Precari e servizi: all’attenzione del Governo

I docen­ti pre­ca­ri del­la scuo­la non rice­vo­no lo sti­pen­dio da set­tem­bre. Con­tra­ria­men­te a quan­to dichia­ra­to dal Mini­ste­ro su una emis­sio­ne spe­cia­le che avreb­be dovu­to aver luo­go pri­ma il 13 novem­bre, poi slit­ta­ta al 16 e infi­ne pre­vi­sta per il 20, i docen­ti sono rima­sti con un pal­mo di naso.
Ad una ini­zia­ti­va del­la FLC CGIL NAZIONALE il Diret­to­re Gene­ra­le del­le risor­se uma­ne e finan­zia­rie dott. Gre­co e il Capo Dipar­ti­men­to per il siste­ma edu­ca­ti­vo di Istru­zio­ne e di  For­ma­zio­ne del MIUR dott.ssa De Pasqua­le ci han­no con­fer­ma­to che le som­me fin qui ero­ga­te copri­ran­no fino all’80% degli sti­pen­di dovu­ti men­tre per il mese di novem­bre si par­la chia­ra­men­te di inca­pien­za: non ci sono sol­di! Il Mini­ste­ro con­ti­nua a riman­da­re di data in data l’or­di­ne per effet­tua­re i paga­men­ti, cosa tan­to più inac­cet­ta­bi­le se pen­sia­mo ai sog­get­ti col­pi­ti dal man­ca­to prov­ve­di­men­to. Il dirit­to ad una (ade­gua­ta) retri­bu­zio­ne è garan­ti­to dal­la Costi­tu­zio­ne indi­pen­den­te­men­te dal­la tipo­lo­gia di con­trat­to. I pre­ca­ri di cer­to non pos­so­no vive­re d’a­ria, ci sono bol­let­te mutui e affit­ti da pagare.
Occor­re anche riba­di­re la neces­si­tà di supe­ra­re il siste­ma attual­men­te uti­liz­za­to per il paga­men­to del­le sup­plen­ze, che pur aven­do libe­ra­to le scuo­le dal cal­co­lo e da altre incom­ben­ze, tut­ta­via non fun­zio­na: non solo tec­ni­ca­men­te (il SIDI è len­to e far­ra­gi­no­so oltre che sog­get­to a defa­ti­gan­ti inef­fi­cien­ze e inter­ru­zio­ni) ma anche come costru­zio­ne basa­ta su uno stan­zia­men­to cro­ni­ca­men­te insuf­fi­cien­te e gra­va­to da len­tez­ze e con­trol­li del MEF impro­dut­ti­vi e penalizzanti.
Sono anni che vi sono ritar­di nel paga­men­to degli sti­pen­di dei sup­plen­ti ( rispet­to ai qua­li il Miur attri­bui­va la respon­sa­bi­li­tà alle segre­te­rie del­le scuo­le…) ed ora che è sta­ta modi­fi­ca­ta la pro­ce­du­ra sia­mo nuo­va­men­te nel­la stes­sa situa­zio­ne, se non altro è evi­den­te il moti­vo: la man­ca­ta coper­tu­ra finan­zia­ria.
Intan­to, a com­ple­ta­re il qua­dro dei moti­vi di scon­ten­to a cui il sin­da­ca­to chie­de che si dia una rispo­sta imme­dia­ta, arri­va­no i tagli ai Cen­tri di assi­sten­za fisca­le e ai patro­na­ti, pre­vi­sti dal dise­gno di leg­ge di sta­bi­li­tà pre­sen­ta­to dal Gover­no e con­fer­ma­ti con qual­che modi­fi­ca dal­la Com­mis­sio­ne bilan­cio del Sena­to. A rimet­ter­ci saran­no soprat­tut­to le fasce più debo­li dei cit­ta­di­ni. Gli emen­da­men­ti appro­va­ti, con­fer­ma­no per i CAF un taglio a regi­me di 100 milio­ni, pari al 30% del­le attua­li entra­te, men­tre per i patro­na­ti il taglio pro­spet­ta­to di 28 milio­ni è già a regi­me, e va a som­mar­si a quel­lo di 35 milio­ni già ope­ra­to nel 2014 (che era sta­to pre­vi­sto come defi­ni­ti­vo nel qua­dro di una rifor­ma che il gover­no non ha por­ta­to avan­ti), per una ridu­zio­ne com­ples­si­va che va oltre il 15% dei bilanci.
Le riper­cus­sio­ni sul­le atti­vi­tà e sul per­so­na­le saran­no note­vo­li, con pesan­tis­si­me rica­du­te sui ser­vi­zi ero­ga­ti. I cit­ta­di­ni si rivol­go­no a CAF e patro­na­ti per la dichia­ra­zio­ni dei red­di­ti, per la com­pi­la­zio­ne dei model­li ISEE e per mol­ti altri ser­vi­zi di natu­ra fisca­le e con­ta­bi­le: l’85% del­le doman­de di pen­sio­ne pas­sa attra­ver­so i patro­na­ti, per un ammon­ta­re com­ples­si­vo annuo di milio­ni di pra­ti­che pre­vi­den­zia­li o assi­sten­zia­li che ven­go­no mes­se for­te­men­te a rischio.
E’ neces­sa­rio can­cel­la­re subi­to que­sta misu­ra che, se appro­va­ta, dan­neg­ge­reb­be gra­ve­men­te una rete di ser­vi­zi dif­fu­si sul ter­ri­to­rio, a garan­zia di tut­ti i cit­ta­di­ni e in par­ti­co­la­re dei più debo­li. I tagli pro­spet­ta­ti, infat­ti, rischia­no di com­pro­met­te­re l’importante fun­zio­ne socia­le che da sem­pre svol­go­no patro­na­ti e i CAF.

I par­la­men­ta­ri del­la com­po­nen­te AL-Pos­si­bi­le, fede­li all’im­pe­gno di “pro­muo­ve­re tut­to ciò che non è rap­pre­sen­ta­to nel­la poli­ti­ca ita­lia­na e, in par­ti­co­la­re, le denun­ce socia­li e poli­ti­che più impor­tan­ti”, sono sta­ti inve­sti­ti del­la que­stio­ne per­ché si ado­pe­ri­no per can­cel­la­re que­sta misu­ra iniqua.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?