tu­zio­ne, nel­la cer­tez­za che essa non è alla mer­cè del­la mag­gio­ran­za del momen­to, e resta la fon­te di legit­ti­ma­zio­ne e di limi­ta­zio­ne di tut­ti i pote­ri. Il Par­ti­to Demo­cra­ti­co si impe­gna per­ciò a rista­bi­li­re la supre­ma­zia del­la Costi­tu­zio­ne e a difen­der­ne la sta­bi­li­tà, a met­ter fine alla sta­gio­ne del­le rifor­me costi­tu­zio­na­li impo­ste a col­pi di mag­gio­ran­za, anche pro­muo­ven­do le neces­sa­rie modi­fi­che al pro­ce­di­men­to di revi­sio­ne costi­tu­zio­na­le. La Costi­tu­zio­ne può e deve esse­re aggior­na­ta, nel sol­co dell’esperienza del­le gran­di demo­cra­zie euro­pee, con rifor­me con­di­vi­se, coe­ren­ti con i prin­cì­pi e i valo­ri del­la Car­ta del 1948, con­fer­ma­ti a lar­ga mag­gio­ran­za dal refe­ren­dum del 2006.

Ecco, non occor­re aggiun­ge­re altro: l’ac­cu­sa ha ter­mi­na­to, si potreb­be dire.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.