Quousque tandem abutere

«Siamo qua per festeggiare», risposero, «abbiamo vinto». «Avete vinto voi? », disse il signore. «E che cosa avreste vinto? Ho vinto io. E ora, di corsa, via da questa piazza e ritornate al lavoro, cafoni!».
potere-corruzione

 

Per cari­tà, a cia­scu­no pia­ce quel che pia­ce, e ci sono anche stu­di che dimo­stra­no come ci si pos­sa per­du­ta­men­te inva­ghi­re di chi non ci trat­ta pro­prio bene, pure di quel­li che ci fan­no star male. Però, par­lan­do di poli­ti­ca, le rela­zio­ni dovreb­be­ro esse­re diver­se, alme­no così cre­do. Inve­ce, pare che in alcu­ni par­ti­ti, inspie­ga­bil­men­te, si svi­lup­pi una sor­ta di “sin­dro­me di Stoc­col­ma”, che fa rima­ne­re lega­ti al pro­prio lea­der con più for­za quel­li che mag­gior­men­te da esso sono mal­me­na­ti, qua­si ci fos­se una cer­ta pre­di­spo­si­zio­ne al maso­chi­smo da par­te del­le mino­ran­ze inter­ne, vili­pe­se e deri­se eppu­re fer­me nel loro inten­di­men­to di aiu­ta­re il capo. Mah, de gusti­bus

Esa­ge­ro? Non saprei. Pren­dia­mo l’ultimo caso, i refe­ren­dum, il loro esi­to e le rea­zio­ni arro­gan­ti del­la mag­gio­ran­za del Pd. Il segre­ta­rio del par­ti­to, poco dopo la chiu­su­ra dei seg­gi, ha col­to l’occasione per con­fer­ma­re, in con­fe­ren­za stam­pa, che quan­do per­de la demo­cra­zia, lui vin­ce e, comun­que, scon­fit­ti sono i pre­si­den­ti di Regio­ne che han­no con­dot­to la bat­ta­glia, cioè quel­li del suo par­ti­to, ai qua­li ha ricor­da­to che «la dema­go­gia non paga» (evi­den­te, lui deve far­la gra­tis, visto che l’ha già pro­mes­sa per la cam­pa­gna refe­ren­da­ria d’autunno).

I suoi bra­vi aiu­tan­ti di cam­po non han per­so tem­po nel cor­re­re a dileg­gia­re i riva­li, e con tan­ta inu­si­ta­ta vio­len­za che alcu­ni si sono un po’ risen­ti­ti e han­no det­to, a Ren­zi e soci, che «non si pos­so­no offen­de­re i milio­ni di cit­ta­di­ni che han­no vota­to», cre­den­do, e ragio­ne­vol­men­te sba­glian­do, a sen­ti­re le voci di gover­no, che lo stru­men­to elet­to­ra­le fos­se un modo per far sen­ti­re la pro­pria di voce, non per con­sa­cra­re la for­za del poten­te.

Poi, è tut­to opi­na­bi­le, ovvio, a par­ti­re dal fat­to che i quin­di­ci milio­ni di ieri sia­no quat­tro gufi rosi­co­ni, men­tre gli undi­ci del­le Euro­pee era­no (tut­ti?) «gli ita­lia­ni che chie­do­no le rifor­me». C’è però una cosa che non capi­sco: quou­sque tan­dem abu­te­re patien­tia eorum? Dico, da qui a un mese e mez­zo, si ricor­de­ran­no di quel­la che chia­ma­no “offe­sa agli elet­to­ri”, o chie­de­ran­no agli stes­si di vota­re per la glo­ria del segre­ta­rio? E a otto­bre, in quel­la che il capo del gover­no ha già annun­cia­to come «la bat­ta­glia fina­le» (“fina­le”? Dav­ve­ro? Capi­sco che ha det­to che se per­de va a casa, e quin­di fini­sce, ma se vin­ce, com’è da inten­der­si quel “fina­le”?), come voteranno?

Libe­ris­si­mi di sce­glie­re quel che voglio­no, ma non di rac­con­tar­ci anco­ra la sto­ria che “un con­to sono le ele­zio­ni ammi­ni­stra­ti­ve o il refe­ren­dum, altro è il par­ti­to e le poli­ti­che di gover­no”. Per­ché “un con­to” diver­so, in quel sen­so, era­no pure le ele­zio­ni del mag­gio 2014, e sap­pia­mo poi come le ha let­te lui e i fede­li inter­pre­ti del suo vole­re in Parlamento.

Voglio, inve­ce, rac­con­tar­glie­la io una sto­ria, un aned­do­to dell’immediato dopo­guer­ra, quan­do le paro­le di demo­cra­zia e liber­tà ritor­na­va­no a scal­da­re i cuo­ri dopo gli anni bui del fasci­smo. Una vicen­da del­le mie par­ti, dove ieri, di poco, il quo­rum si è supe­ra­to. Bene, in un pae­si­no luca­no, un ric­co signo­re, gran­de pro­prie­ta­rio ter­rie­ro e tito­la­re di diver­si labo­ra­to­ri, si can­di­dò alle ele­zio­ni comu­na­li, con la qua­si cer­tez­za che, se quel­la lista aves­se avu­to la mag­gio­ran­za, e pren­den­do lui tan­ti voti, sareb­be diven­ta­to sin­da­co. All’apparenza d’idee pro­gres­si­ste, egli aprì imme­dia­ta­men­te un con­fron­to con i suoi dipen­den­ti, cer­can­do di spie­ga­re loro l’importanza di un soste­gno al suo pro­get­to di cambiamento.

A quei lavo­ra­to­ri, all’inizio un po’ scet­ti­ci, qua­si non par­ve vero di poter con­ta­re qual­co­sa nel deci­de­re chi sareb­be sta­to il sin­da­co del pae­se. S’impegnarono a con­vin­ce­re tut­ti quel­li che riu­sci­va­no dell’importanza di quel­la scel­ta, gira­ro­no casa per casa, anda­ro­no a cer­ca­re paren­ti e ami­ci uno per uno, per spie­ga­re e por­tar­li sul­le ragio­ni di quel­la bat­ta­glia. Fece­ro un gros­so e gran­de lavo­ro e il loro padro­ne e can­di­da­to vin­se. Fu una gran­de feli­ci­tà per i suoi brac­cian­ti e i suoi ope­rai; final­men­te sta­va­no dal­la par­te del vin­cen­te, loro, che non ave­va­no mai vin­to e mai ave­va­no pen­sa­to di poter­lo fare, era­no dal­la par­te giu­sta, dal­la par­te del potere.

Era­no così feli­ci che il mat­ti­no, appre­sa la noti­zia, cor­se­ro sot­to il por­to­ne del palaz­zo padro­na­le per can­ta­re la loro vit­to­ria. «Abbia­mo vin­to», gri­da­va­no, «abbia­mo il sin­da­co». Il padro­ne uscì al bal­co­ne, ma non sor­ri­de­va, anzi; guar­da­va con aria tor­va quel­la fol­la festan­te sot­to casa sua. «Che ci fate lì? », chie­se con voce dura. «Sia­mo qua per festeg­gia­re», rispo­se­ro, «abbia­mo vin­to». «Ave­te vin­to voi?», dis­se il signo­re. «E che cosa avre­ste vin­to? Ho vin­to io. E ora, di cor­sa, via da que­sta piaz­za e ritor­na­te al lavo­ro, cafo­ni!».

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.