Quando i genitori torneranno a lavoro, che succederà ai bambini?

Abbiamo già perso tante, troppe occasioni in passato. E adesso è arrivato il momento, non più rimandabile, di cogliere l’occasione di questa crisi per ripensare completamente il sistema di welfare nel nostro paese, danneggiato e depotenziato da decenni di finanziamenti a fondo perduto ad un settore privato, per sua definizione completamente profitto-riferito, che capitalizza denaro e non rende possibile l’erogazione di servizi adeguati.

Il 4 maggio è dietro l’angolo. Si parla di riaprire, di ripartire, di tornare a una vita che assomigli un po’ di più a quella di prima.

Si parla di lavoro, di economia, di PIL. Ma, ancora una volta, ci stiamo dimenticando un pezzo. Una parte fondamentale che investe la sfera del benessere e della qualità della vita oltre quella meramente economica: il benessere dei bambini, e la serenità delle loro famiglie che dipende, non poco, dall’organizzazione. O, meglio ancora, dalla possibilità o meno di potersi organizzare.

Con le scuole e gli asili chiusi, e con la distanza sociale che saremo obbligati a mantenere per la tutela delle categorie a rischio – che in questo caso sono i nonni: colonna portante del welfare italiano appaltato da anni alla famiglia stessa – sorge un problema: quando i genitori rientreranno a lavoro, che cosa ne sarà dei figli in età scolare e pre-scolare?

Non ci sono molte soluzioni, purtroppo.  A causa del mai troppo discusso gender gap, gli stipendi degli uomini sono mediamente più elevati di quelle che spettano alle donne, a parità di impego. Va da sé che il lavoro sacrificabile sia quello meno retribuito che, salvo sorprese, coincide quasi sempre con quello svolto dalla donna. E come nel più banale dei finali è la donna che, in totale assenza di alternative, rinuncia al lavoro e alla propria indipendenza economica per occuparsi dei figli.

E questa totale mancanza di visione e di progettazione non fa altro che alimentare tutte le distorsioni generate da un sistema in cui l’uguaglianza è sempre meno partecipe nell’agenda politica nazionale.

In questa particolare fase è fondamentale riportare al centro il tema dei servizi alla famiglia, e garantire ai genitori figli di minori, entrambi i genitori, di poter svolgere il proprio lavoro da remoto in tutte le circostanze in cui questo sia applicabile. Obbligando, se necessario, il datore di lavoro anziché lasciargli la libertà di decidere, come è stato fatto in passato: perché deciderà solo nell’interesse della propria attività di impresa.

E laddove non sia applicabile il telelavoro, si deve garantire copertura economica per tutti coloro che dovranno avvalersi dell’aiuto di collaboratori domestici, potenziando i bonus già erogati, ad oggi notevolmente sottodimensionati per far fronte al reale costo che una babysitter rappresenta se impiegata regolarmente e a tempo pieno.

Abbiamo già perso tante, troppe occasioni in passato. E adesso è arrivato il momento, non più rimandabile, di cogliere l’occasione di questa crisi per ripensare completamente il sistema di welfare nel nostro paese, danneggiato e depotenziato da decenni di finanziamenti a fondo perduto ad un settore privato, per sua definizione completamente profitto-riferito, che capitalizza denaro e non rende possibile l’erogazione di servizi adeguati.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Post Correlati