Recovery Fund e politiche fossili: stiamo perdendo l’occasione di uscirne migliori

Il grande errore della politica fossile è quello di prendere decisioni come se ogni volta si trattasse di scegliere tra salute ed economia, tra salute e lavoro (o reddito): una contraddizione che la pandemia sta rendendo ancora più drammatica, ma che abbiamo visto all’opera da anni
desertificazione-clima-ambiente

Fin dal­le pri­me fasi del­la pan­de­mia è sta­to chia­ro che il ritor­no alla nor­ma­li­tà che alcu­ni si augu­ra­va­no non pote­va e non può esse­re la rispo­sta: non dob­bia­mo tor­na­re alla nor­ma­li­tà, per­ché in quel­la nor­ma­li­tà non c’è pro­prio nien­te di nor­ma­le.

Quel­la “nor­ma­li­tà” non solo è una del­le cau­se di que­sta cri­si sani­ta­ria, ma è anche respon­sa­bi­le dell’altra gran­de emer­gen­za di cui non pos­sia­mo dimen­ti­car­ci, l’emergenza cli­ma­ti­ca. 

Eppu­re, secon­do l’analisi di Vivid Eco­no­mics ripre­sa oggi dal Guar­dian, usci­re dal­la pan­de­mia pren­den­do una dire­zio­ne ambien­ta­li­sta, a livel­lo glo­ba­le, per ora non sem­bra esse­re al cen­tro degli sfor­zi di tut­ti i gover­ni. Di fron­te alla pro­spet­ti­va di una pesan­te cri­si eco­no­mi­ca, trop­pi stan­no anco­ra pro­get­tan­do inve­sti­men­ti in un’economia fos­si­le. Fos­si­le nel sen­so del­le ener­gie, ma anche del­la poli­ti­ca. E dell’estinzione del­le spe­cie: la nostra, anche. 

Il gran­de erro­re del­la poli­ti­ca fos­si­le è quel­lo di pren­de­re deci­sio­ni come se ogni vol­ta si trat­tas­se di sce­glie­re tra salu­te ed eco­no­mia, tra salu­te e lavo­ro (o red­di­to): una con­trad­di­zio­ne che la pan­de­mia sta ren­den­do anco­ra più dram­ma­ti­ca, ma che abbia­mo visto all’opera da anni, come a Taran­to, dove c’è l’Ilva, come a Spi­net­ta Maren­go, dove c’è la Sol­vay. E ora che biso­gna sce­glie­re come ripar­ti­re, l’errore si ripre­sen­ta di nuo­vo: eppu­re da anni stu­dio­si come Edward Bar­bier, del­la Colo­ra­do Sta­te Uni­ver­si­ty, e le ana­li­si del mer­ca­to del lavo­ro ci dico­no che la ricon­ver­sio­ne e l’economia soste­ni­bi­le pro­du­co­no e potreb­be­ro con­ti­nua­re a pro­dur­re milio­ni di posti di lavo­ro.

Inve­ce, gra­zie all’analisi di Vivid Eco­no­mics si sco­pre che alme­no 18 del­le mag­gio­ri eco­no­mie al mon­do pre­ve­do­no pia­ni di sal­va­tag­gio che han­no un impat­to nega­ti­vo sull’ambiente, al pun­to da annul­la­re gli effet­ti degli inve­sti­men­ti in cam­po ambien­ta­le. Anche dove si par­la di misu­re “ver­di”, con l’altra mano si vani­fi­ca­no gli sfor­zi con­ti­nuan­do a inve­sti­re su indu­strie alta­men­te inqui­nan­ti, ad aumen­ta­re le emis­sio­ni, a finan­zia­re infra­strut­tu­re ad alto impat­to. Solo Fran­cia, Spa­gna, Regno Uni­to e Ger­ma­nia, oltre all’Unione Euro­pea, fan­no eccezione. 

Abbia­mo visto come il pri­mo annun­cio del nuo­vo Pre­si­den­te elet­to degli Sta­ti Uni­ti, Joe Biden, abbia riguar­da­to l’intenzione di ripor­ta­re gli USA all’interno dell’accordo di Pari­gi. Il suo pia­no per affron­ta­re l’emergenza cli­ma­ti­ca, e in gene­ra­le il suo atteg­gia­men­to agli anti­po­di dell’anti scien­ti­smo e del­le teo­rie com­plot­ti­ste di Trump, avran­no con ogni pro­ba­bi­li­tà un effet­to posi­ti­vo sul­le poli­ti­che ambien­ta­li glo­ba­li nei pros­si­mi anni.

E l’Italia? Secon­do i cal­co­li di Vivid Eco­no­mics, è la peg­gio­re d’Europa. A inci­de­re sono prin­ci­pal­men­te i finan­zia­men­ti sen­za con­di­zio­ni, come il pia­no di sal­va­tag­gio di 3,3 miliar­di di dol­la­ri per Ali­ta­lia, sen­za con­di­zio­ni lega­te all’impatto ambien­ta­le o alla soste­ni­bi­li­tà. E la ridu­zio­ne del­le tas­se su pro­dot­ti dan­no­si per l’ambiente.

Pen­sa­re di usci­re da que­sta situa­zio­ne seguen­do lo stes­so model­lo e lo stes­so siste­ma ingiu­sto che ha con­tri­bui­to a far­ci arri­va­re a que­sto pun­to non farà altro che por­tar­ci di cri­si in cri­si. E intan­to, il tem­po sta finendo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.