Possibile, Abruzzo e trivelle: «Referendum si celebrino. No a colpi di mano»

Esprimiamo il nostro disappunto e massimo dissenso dopo che il Presidente D’Alfonso e la maggioranza del governo regionale hanno compiuto un vero e proprio colpo di mano, schierandosi contro i referendum NoTriv e le altre Regioni con cui lo aveva chiesto, a fianco del governo Renzi davanti la Consulta

«Se le cose pote­va­no peg­gio­ra­re, in Regio­ne Abruz­zo, in qual­che gior­no sono per­si­no peg­gio­ra­te. Ave­va­mo chie­sto chia­rez­za: è sta­ta fat­ta, get­tan­do però ombre e Ombri­ne sul futu­ro del­la regio­ne e dell’intero Pae­se. Espri­mia­mo il nostro disap­pun­to e mas­si­mo dis­sen­so dopo che il Pre­si­den­te D’Alfonso e la mag­gio­ran­za del gover­no regio­na­le han­no com­piu­to un vero e pro­prio col­po di mano, schie­ran­do­si con­tro i refe­ren­dum NoTriv e le altre Regio­ni con cui lo ave­va chie­sto, a fian­co del gover­no Ren­zi davan­ti la Con­sul­ta. Di fat­to, per altro, esau­to­ran­do lo stes­so Con­si­glio regio­na­le, nel qua­le tor­nia­mo a chie­de­re che ci sia urgen­te­men­te un pas­sag­gio poli­ti­co alla luce del sole». E’ quan­to si ripor­ta in una nota con­giun­ta dei Comi­ta­ti abruz­ze­si di Possibile.

«Ricor­dia­mo ai mas­si­mi espo­nen­ti del­la mag­gio­ran­za che “la mate­ria del con­ten­de­re” non è affat­to ces­sa­ta; non si spie­ghe­reb­be altri­men­ti l’ammissione del­la Cas­sa­zio­ne del que­si­to sul­le 12 miglia. Con que­sto atto la Regio­ne Abruz­zo com­pie scel­te che non tute­la­no ben­sì met­to­no in peri­co­lo ambien­te, ter­ri­to­ri, comu­ni­tà loca­li, atti­vi­tà eco­no­mi­che, per­so­ne, la vita stes­sa; sono per giun­ta con­tra­rie alle scel­te del­la recen­te Cop21 di Pari­gi (oltre che a quan­to addi­rit­tu­ra ricor­da­to da Papa Fran­ce­sco, ben più a sini­stra di Lucia­no ver­reb­be da dire). Scel­te adot­ta­te con pro­ce­du­re a dir poco irri­tua­li, con atti che dimo­stra­no arro­gan­za e tota­le disin­te­res­se del­le istan­ze pro­ve­nien­ti dal­la socie­tà civi­le, con un uso del­le pro­prie fun­zio­ni e pote­ri che scon­fi­na in com­por­ta­men­ti anti­de­mo­cra­ti­ci».

«Noi, come Pos­si­bi­le e coe­ren­te­men­te con l’a­zio­ne di rac­col­ta fir­me negli scor­si mesi esti­vi per far cele­bra­re i refe­ren­dum in pri­ma­ve­ra ‑anche sul­le tri­vel­la­zio­ni in mare e sul loro carat­te­re stra­te­gi­co- e quin­di per far deci­de­re i cit­ta­di­ni del loro ter­ri­to­rio, del loro futu­ro, del­la loro vita, riba­dia­mo il valo­re supre­mo dei prin­ci­pi demo­cra­ti­ci, del dirit­to di par­te­ci­pa­zio­ne del­le per­so­ne che vivo­no in un ter­ri­to­rio alle scel­te che alla sua tute­la e cura ine­ri­sco­no. Rima­nia­mo quin­di con­vin­ti soste­ni­to­ri del­la neces­si­tà di far cele­bra­re i refe­ren­dum al più pre­sto, vici­ni alle Regio­ni, alle asso­cia­zio­ni ed alle per­so­ne che li stan­no richie­den­do; vici­ni al Coor­di­na­men­to Nazio­na­le NoTriv a fian­co del qua­le ci stia­mo bat­ten­do per­ché anche in Ita­lia sia­no adot­ta­te nor­me chia­re ed azio­ni coe­ren­ti, frut­to di una valu­ta­zio­ne e pro­gram­ma­zio­ne com­ples­si­va, che pro­gres­si­va­men­te por­ti il nostro Pae­se a libe­rar­si dal­la dipen­den­za ener­ge­ti­ca dal­le fon­ti fos­si­li a van­tag­gio del­le fon­ti rin­no­va­bi­li».

Pos­si­bi­le

Comi­ta­to L’Aquila “Leo­ne Ginzburg”

Comi­ta­to Chie­ti “Le mat­to­nel­le rosse”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.