Preferiamo le preferenze. E l’etica.

Ciò che non possiamo permettere in questa campagna per le amministrative è che ancora una volta il malaffare (mafie e corruttori) sia più interessato, curioso e partecipe rispetto ai cittadini.
Inizia lo spoglio elettorale a Milano

Non è solo que­stio­ne di liste puli­te, non è così sem­pli­ce. E non è nem­me­no l’impegno for­ma­le di una buro­cra­zia che fru­ghi nei cari­chi pen­den­ti: ciò che non pos­sia­mo per­met­te­re in que­sta cam­pa­gna per le ammi­ni­stra­ti­ve è che anco­ra una vol­ta il malaf­fa­re (mafie e cor­rut­to­ri) sia più inte­res­sa­to, curio­so e par­te­ci­pe rispet­to ai cit­ta­di­ni. Il pri­ma­to del­la poli­ti­ca, del resto, è sostan­zial­men­te que­sto: riu­sci­re a pri­meg­gia­re nel­la poli­ti­ca e in tut­ti i suoi rivo­li elettorali.

Sia­mo un Pae­se che trop­po spes­so ha per­so con­tro la cri­mi­na­li­tà anche sul ter­re­no del­la demo­cra­zia: abbia­mo fami­glie mafio­se che cono­sco­no meglio dei cit­ta­di­ni one­sti i par­ti­co­la­ri del PGT cit­ta­di­no, sop­por­tia­mo clan capa­ci di gesti­re le pre­fe­ren­ze per assi­cu­rar­si alme­no un con­si­glie­re comu­na­le e venia­mo sca­val­ca­ti da inte­res­si par­ti­co­la­ri san­ci­ti con pat­ti pre elet­to­ra­li. Le mafie quin­di vin­co­no anche nei nor­ma­li pro­ces­si del­la demo­cra­zia? La sto­ria recen­te ci dice che sì. Spes­so. Trop­po spesso.

Armia­mo­ci di tut­ta la curio­si­tà intel­li­gen­te di cui sia­mo capa­ci e alle­nia­mo­ci al con­trol­lo con­sa­pe­vo­le del­la nostra cit­tà: que­sta cam­pa­gna per le ammi­ni­stra­ti­ve è l’occasione per pian­ta­re pre­sì­di poli­ti­ci.

L’associazione Avvi­so Pub­bli­co ha lan­cia­to la cam­pa­gna Per una Poli­ti­ca cre­di­bi­le e respon­sa­bi­le con cui fis­sa le prio­ri­tà da cui ripar­ti­re per la pre­ven­zio­ne del­le mafie, del­la cor­ru­zio­ne, dell’evasione fisca­le e dell’illegalità. Pochi pun­ti, net­ti, set­te principi:

  1. Lega­li­tà. Rispet­ta­re i vin­co­li di leg­ge che fis­sa­no un tet­to mas­si­mo di spe­sa per la cam­pa­gna elettorale.
  2. Ren­di­con­ta­re pub­bli­ca­men­te le spe­se soste­nu­te, per­met­ten­do di iden­ti­fi­ca­re la fon­te del­le risorse.
  3. Atten­zio­ne e Pru­den­za. Rifiu­ta­re qual­sia­si for­ma di soste­gno che con­di­zio­ni la cor­ret­ta azio­ne amministrativa.
  4. Respon­sa­bi­li­tà. Ren­de­re pub­bli­ci cur­ri­cu­la, red­di­to e patri­mo­nio, poten­zia­li con­flit­ti di inte­res­se ed even­tua­li pro­ce­di­men­ti giu­di­zia­ri o con­dan­ne subite.
  5. Rispet­to e sobrie­tà. Osser­va­re un com­por­ta­men­to con­so­no al ruo­lo pub­bli­co e favo­ri­re la più ampia liber­tà di espressione.
  6. Pro­muo­ve­re l’a­do­zio­ne da par­te del­l’en­te di un codi­ce eti­co-com­por­ta­men­ta­le sul model­lo del­la Car­ta di Avvi­so Pubblico.
  7. Con­tra­sto alle mafie e alla cor­ru­zio­ne. Con­tra­sta­re le orga­niz­za­zio­ni mafio­se e pro­muo­ve­re misu­re di pre­ven­zio­ne del­la corruzione.

Rac­con­tia­mo casa per casa quan­to alcu­ni sem­pli­ci gesti degli elet­to­ri pos­sa­no esse­re argi­ni com­pat­ti: espri­me­re la pre­fe­ren­za al momen­to del voto, ad esem­pio, è il modo miglio­re per ren­de­re dif­fi­ci­le la vita ai clan. Una cit­tà con miglia­ia di abi­tan­ti non può per­met­ter­si di con­ce­de­re un posto da con­si­glie­re comu­na­le con qual­che man­cia­ta di pre­fe­ren­ze. Copria­mo i buchi, oltre che le buche. E pro­met­tia­mo­ci di esse­re ter­ri­bil­men­te curio­si: ogni can­di­da­to ha il dove­re di rispon­de­re , su tut­to. Le sue idee, la sua sto­ria, gli inte­res­si, la pro­fes­sio­ne, gli obbiet­ti­vi: esse­re curio­si pre­mia più di una via tap­pez­za­ta di mani­fe­sti.

Anche di que­sto par­le­re­mo vener­dì a Raven­na, alle 21 in piaz­za dell’Aquila, con la lista Raven­na in Comu­ne, per soste­ne­re la can­di­da­ta sin­da­co Raf­fael­la Sut­ter (l’evento è qui).

L’etica si pra­ti­ca, mica si scri­ve.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.
La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.