Precari e servizi: all’attenzione del Governo

taglio-pensioni
I docen­ti pre­ca­ri del­la scuo­la non rice­vo­no lo sti­pen­dio da set­tem­bre. Con­tra­ria­men­te a quan­to dichia­ra­to dal Mini­ste­ro su una emis­sio­ne spe­cia­le che avreb­be dovu­to aver luo­go pri­ma il 13 novem­bre, poi slit­ta­ta al 16 e infi­ne pre­vi­sta per il 20, i docen­ti sono rima­sti con un pal­mo di naso.
Ad una ini­zia­ti­va del­la FLC CGIL NAZIONALE il Diret­to­re Gene­ra­le del­le risor­se uma­ne e finan­zia­rie dott. Gre­co e il Capo Dipar­ti­men­to per il siste­ma edu­ca­ti­vo di Istru­zio­ne e di  For­ma­zio­ne del MIUR dott.ssa De Pasqua­le ci han­no con­fer­ma­to che le som­me fin qui ero­ga­te copri­ran­no fino all’80% degli sti­pen­di dovu­ti men­tre per il mese di novem­bre si par­la chia­ra­men­te di inca­pien­za: non ci sono sol­di! Il Mini­ste­ro con­ti­nua a riman­da­re di data in data l’or­di­ne per effet­tua­re i paga­men­ti, cosa tan­to più inac­cet­ta­bi­le se pen­sia­mo ai sog­get­ti col­pi­ti dal man­ca­to prov­ve­di­men­to. Il dirit­to ad una (ade­gua­ta) retri­bu­zio­ne è garan­ti­to dal­la Costi­tu­zio­ne indi­pen­den­te­men­te dal­la tipo­lo­gia di con­trat­to. I pre­ca­ri di cer­to non pos­so­no vive­re d’a­ria, ci sono bol­let­te mutui e affit­ti da pagare.
Occor­re anche riba­di­re la neces­si­tà di supe­ra­re il siste­ma attual­men­te uti­liz­za­to per il paga­men­to del­le sup­plen­ze, che pur aven­do libe­ra­to le scuo­le dal cal­co­lo e da altre incom­ben­ze, tut­ta­via non fun­zio­na: non solo tec­ni­ca­men­te (il SIDI è len­to e far­ra­gi­no­so oltre che sog­get­to a defa­ti­gan­ti inef­fi­cien­ze e inter­ru­zio­ni) ma anche come costru­zio­ne basa­ta su uno stan­zia­men­to cro­ni­ca­men­te insuf­fi­cien­te e gra­va­to da len­tez­ze e con­trol­li del MEF impro­dut­ti­vi e penalizzanti.
Sono anni che vi sono ritar­di nel paga­men­to degli sti­pen­di dei sup­plen­ti ( rispet­to ai qua­li il Miur attri­bui­va la respon­sa­bi­li­tà alle segre­te­rie del­le scuo­le…) ed ora che è sta­ta modi­fi­ca­ta la pro­ce­du­ra sia­mo nuo­va­men­te nel­la stes­sa situa­zio­ne, se non altro è evi­den­te il moti­vo: la man­ca­ta coper­tu­ra finan­zia­ria.
Intan­to, a com­ple­ta­re il qua­dro dei moti­vi di scon­ten­to a cui il sin­da­ca­to chie­de che si dia una rispo­sta imme­dia­ta, arri­va­no i tagli ai Cen­tri di assi­sten­za fisca­le e ai patro­na­ti, pre­vi­sti dal dise­gno di leg­ge di sta­bi­li­tà pre­sen­ta­to dal Gover­no e con­fer­ma­ti con qual­che modi­fi­ca dal­la Com­mis­sio­ne bilan­cio del Sena­to. A rimet­ter­ci saran­no soprat­tut­to le fasce più debo­li dei cit­ta­di­ni. Gli emen­da­men­ti appro­va­ti, con­fer­ma­no per i CAF un taglio a regi­me di 100 milio­ni, pari al 30% del­le attua­li entra­te, men­tre per i patro­na­ti il taglio pro­spet­ta­to di 28 milio­ni è già a regi­me, e va a som­mar­si a quel­lo di 35 milio­ni già ope­ra­to nel 2014 (che era sta­to pre­vi­sto come defi­ni­ti­vo nel qua­dro di una rifor­ma che il gover­no non ha por­ta­to avan­ti), per una ridu­zio­ne com­ples­si­va che va oltre il 15% dei bilanci.
Le riper­cus­sio­ni sul­le atti­vi­tà e sul per­so­na­le saran­no note­vo­li, con pesan­tis­si­me rica­du­te sui ser­vi­zi ero­ga­ti. I cit­ta­di­ni si rivol­go­no a CAF e patro­na­ti per la dichia­ra­zio­ni dei red­di­ti, per la com­pi­la­zio­ne dei model­li ISEE e per mol­ti altri ser­vi­zi di natu­ra fisca­le e con­ta­bi­le: l’85% del­le doman­de di pen­sio­ne pas­sa attra­ver­so i patro­na­ti, per un ammon­ta­re com­ples­si­vo annuo di milio­ni di pra­ti­che pre­vi­den­zia­li o assi­sten­zia­li che ven­go­no mes­se for­te­men­te a rischio.
E’ neces­sa­rio can­cel­la­re subi­to que­sta misu­ra che, se appro­va­ta, dan­neg­ge­reb­be gra­ve­men­te una rete di ser­vi­zi dif­fu­si sul ter­ri­to­rio, a garan­zia di tut­ti i cit­ta­di­ni e in par­ti­co­la­re dei più debo­li. I tagli pro­spet­ta­ti, infat­ti, rischia­no di com­pro­met­te­re l’importante fun­zio­ne socia­le che da sem­pre svol­go­no patro­na­ti e i CAF.

I par­la­men­ta­ri del­la com­po­nen­te AL-Pos­si­bi­le, fede­li all’im­pe­gno di “pro­muo­ve­re tut­to ciò che non è rap­pre­sen­ta­to nel­la poli­ti­ca ita­lia­na e, in par­ti­co­la­re, le denun­ce socia­li e poli­ti­che più impor­tan­ti”, sono sta­ti inve­sti­ti del­la que­stio­ne per­ché si ado­pe­ri­no per can­cel­la­re que­sta misu­ra iniqua.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.