Il referendum lombardo-veneto è solo una conta interna

Una partita tutta interna, dalla Val Seriana a Roma, dalla quale tenersi ben lontani, denunciandone il populismo e i fini propagandistici.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1507114777967{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Pao­lo Beriz­zi, oggi su Repub­bli­ca, rac­con­ta del­la sua visi­ta a Cene, 4mila abi­tan­ti in pro­vin­cia di Ber­ga­mo. La Lega qui gover­na da quan­do esi­ste, più o meno. Tra «ma dove li met­te­te i gaze­bo?» e «potre­mo tener­ci i sol­di tut­ti per noi?» la con­fu­sio­ne è enor­me sot­to il cie­lo del­la Val Seriana.

Una sezio­ne leghi­sta rima­sta sen­za finan­zia­men­ti («420mila euro bloc­ca­ti a Ber­ga­mo, 300mila nel­le sezio­ni degli altri comu­ni») che non può fare la neces­sa­ria pro­pa­gan­da al suo refe­ren­dum e che ora teme di non rag­giun­ge­re un’affluenza del 50%, in un comu­ne dove la mede­si­ma mag­gio­ran­za ottie­ne, dal 1990, il 60–65% dei consensi.

È un refe­ren­dum che al momen­to non scal­da gli ani­mi (chis­sà mai che si infiam­mi­no nel­le ulti­me set­ti­ma­ne). Se in super­fi­cie quel che appa­re è una ten­sio­ne tra le anti­che pul­sio­ni auto­no­mi­ste e le nuo­ve pul­sio­ni nazio­na­li­ste, non è un caso che que­sta si mani­fe­sti ora, all’avvicinarsi del momen­to in cui si può pas­sa­re all’incasso, tra regio­na­li e poli­ti­che. Una lot­ta di pote­re sma­sche­ra­ta dal nazio­na­li­smo di Gior­gia Melo­ni: «se io fos­si fra i chia­ma­ti a refe­ren­dum in Lom­bar­dia e Vene­to io non ci non andrei, è un refe­ren­dum solo pro­pa­gan­di­sti­co», ha dichia­ra­to sen­za giri di paro­le, sca­te­nan­do la rea­zio­ne imme­dia­ta di Maro­ni, arri­va­to a met­te­re in dub­bio il pro­se­gui­men­to dell’esperienza di gover­no del­la Regio­ne (ma chi ci cre­de?): «dichia­ra­zio­ni nega­ti­ve, sba­glia­te e mol­to pesan­ti. E sic­co­me il refe­ren­dum è una cosa impor­tan­te, sia sul pia­no poli­ti­co sia sul pia­no isti­tu­zio­na­le, mi riser­vo di valu­ta­re que­ste dichia­ra­zio­ni sul pia­no del­la leal­tà del­l’al­lean­za di gover­no». Per­ché gli autonomisti/indipendentisti/secessionisti del­la Lega e i nazio­na­li­sti, al nord come a Roma (a par­te bre­ve paren­te­si), stan­no esat­ta­men­te dal­la stes­sa par­te, for­se per la pre­di­spo­si­zio­ne alla costru­zio­ne di muri (l’opposto di un sin­ce­ro auto­no­mi­smo, aper­to all’esterno e al mon­do, non identitario).

Sal­vi­ni, tira­to sia dal­la “sua” Lega che dal nazio­na­li­smo sovra­ni­sta, si tro­va nel­la ine­di­ta par­te del media­to­re. Cer­ca di sta­re defi­la­to, allon­ta­na i paral­le­li­smi con la Cata­lo­gna, ma qual­co­sa dovrà pur dire. E allo­ra: «Gior­gia Melo­ni ha top­pa­to: più i popo­li deci­do­no, meglio si spen­do­no i sol­di, più è dif­fi­ci­le ruba­re». Spie­ga­te­lo ai lom­bar­di gover­na­ti dal­la com­pa­gnia di For­mi­go­ni.

Una par­ti­ta tut­ta inter­na, dal­la Val Seria­na a Roma, dal­la qua­le tener­si ben lon­ta­ni, denun­cian­do­ne il popu­li­smo e i fini pro­pa­gan­di­sti­ci. E inve­ce i sin­da­ci e altri auto­re­vo­li espo­nen­ti del Par­ti­to Demo­cra­ti­co fan­no cam­pa­gna per il Sì, così come il Movi­men­to 5 Stel­le. Ve la ricor­da­te l’accozzaglia?[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.