Pandemia: il passe-partout per l’abiura silenziosa

Ci troviamo a dover ribadire, come se ce ne fosse bisogno, la stretta connessione fra le questioni di clima, integrità ambientale, solidarietà e salute pubblica, ed un secco no all'abiura dei valori fondanti europei

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Dispia­ce. 

Dispia­ce dover rile­va­re qua­li improv­vi­di movi­men­ti stia­no ani­man­do i cosid­det­ti sovra­ni­sti da un capo all’al­tro del mon­do, pro­prio men­tre l’e­mer­gen­za sani­ta­ria del Covid19 sta anco­ra sfer­zan­do tut­ta la popolazione. 

Dispia­ce, per­ché stia­mo pian­gen­do le vit­ti­me, gli ospe­da­li sono anco­ra pie­ni e la sani­tà e la salu­te pub­bli­ca dovreb­be­ro esse­re, in que­sto momen­to, la pre­oc­cu­pa­zio­ne prin­ci­pa­le di tut­ti colo­ro che si occu­pa­no di poli­ti­ca. Inve­ce assi­stia­mo incre­du­li ad un affon­do sen­za scru­po­li alle poli­ti­che a tute­la del­l’am­bien­te, pro­prio ora che dovrem­mo esse­re con­sa­pe­vo­li di tro­var­ci davan­ti ad un bivio sto­ri­co. È ormai noto che il nuo­vo ter­mi­ne che abbia­mo impa­ra­to a cono­sce­re, spil­lo­ver, sta a signi­fi­ca­re il sal­to di spe­cie del virus (coro­na­vi­rus in que­sto caso) che da spe­cie ani­ma­li si adat­ta in bre­ve tem­po a colo­niz­za­re un altro ospi­te, gra­zie alla natu­ra­le velo­ci­tà di muta­zio­ne pro­pria di que­ste enti­tà bio­lo­gi­che. Abbia­mo appre­so come l’ac­co­sta­men­to for­za­to di ani­ma­li sel­va­ti­ci e sapiens in con­te­sti for­te­men­te antro­piz­za­ti gene­ri una pres­sio­ne selet­ti­va che faci­li­ta il lavo­ro di ricer­ca di nuo­vi ospi­ti da par­te del virus. Quan­do la muta­zio­ne vie­ne azzec­ca­ta, il virus può pas­sa­re dagli ani­ma­li all’uo­mo, gene­ran­do una zoo­no­si che può diven­ta­re – ed è diven­ta­ta — pandemia. 

La velo­ci­tà di spo­sta­men­to di oggi, l’in­ter­con­nes­sio­ne fre­ne­ti­ca di tut­ti gli ango­li del pia­ne­ta, la man­can­za di riguar­do quan­do si trat­ta di dege­ne­ra­re gli habi­tat, defo­re­stan­do e depre­dan­do risor­se che com­pe­te­reb­be­ro a vege­ta­zio­ne spon­ta­nea e fau­na sel­va­ti­ca, ci han­no por­ta­to drit­ti a spe­ri­men­ta­re su di noi que­sta “blitz­krieg bio­lo­gi­ca”, mai vis­su­ta pri­ma

Sap­pia­mo che i Pae­si, tut­ti, sono ormai espo­sti ai rischi di una cri­si eco­no­mi­ca sen­za pre­ce­den­ti. Pur­trop­po, alla base di que­sta pia­ga non c’è la cat­ti­va sor­te, ma anco­ra una vol­ta un model­lo eco­no­mi­co ormai fra­gi­le, dege­ne­ra­to in depau­pe­ra­zio­ne inso­ste­ni­bi­le e pri­vo di capa­ci­tà rige­ne­ra­ti­va per l’am­bien­te ed in ulti­ma ana­li­si per sé stes­so. In tan­ti, in que­sti gior­ni di dolo­re che reca­no anche rifles­sio­ni per­so­na­li pro­fon­de, si doman­da­no se non abbia­mo dav­ve­ro pre­so trop­po e sen­za riguar­do, e se la natu­ra ora ci stia pre­sen­tan­do il conto. 

Con Pos­si­bi­le lo dicia­mo da tem­po, ma per rispet­to del­la situa­zio­ne dal carat­te­re così emer­gen­zia­le ave­va­mo deci­so di atten­de­re un momen­to emo­ti­va­men­te meno for­te per inta­vo­la­re una discus­sio­ne seria, a boc­ce fer­me. Discus­sio­ne che però ora non può più aspet­ta­re: acce­le­ra­ta dal­le discu­ti­bi­li deci­sio­ni di Trump in accor­do con la discu­ti­bi­le dire­zio­ne del­l’a­gen­zia di pro­te­zio­ne ambien­ta­le sta­tuin­ten­se (EPA) di sospen­de­re tem­po­ra­nea­men­te le san­zio­ni per le indu­strie inqui­nan­ti, arri­va­te con una cupa sin­cro­nia alla richie­sta for­ma­le degli euro­de­pu­ta­ti di Fra­tel­li D’I­ta­lia di sospen­de­re il Green New Deal Euro­peo fino alla fine del­l’e­mer­gen­za. E va det­to: ini­zia­ti­ve come que­ste somi­glia­no mol­to a pri­mi, par­zia­li pas­si ver­so una gra­dua­le accet­ta­zio­ne di misu­re con­tra­rie al bene comu­ne, l’e­mer­gen­za a fare da pas­se-par­tout. 

Tut­to que­sto acca­de men­tre la nostra opi­nio­ne pub­bli­ca si distri­ca a fati­ca dal rove­to del­le fake news e non ha for­se anco­ra del tut­to com­pre­so la fata­le con­nes­sio­ne fra spil­lo­ver e antro­piz­za­zio­ne sel­vag­gia, fra par­ti­co­la­to sospe­so nel­l’a­ria e aumen­to del­la dif­fu­sio­ne del con­ta­gio (non una sco­per­ta di oggi, per gli addet­ti ai lavo­ri) e ha appe­na potu­to respi­ra­re aria puli­ta, con il crol­lo del­l’in­qui­na­men­to da ossi­di di azoto. 

Allo­ra vie­ne da doman­dar­si se di fron­te a quel bivio sto­ri­co su cui ci tro­via­mo pro­prio ora, ci sia dav­ve­ro chi inten­de ripor­ta­re tut­ti su una stra­da che sta evi­den­te­men­te fra­nan­do ad ogni pas­so, sen­za la mini­ma coscien­za che la cri­si può, ma soprat­tut­to deve esse­re una oppor­tu­ni­tà ver­so l’in­no­va­zio­ne e l’e­vo­lu­zio­ne del para­dig­ma attua­le. Para­dig­ma che peral­tro era già vec­chio, ben pri­ma del­la pan­de­mia. 

Ora, non sap­pia­mo anco­ra come la nostra vita quo­ti­dia­na sarà ridi­se­gna­ta in un pre­sa­gio di angu­sta con­vi­ven­za col virus, non poten­do imma­gi­na­re altro che enor­mi impat­ti sul­l’e­co­no­mia rea­le, sia­mo del­l’i­dea che sia la soprav­vi­ven­za, oltre­ché il buon­sen­so, a chie­de­re di pun­ta­re tut­te le fiches del tavo­lo ver­de euro­peo su un vero inve­sti­men­to — sen­za pre­ce­den­ti, ver­so un rilan­cio del siste­ma socio-eco­no­mi­co in chia­ve più soste­ni­bi­le, inno­va­ti­va e soli­da­le, in una pro­spet­ti­va di con­cre­ta sicu­rez­za, anche sani­ta­ria, che per­met­ta di scon­giu­ra­re ulte­rio­ri sce­na­ri simi­li a que­sto. Una pro­spet­ti­va che diret­ta con intel­li­gen­za potreb­be por­ta­re lavo­ro sano ai cit­ta­di­ni e rige­ne­ra­zio­ne all’am­bien­te nel qua­le viviamo.

Ci tro­via­mo quin­di a dover riba­di­re, come se ce ne fos­se biso­gno, la stret­ta con­nes­sio­ne fra le que­stio­ni di cli­ma, inte­gri­tà ambien­ta­le, soli­da­rie­tà e salu­te pub­bli­ca, ed un sec­co no all’a­biu­ra dei valo­ri fon­dan­ti euro­pei: c’è un silen­zio, un ten­ten­na­men­to, una para­li­si poli­ti­ca che pro­prio la ricor­da, una para­dos­sa­le, silen­zio­sa abiu­ra. Abbia­mo di fron­te uno sce­na­rio poli­ti­co euro­peo e mon­dia­le che si sta deli­nean­do pre­ci­sa­men­te: le for­ze sovra­ni­ste han­no scel­to la via dei pie­ni pote­ri di Orban, del­la depre­da­zio­ne del­le risor­se natu­ra­li e socia­li. È tem­po che le for­ze demo­cra­ti­che, fino­ra trop­po tie­pi­de, pren­da­no insie­me una posi­zio­ne chia­ra. Alme­no a tute­la del­la salu­te, che vie­ne – dico­no — pri­ma di tutto. 

Chia­ra Ber­to­gal­li[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.