Prendere parte

“Chi si crede di essere?”. Dalle pagine di Facebook Pierluigi Bersani lancia una dura critica al ministro Boschi riguardo la sua uscita sui partigiani “veri e finti”.

Bersani si accorge che siamo a una gestione politica “sconsiderata e avventurista”, parla della Riforma del Senato come di una mezza riforma, in nome della quale “si rischia di creare una frattura insanabile nel mondo democratico e costituzionale”. Auspica, in stile bersaniano“un freno di quelli buoni”, da usare subito.

A ruota, dalle stesse social-pagine, con uno stile più cuperliano, segue, appunto, Gianni Cuperlo, che chiede che vengano lasciati stare partigiani, Ingrao e Berlinguer.

Le dichiarazioni sono più o meno riportate da tutti i giornali, quello che non compare è la valanga di commenti, tutti negativi, che si scatenano in pochi minuti.

Chi critica ferocemente perché è stata attaccata la ministra e la riforma del Segretario del loro Partito, chi li accusa di non essere più credibili, se non addirittura ridicoli, nel continuare a stupirsi e a lanciare gli ennesimi penultimatum.

Va detto che Cuperlo ha passato molto tempo a rispondere, ma con scarsa efficacia. Alla fine della giornata entrambi ne escono a pezzi, attaccati da tutti i fronti, pro e contro il governo.

Mi chiedo perché ridursi così. Come si faccia a pensare che si possa tornare indietro, che il Partito Democratico possa prima o poi tornare sui passi della sua Storia. E, anche se ciò avvenisse in un futuro non certo prossimo, a che prezzo?

Quali altre umiliazione dovranno affrontare le donne e gli uomini che hanno orgogliosamente militato in una storia di sinistra e che oggi si ritrovano a dover far finta di non vedere Verdini raggiante al loro fianco; di distrarsi per non accorgersi che quello che tiene in piedi tutto sono solo patti di potere e di affari e che tutti, politici compresi, sono prestanome di qualcun altro; ad arrampicarsi sugli specchi per non ammettere che dopo i sindacati, i lavoratori, la scuola, la Costituzione, ora è la volta di spaccare e disinnescare l’ANPI, presidio scomodo per chi preferisce non ricordare che l’antifascismo non è qualcosa da relegare al passato e che il fascismo va riconosciuto e combattuto nella sua essenza, anche quando la camicia che si indossa non è nera.

Non si torna indietro ed è triste il destino di chi non vuole ammetterlo, di chi si fa complice con il proprio silenzio, con i dibattiti asfittici e i penultimatum senza conseguenze e che non si senta chiamato dalla Storia di nuovo e, ancora, a Resistere, a prendere parte, a farsi partigiano.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati