Referendum Lombardia: dal plebiscito alle dimissioni

Maroni ha interrogato la Lombardia sull'autonomia, e la Lombardia ha risposto forte e chiaro: vuole l'autonomia, ma da Maroni e dalle cialtronerie leghiste. Un voto che da plebiscito si trasforma in richiesta di dimissioni per un governatore cui i cittadini hanno voltato le spalle.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1508704576753{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Maroni ha inter­ro­ga­to la Lom­bar­dia sul­l’au­to­no­mia, e la Lom­bar­dia ha rispo­sto for­te e chia­ro: vuo­le l’au­to­no­mia, ma da Maro­ni e dal­le cial­tro­ne­rie leghi­ste. Un voto che da ple­bi­sci­to si tra­sfor­ma in richie­sta di dimis­sio­ni per un gover­na­to­re cui i cit­ta­di­ni han­no vol­ta­to le spalle.

Se Zaia ora può fare quel­lo che pote­va già fare pri­ma, con­fer­man­do il pro­prio con­sen­so, Maro­ni nem­me­no quel­lo: sot­to il 50% di affluen­za (le sti­me attua­li stan­no tra il 38% e il 39%), nono­stan­te i 50 milio­ni di euro (di dana­ri pub­bli­ci) inve­sti­ti. Per sta­re ai dati, lo scor­so 4 dicem­bre, in occa­sio­ne del refe­ren­dum costi­tu­zio­na­le, in Lom­bar­dia votò oltre il 74% degli aven­ti dirit­to, cioè oltre 5,5 milio­ni di per­so­ne.

Dopo una cam­pa­gna elet­to­ra­le in cui l’i­sti­tu­zio­ne regio­na­le ha rac­con­ta­to bal­le per mesi (par­lan­do di resi­duo fisca­le, di sicu­rez­za, di immi­gra­zio­ne: tut­te cose che non c’en­tra­va­no nien­te), oggi ci tro­via­mo di fron­te a un flop di par­te­ci­pa­zio­ne sot­to gli occhi di tut­ti e che rag­giun­ge dimen­sio­ni sto­ri­che, anche in ragio­ne del­l’af­fluen­za regi­stra­ta in Veneto.

Alle regio­na­li del 2013, infat­ti, Maro­ni otten­ne 2.456.921 voti, e il Movi­men­to 5 Stel­le (pro­mo­to­re del refe­ren­dum insie­me alle destre) 775.211, per un tota­le di oltre 3,2 milio­ni di voti. Oggi la con­ta dovreb­be fer­mar­si, tenen­do con­to del sosten­go di nume­ro­si ammi­ni­stra­to­ri e par­la­men­ta­ri del PD, intor­no ai 2,9 milio­ni, con cir­ca 2,75 milio­ni di Sì. Più o meno gli stes­si voti di For­mi­go­ni nel 2010.

Se Maro­ni arre­tra, se Zaia non ci rac­con­ta nul­la di nuo­vo, Sal­vi­ni resta al palo, tra scar­sa affluen­za in Lom­bar­dia, spin­ta auto­no­mi­sta in Vene­to e spin­te nazio­na­li­sti­che e sovra­ni­ste: non c’è una fel­pa per que­sto lune­dì 23 ottobre.

Com­pli­men­ti inve­ce al M5S, che si è pre­sta­to alla tro­va­ta elet­to­ra­li­sti­ca del­la Lega in cam­bio di un tablet e di un siste­ma di vota­zio­ne tarocco.

E com­pli­men­ti anche ai sin­da­ci del Par­ti­to Demo­cra­ti­co, stre­nui difen­so­ri del­l’au­to­no­mi­smo che sono riu­sci­ti non solo a legit­ti­ma­re la cam­pa­gna maro­nia­na, ma anche a dare una bot­ta all’au­to­no­mi­smo, ben rap­pre­sen­ta­ta (la bot­ta) dal­la bas­sis­si­ma par­te­ci­pa­zio­ne al voto. Sem­pre stan­do ai dati, in pro­vin­cia di Ber­ga­mo (la cit­tà del can­di­da­to gover­na­to­re in pec­to­re del Pd) si regi­stra la mag­gior affluen­za: un buon con­tri­bu­to alla cau­sa leghi­sta, in vista del­le ele­zio­ni regio­na­li del 2018.

Dav­ve­ro un capo­la­vo­ro. Un capo­la­vo­ro da tut­ti i pun­ti di vista.

Giu­sep­pe Civati

Ste­fa­no Cato­ne[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.