Quando i voti non (si) contano

Mentre il voto dei tredici milioni che hanno votato “Sì” a questo referendum non conterà nulla, quello di dieci milioni di elettori, espresso nel 2013 a favore della coalizione di centrosinistra, ha determinato l’attribuzione del premio di maggioranza. Basti pensare che il celebre 40% dei voti ottenuto alle elezioni europee dal Pd corrisponde a undici milioni di voti.
Scheda_Referendum

Quin­di­ci milio­ni di per­so­ne (pari a poco più del 32% del cor­po elet­to­ra­le) sono anda­te a vota­re e l’85% di que­ste si è espres­so per abro­ga­re una nor­ma che – con­tro le rego­le del­la con­cor­ren­za – pre­ve­de tri­vel­la­zio­ni sen­za limi­ti (di tem­po) nell’ambito del­le con­ces­sio­ni entro le dodi­ci miglia.

La volon­tà di que­sti elet­to­ri, però, non avrà nes­sun peso, nes­sun segui­to, per­ché nel­la Costi­tu­zio­ne è sta­to pre­vi­sto che il refe­ren­dum pro­du­ca l’abrogazione sol­tan­to se ha par­te­ci­pa­to alla vota­zio­ne la mag­gio­ran­za degli aven­ti dirit­to, e se è sta­ta rag­giun­ta la mag­gio­ran­za dei voti vali­da­men­te espres­si. Si trat­ta di una dispo­si­zio­ne che, assen­te nel pro­get­to Mor­ta­ti, fu poi intro­dot­ta per evi­ta­re – pre­ci­sò il costi­tuen­te Pao­lo Ros­si – che «una leg­ge, even­tual­men­te appro­va­ta con lar­ghis­si­ma mag­gio­ran­za dai due rami del Par­la­men­to, fos­se abro­ga­ta col 17 o 16 o 15 per cen­to degli elet­to­ri iscrit­ti». Quan­do fu intro­dot­ta nes­su­no pen­sa­va che i con­tra­ri all’abrogazione l’avrebbero stru­men­ta­liz­za­ta, som­man­do i pro­pri voti a quel­li di chi si astie­ne per i moti­vi più diver­si. Non eser­ci­ta­re il pro­prio voto, con­qui­sta­to con tan­ta fati­ca (e per le don­ne così tar­di), defi­ni­to dal­la Costi­tu­zio­ne come «dove­re civi­co» era pra­ti­ca­men­te impen­sa­bi­le (ricor­dia­mo che vota­va nel­le pri­me ele­zio­ni il 90% degli aven­ti diritto).

Fu infat­ti scan­da­lo­sa la pro­po­sta avan­za­ta da Pan­nel­la, ormai nel 1985, di invi­to all’astensione nel refe­ren­dum sul­la sca­la mobi­le. E anzi la Cas­sa­zio­ne pre­ci­sò come la san­zio­ne con­tro il pub­bli­co uffi­cia­le che, nell’esercizio del­le pro­prie fun­zio­ni, fa pro­pa­gan­da per l’astensione val­ga anche per il refe­ren­dum (del resto è la stes­sa leg­ge sul refe­ren­dum a stabilirlo).

Suc­ces­si­va­men­te, inve­ce, quell’invito è diven­ta­to la rego­la, dive­nen­do cele­bre nel 1991, quan­do il segre­ta­rio del Psi che spin­ge­va gli elet­to­ri ad «anda­re al mare» fu cla­mo­ro­sa­men­te smen­ti­to da qua­si tren­ta milio­ni di cittadini.

Inve­ce, nel 1990, nel 1997, nel 1999, nel 2000, nel 2003, nel 2005, nel 2009 e – appun­to – nel 2016 l’invito è anda­to a segno e non è sta­to rag­giun­to il quo­rum di par­te­ci­pa­zio­ne, non per­ché il refe­ren­dum non inte­res­sas­se, ma per­ché colo­ro ai qua­li inte­res­sa­va man­te­ne­re la leg­ge han­no deci­so di segui­re la stra­da più faci­le: quel­la di unir­si a colo­ro che si aste­ne­va­no per i più diver­si moti­vi, evi­tan­do il con­fron­to ad armi pari nel­le urne. Così abbia­mo visto vota­re fino a un mini­mo del 23,49% nel 2009 e del 25,6% nel 2005, men­tre, tra i par­te­ci­pan­ti, i “Sì”, cioè i favo­re­vo­li all’abrogazione, risul­ta­va­no sem­pre nume­ro­sis­si­mi: ad esem­pio, nel 2005 e nel 2009, tra l’87% e l’88%, pari a die­ci milio­ni di voti; nel 1999, il 91,5%, pari a 21 milio­ni di voti.

Sono sta­ti così igno­ra­ti milio­ni e milio­ni di elet­to­ri, mol­ti più di quel­li con il soste­gno dei qua­li si attri­bui­sco­no pre­mi di mag­gio­ran­za, si for­ma­no gover­ni o si pre­ten­de di con­si­de­rar­li con­fer­ma­ti con ele­zio­ni “di medio ter­mi­ne”. Basti pen­sa­re che men­tre il voto dei tre­di­ci milio­ni che han­no vota­to “Sì” a que­sto refe­ren­dum non con­te­rà nul­la, quel­lo di die­ci milio­ni di elet­to­ri, espres­so nel 2013 a favo­re del­la coa­li­zio­ne di cen­tro­si­ni­stra, ha deter­mi­na­to l’attribuzione del pre­mio di mag­gio­ran­za (inco­sti­tu­zio­na­le); basti pen­sa­re che que­sto gover­no si reg­ge su una mag­gio­ran­za com­po­sta da par­ti­ti che (anche volen­do con­si­de­ra­re a Ncd, assai gene­ro­sa­men­te, la metà dei con­sen­si otte­nu­ti dal PdL) val­go­no cer­ta­men­te meno di sedi­ci milio­ni di voti; basti pen­sa­re che il cele­bre 40% dei voti otte­nu­to alle ele­zio­ni euro­pee dal Pd cor­ri­spon­de a undi­ci milio­ni di voti.

Ecco, ci si chie­de se, così stan­do le cose, sia ragio­ne­vo­le igno­ra­re il voto dei cit­ta­di­ni che si pro­nun­cia­no mol­to chia­ra­men­te su una que­stio­ne spe­ci­fi­ca, pren­den­do par­te atti­va a un dibat­ti­to pub­bli­co dal qua­le alcu­ni loro rap­pre­sen­tan­ti (ter­mi­ne tal­vol­ta dav­ve­ro poco appro­pria­to) nel­le isti­tu­zio­ni vor­reb­be­ro tener­li fuori.

In pas­sa­to sono sta­ti pro­po­sti diver­si rime­di: dal “quo­rum zero”, ai due quin­ti (ini­zial­men­te pre­vi­sto alla Costi­tuen­te) alla mag­gio­ran­za di colo­ro che han­no vota­to nel­le ulti­me ele­zio­ni del­la Came­ra dei depu­ta­ti (pre­su­men­do que­sti come gli elet­to­ri atti­vi). Quest’ultima solu­zio­ne, già pre­vi­sta dal­lo Sta­tu­to del­la Regio­ne Tosca­na, è sta­ta solo par­zial­men­te accol­ta dal­la pro­po­sta di revi­sio­ne costi­tu­zio­na­le recen­te­men­te appro­va­ta dal Par­la­men­to, in atte­sa di refe­ren­dum popo­la­re. Infat­ti essa rima­ne subor­di­na­ta al fat­to che a pro­por­re il refe­ren­dum sia­no sta­ti alme­no otto­cen­to­mi­la elet­to­ri e quin­di non avreb­be potu­to tro­va­re appli­ca­zio­ne nel caso di spe­cie, per­ché la pro­po­sta pro­ve­ni­va dal­le Regioni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.