Contro il razzismo che alza la testa: il motivo più importante per andare a votare

Ho trovato la chiave di questa campagna elettorale oggi, per puro caso, in un articolo su un giornale di Biella, città dove sono nato e candidato, un articolo non di cronaca politica ma nera. Il titolo dice già molto: "Due nomadi arrestate dalla polizia durante un furto in casa".

Sta­vo cer­can­do una chia­ve per spie­ga­re, anche a me stes­so, que­sta cam­pa­gna elet­to­ra­le, in cui i can­di­da­ti si spen­do­no per le pro­prie liste sen­za che pos­sa­no esse­re diret­ta­men­te vota­ti — gra­zie, Rosa­tel­lum — e in cui non è sta­to pos­si­bi­le, anche per limi­ti nostri, cer­to, far par­ti­co­lar­men­te pas­sa­re nes­sun mes­sag­gio costrut­ti­vo, serio, in un dibat­ti­to tut­to schiac­cia­to sul­le spa­ra­te a sen­sa­zio­ne e sul pre­ci­so inten­to di far leva sul­le peg­gio­ri incli­na­zio­ni uma­ne: l’o­dio, la dif­fi­den­za ver­so la diver­si­tà,  l’in­dif­fe­ren­za nei con­fron­ti di chi è più pove­ro, la vio­len­za ver­ba­le e mate­ria­le, la ceci­tà ver­so i rea­li pro­ble­mi che ci atta­na­glia­no, come cit­ta­di­ni e come società.

Ho tro­va­to quel­la chia­ve oggi, per puro caso, in un arti­co­lo su un gior­na­le di Biel­la, cit­tà dove sono nato e can­di­da­to, un arti­co­lo non di cro­na­ca poli­ti­ca ma nera. Il tito­lo dice già mol­to: “Due noma­di arre­sta­te dal­la poli­zia duran­te un fur­to in casa”, poi nel pez­zo si dice “Le due zin­ga­rel­le sta­va­no fru­gan­do nei cas­set­ti degli arma­di del­la came­ra da let­to alla ricer­ca di sol­di e ogget­ti in oro”, e anco­ra, con mal­ce­la­ta sod­di­sfa­zio­ne, “La più pic­co­la è sta­ta por­ta­ta al “Fer­ran­te Apor­ti” di Tori­no, il noto car­ce­re mino­ri­le”. E infi­ne: “Alla gran­de, incin­ta, con un pan­cio­ne da otta­vo mese di gra­vi­dan­za da por­tar­si appres­so, il giu­di­ce del­le inda­gi­ni pre­li­mi­na­ri che ha con­va­li­da­to l’arresto, ha con­ces­so i domi­ci­lia­ri nel cam­po noma­di di Tori­no Casel­le, casa sua, dove vivo­no i suoi paren­ti. Ma dove non è sta­ta per nien­te accol­ta bene. Anzi, è sta­ta allon­ta­na­ta, let­te­ral­men­te cac­cia­ta. “Domi­ci­lia­ri” signi­fi­ca­no con­trol­li e nel cam­po, evi­den­te­men­te, nes­su­no vole­va poli­ziot­ti tra i piedi”.

Da dove comin­cia­re? La spe­ci­fi­ca­zio­ne etni­ca o sem­pli­ce­men­te cul­tu­ra­le del­l’au­to­re di un rea­to in un pez­zo di cro­na­ca è uno dei più anti­chi pro­ble­mi del gior­na­li­smo, io che di cogno­me fac­cio Cos­sed­du so per aver­lo sen­ti­to dai miei geni­to­ri di quan­do i gior­na­li scri­ve­va­no “arre­sta­to un sar­do”: non un ladro, o un truf­fa­to­re, ma “un sar­do”. Qual­sia­si gior­na­li­sta sa che è con­tro la deon­to­lo­gia pro­fes­sio­na­le usa­re que­sto modo di rac­con­ta­re un fat­to (gli ita­lia­ni dovreb­be­ro saper­lo dai tem­pi di Sac­co e Van­zet­ti), ma non è mai fre­ga­to gran­ché a nes­su­no, ora è il 2018 e a quan­to pare di pas­si avan­ti non se ne sono fat­ti poi mol­ti. Il cro­ni­sta ha il dove­re del­l’im­par­zia­li­tà, in teo­ria, e non potreb­be quin­di mostra­re empa­tia nei con­fron­ti del­le moti­va­zio­ni, del­la vita di una ragaz­za incin­ta all’ot­ta­vo mese che vie­ne sor­pre­sa men­tre com­pie un rea­to, ma qui non c’è peri­co­lo che ve ne sia, empa­tia, in com­pen­so l’im­par­zia­li­tà vie­ne tran­quil­la­men­te mes­sa da par­te per ipo­tiz­za­re i moti­vi per cui sareb­be sta­ta in segui­to cac­cia­ta dal suo cam­po, sot­to­li­nean­do così per chi a quel pun­to non lo aves­se capi­to che il sospet­to non gra­va solo su di lei, ma su tut­ta la sua comu­ni­tà.
Come dice­vo, è solo un ulti­mo pic­co­lo esem­pio di una let­te­ra­tu­ra ster­mi­na­ta, e anti­ca: i raz­zi­sti ci sono sem­pre sta­ti, ci sono anco­ra. La dif­fe­ren­za in que­sto pre­ci­so momen­to, però, è que­sta: che ora sem­bra­no far par­te di un con­te­sto, non più caso, ecce­zio­ne o cosa da pen­sa­re ma non dire, ma nor­ma­li­tà. Una legit­ti­ma­zio­ne che par­te dal­la pic­co­la pro­vin­cia ita­lia­na, pas­sa per le poli­ti­che di un mini­stro del­l’In­ter­no che pro­muo­ve leg­gi raz­zia­li e finan­zia lager in Libia, e che alla fine dà la for­ma a tut­to il Pae­se. E improv­vi­sa­men­te sco­pria­mo di esser­ci fini­ti dentro.
Ecco, con tut­ti i limi­ti di que­sta cam­pa­gna, con tut­ta la com­pren­sio­ne per chi è sco­rag­gia­to e delu­so, se c’è un moti­vo per anda­re a vota­re, dome­ni­ca, e di vota­re per chi come noi lot­ta con­tro que­sta tra­sfor­ma­zio­ne, che ormai è uno sta­to del­le cose, quel moti­vo è que­sto qui. E non me ne ven­go­no in men­te di più importanti.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.