Parte a Verona l’incubatore d’impresa di Possibile e 50/30 Blog

Rivolto ai lavoratori di imprese chiuse, ristrutturate, delocalizzate e ai giovani incastrati nella trappola “laureato, qualificato, disoccupato”, parte a Verona l’incubatore d’impresa “Impresa Possibile“, voluto e sostenuto dal movimento Possibile di Pippo Civati che si avvale delle competenze del gruppo di esperti che sta dietro il blog “50/30 Blog – Disoccupazione e Imprenditorialità”.

Rivol­to ai lavo­ra­to­ri e alle lavo­ra­tri­ci di impre­se chiu­se, ristrut­tu­ra­te, delo­ca­liz­za­te e ai gio­va­ni e alle gio­va­ni inca­stra­ti nel­la trap­po­la “lau­rea­to, qua­li­fi­ca­to, disoc­cu­pa­to”, par­te a Vero­na l’incubatore d’impresa “Impre­sa Pos­si­bi­le“, volu­to e soste­nu­to dal movi­men­to Pos­si­bi­le di Pip­po Civa­ti che si avva­le del­le com­pe­ten­ze del grup­po di esper­ti che sta die­tro il blog “50/30 Blog – Disoc­cu­pa­zio­ne e Imprenditorialità”.

L’incubatore pre­ve­de un per­cor­so for­ma­ti­vo gra­tui­to, con esper­ti di livel­lo nazio­na­le, del­la dura­ta di tre mesi, nel cor­so dei qua­li i lavo­ra­to­ri disoc­cu­pa­ti e i lau­rea­ti sen­za lavo­ro ver­ran­no affian­ca­ti per svi­lup­pa­re il pro­to­ti­po di un nuo­vo pro­dot­to o ser­vi­zio da pre­sen­ta­re alla fine dei tre mesi ad un panel di inve­sti­to­ri poten­zial­men­te inte­res­sa­ti a finanziarli.

Le paro­le ingle­si sono “wor­kers buy out” e “star­tup”. In ita­lia­no si par­la di “fab­bri­che recu­pe­ra­te” e di “fare inno­va­zio­ne di valo­re per fare inno­va­zio­ne di pro­dot­to”, “incu­ba­re nuo­ve impre­se”.

Impre­sa Pos­si­bi­le è un incu­ba­to­re d’impresa per anda­re a cer­ca­re e for­ma­re nuo­vi impren­di­to­ri tra i disoc­cu­pa­ti del­le fab­bri­che chiu­se, ristrut­tu­ra­te, delo­ca­liz­za­te, e tra i lau­rea­ti qua­li­fi­ca­ti ma disoc­cu­pa­ti. Per­ché l’Italia ha biso­gno di posti di lavo­ro e i posti di lavo­ro non li crea il Gover­no per decre­to. Li crea­no le per­so­ne che si rim­boc­ca­no le mani­che e orga­niz­za­no il lavo­ro pro­prio e quel­lo di altri.

Per tor­na­re ad esse­re rile­van­te nel mon­do e a fare pro­fit­ti l’impresa ita­lia­na deve tor­na­re a stu­pi­re. Deve tor­na­re a fare qual­co­sa che gli altri non san­no fare. Come abbia­mo sapu­to fare quan­do abbia­mo inven­ta­to il desi­gn del futu­ro negli anni ’50 e ’60 e tut­to il mon­do se ne è infa­tua­to. Abbia­mo biso­gno di più impren­di­to­ri affa­ma­ti di futu­ro. Per­so­ne che dica­no come dice­va Adria­no Oli­vet­ti: “In me non c’è che futuro”.

Impre­sa Pos­si­bi­le nasce pro­prio per andar­li a cer­ca­re que­sti nuo­vi lavo­ra­to­ri-impren­di­to­ri. Tra gli ulti­mi. Tra quel­li più in dif­fi­col­tà ma con anco­ra le ener­gie per rial­zar­si e riprovarci.

È qual­co­sa che si può fare come dimo­stra il recen­te libro di Ange­lo Mastran­drea “Lavo­ro sen­za padro­ni: sto­rie di ope­rai che fan­no rina­sce­re impre­se” che rac­con­ta le sto­rie di chi in Ita­lia lo ha già fat­to: di chi ha recu­pe­ra­to la pro­pria azien­da mes­sa al tap­pe­to dal­la cri­si, facen­do­ne rina­sce­re una nuo­va, di soli­to attor­no ad un nuo­vo prodotto.

Impre­sa Pos­si­bi­le è rivol­to anche agli impren­di­to­ri di azien­de in dif­fi­col­tà per­ché il loro pro­dot­to è in cri­si, e agli impren­di­to­ri di azien­de che fun­zio­na­no ma sono inte­res­sa­ti a svi­lup­pa­re un nuo­vo prodotto.
Ma per que­sti, a dif­fe­ren­za dei lavo­ra­to­ri sen­za lavo­ro e dei lau­rea­ti che voglio­no fare star­tup, il per­cor­so di affian­ca­men­to pre­ve­de il paga­men­to di un con­tri­bu­to economico.

Come fun­zio­na

I lavo­ra­to­ri licen­zia­ti e i lau­rea­ti disoc­cu­pa­ti con­tat­ta­no l’incubatore con il form pre­sen­te alla fine di que­sto articolo.

Alcu­ni esper­ti dell’incubatore li incon­tra­no a Vero­na per capi­re che com­pe­ten­ze han­no e che idea di pro­dot­to e di impre­sa hanno.

Alla fine del col­lo­quio l’Incubatore deci­de se assu­me­re l’incarico di aiutarli—come det­to a tito­lo gra­tui­to e per tre mesi—a svi­lup­pa­re uno o più pro­to­ti­pi del­la loro idea da uti­liz­za­re alla fine dei tre mesi per cer­ca­re i finan­zia­men­ti per costrui­re attor­no al pro­dot­to una azien­da capa­ce di por­tar­lo sul mercato.

Vie­ne data la pre­fe­ren­za: 1) ai grup­pi di lavo­ra­to­ri o di lau­rea­ti, 2) resi­den­ti a Vero­na o nel Vene­to, o dispo­sti a tra­sfe­rir­si a Vero­na per i tre mesi di inter­ven­to di Impre­sa Pos­si­bi­le, e 3) alle idee di pro­dot­to di tipo indu­stria­le, ossia sca­la­bi­le nei numeri.

Ven­go­no pre­se in con­si­de­ra­zio­ne anche impre­se no-pro­fit che si pre­fig­ga­no impat­ti socia­li significativi.

Non ven­go­no incu­ba­ti pro­get­ti per atti­vi­tà libe­ro pro­fes­sio­na­li o arti­gia­na­li desti­na­te a rima­ne­re dit­te indi­vi­dua­li. Per­ché Impre­sa Pos­si­bi­le cre­de che il Pae­se abbia biso­gno di pro­dot­ti da ven­de­re nel mondo.

Le star­tup idea­li han­no alme­no due o tre fon­da­to­ri di riferimento.

Le per­so­ne che si pro­pon­go­no non devo­no pre­sen­ta­re un busi­ness plan quan­do deci­do­no di richie­de­re l’assistenza dell’Incubatore. La deci­sio­ne di assi­ster­li vie­ne basa­ta su un col­lo­quio di per­so­na. L’Incubatore ama i pro­to­ti­pi ma non dà par­ti­co­la­re impor­tan­za ai busi­ness plan a que­sto pri­mo stadio.

I lavo­ra­to­ri devo­no tro­var­si una loro sede. Impre­sa Pos­si­bi­le non offre uffi­ci e spa­zi di lavo­ro. L’Incubatore cre­de che ogni azien­da deb­ba met­te­re radi­ci nel “suo” territorio.

Duran­te i tre mesi gli esper­ti dell’Incubatore lavo­ra­no inten­sa­men­te con i lavo­ra­to­ri-impren­di­to­ri per met­te­re la nuo­va azien­da nel­le miglio­ri con­di­zio­ni e per­fe­zio­na­re la loro pre­sen­ta­zio­ne per gli investitori.

Il com­pi­to dell’Incubatore è far supe­ra­re all’azienda la pri­ma fase. Il che abi­tual­men­te signi­fi­ca: por­tar­la al pun­to in cui ha costrui­to un pro­to­ti­po di pro­dot­to suf­fi­cien­te­men­te di impat­to per rac­co­glie­re dena­ro su una sca­la suf­fi­cien­te­men­te vasta per por­ta­re il pro­dot­to sul mer­ca­to. A quel pun­to è pos­si­bi­le intro­dur­re l’azienda agli inve­sti­to­ri o anche ad acqui­ren­ti inte­res­sa­ti a rilevarla.

Lavo­ra­re sui pro­to­ti­pi di prodotto

La cosa più impor­tan­te che vie­ne fat­ta con le star­tup è lavo­ra­re sul­la loro idea. Per ren­der­la un pro­dot­to che le per­so­ne desi­de­ri­no. Indi­can­do alle azien­de la dire­zio­ne in cui la loro idea dovreb­be esse­re esplorata.

Nel cor­so dei tre mesi i fon­da­to­ri dell’azienda ven­go­no aiu­ta­ti a tro­va­re le rispo­ste che ser­vo­no loro per costrui­re la “mac­chi­na azien­da­le”, per fab­bri­ca­re un pro­to­ti­po e pro­va­re a por­tar­lo sul mer­ca­to e all’attenzione di investitori.

Impre­sa Pos­si­bi­le è inte­res­sa­to ad ogni tipo di star­tup che pro­vi a costrui­re un’offerta di valo­re uni­ca e innovativa.

Pre­pa­ra­re i col­lo­qui con gli investitori

La secon­da cosa più impor­tan­te che vie­ne fat­ta è aiu­ta­re i fon­da­to­ri a rela­zio­nar­si con inve­sti­to­ri e even­tual­men­te con i poten­zia­li acqui­ren­ti del­la loro azienda.

Ovvia­men­te ven­go­no fat­te intro­du­zio­ni di con­tat­ti. Ma soprat­tut­to vie­ne spe­so parec­chio tem­po inse­gnan­do ai fon­da­to­ri come pre­sen­ta­re la loro star­tup agli inve­sti­to­ri, e come chiu­de­re un accor­do una vol­ta che han­no gene­ra­to interesse.

In que­sta secon­da fase non ven­go­no offer­ti solo con­si­gli ma anche pro­te­zio­ne. I poten­zia­li inve­sti­to­ri han­no mag­gio­ri atten­zio­ni ver­so le azien­de se san­no che da come si com­por­ta­no dipen­de la pos­si­bi­li­tà che l’Incubatore pre­sen­ti loro altre azien­de in futuro.

L’Incubatore ha cura anche che la par­te lega­le e ammi­ni­stra­ti­va per la costi­tu­zio­ne del­la nuo­va azien­da sia fat­ta cor­ret­ta­men­te, evi­tan­do le trap­po­le che spes­so l’inesperienza fini­sce per dis­se­mi­na­re negli atti costi­tu­ti­vi, negli sta­tu­ti e negli altri docu­men­ti che i fon­da­to­ri fir­ma­no “trop­po in fret­ta” quan­do avvia­no la loro impresa.

Gli impren­di­to­ri ven­go­no intro­dot­ti agli avvo­ca­ti giu­sti che spes­so accet­ta­no di esse­re paga­ti più avan­ti quan­do l’azienda vie­ne finan­zia­ta e comin­cia a fare pro­fit­ti. Le azien­de ven­go­no aiu­ta­te ad assu­me­re i loro pri­mi impie­ga­ti (sele­zio­ne e aspet­ti lega­li). Altre­sì pos­so­no esse­re aiu­ta­te a pro­teg­ge­re i loro dirit­ti intellettuali.

E può capi­ta­re che l’Incubatore medi le dispu­te che pos­so­no insor­ge­re tra i fondatori.

Duran­te i tre mesi di incu­ba­zio­ne del­le azien­de vie­ne fat­to un incon­tro alla set­ti­ma­na con gli impren­di­to­ri. All’incontro par­te­ci­pa­no gli esper­ti rite­nu­ti uti­li per quel­la spe­ci­fi­ca startup.

Spes­so si trat­ta di altri impren­di­to­ri, pro­fes­so­ri uni­ver­si­ta­ri, o con­su­len­ti d’azienda che aiu­ta­no l’Incubatore pro bono.

Dopo cir­ca tre mesi si tie­ne un Demo day in cui la star­tup pre­sen­ta i suoi pro­dot­ti e ser­vi­zi a una audien­ce par­ti­co­lar­men­te sele­zio­na­ta di esper­ti. Tre mesi sono un tem­po suf­fi­cien­te­men­te lun­go per mol­te azien­de per pro­dur­re un pro­to­ti­po suf­fi­cien­te­men­te con­vin­cen­te del loro pro­dot­to. In effet­ti mol­te azien­de sono in gra­do di pro­dur­lo in un tem­po inferiore.

Per ogni star­tup i pri­mi due mesi ten­do­no ad esse­re i più pro­dut­ti­vi e ten­do­no a defi­ni­re l’azienda. L’Incubatore cer­ca di inter­fe­ri­re il meno pos­si­bi­le nel­le star­tup che assi­ste. Ven­go­no for­ni­ti un sac­co di con­si­gli ma non vie­ne for­za­to nes­su­no a seguir­li. L’Incubatore ha chia­ro che l’indipendenza è la ragio­ne prin­ci­pa­le per cui le per­so­ne fan­no impresa.

Duran­te i tre mesi, oltre all’incontro di ogni set­ti­ma­na, ven­go­no offer­te alle azien­de ore di assi­sten­za che i lavo­ra­to­ri-impren­di­to­ri pos­so­no pre­no­ta­re per discu­te­re con gli esper­ti dell’Incubatore ciò che stan­no costruen­do e i pro­ble­mi che incontrano.

Ci sono poi altre occa­sio­ni di incon­tro con esper­ti in for­ma di semi­na­ri e conferenze.

Nel cor­so dei tre mesi ven­go­no intro­dot­ti alle star­tup per­so­ne ed esper­ti che pos­sa­no aiu­tar­le nel loro spe­ci­fi­co progetto.

Demo day e dopo i tre mesi

Come det­to alla fine dei tre mesi c’è un even­to che chia­mia­mo Demo day in cui le star­tup pre­sen­ta­no i loro pro­to­ti­pi e il loro pia­no di lavo­ro ad una audien­ce di poten­zia­li investitori.

Alla fine dei tre mesi il lavo­ro dell’Incubatore non fini­sce. Ter­mi­na­no sola­men­te gli incon­tri set­ti­ma­na­li pre­fis­sa­ti. L’incubatore con­ti­nua a dare assi­sten­za e a intro­dur­re con­tat­ti sino a che i fon­da­to­ri riten­go­no di aver­ne bisogno.

E’ impor­tan­te che gli aspi­ran­ti impren­di­to­ri abbia­no una buo­na idea già for­ma­ta, ma anche che dimo­stri­no di saper ave­re buo­ne idee. Mol­te star­tup di suc­ces­so cam­bia­no la loro idea anche sostan­zial­men­te nel cor­so del­lo svi­lup­po dei pro­to­ti­pi di prodotto.

Alcu­ni nomi degli esperti

Del grup­po di esper­ti fan­no par­te tra altri, Luca Gnan, docen­te orga­niz­za­zio­ne azien­da­le Univ. Roma Tor Ver­ga­ta, Pre­si­den­te Euro­pean Aca­de­my of Mana­ge­ment. Lui­gi Cor­vo, docen­te eco­no­mia azien­da­le Univ. Roma tor Ver­ga­ta. Mau­ri­zio Figia­ni e Chia­ra Paga­no, docen­ti di desi­gn del pro­dot­to indu­stria­le al Poli­tec­ni­co di Mila­no. Luca Leo­nar­di­ni, Con­su­len­te inno­va­zio­ne di valo­re e value pro­po­si­tion desi­gn. Ange­lo Mastran­drea, gior­na­li­sta, auto­re di arti­co­li su espe­rien­ze di fab­bri­che recu­pe­ra­te ita­lia­ne e del libro “Lavo­ro sen­za Padro­ni, sto­rie di ope­rai che fan­no rina­sce­re impre­se”. Oltre che Car­lo Mas­si­ro­ni, ani­ma­to­re del blog “50/30 Blog” e asset mana­ger vero­ne­se foca­liz­za­to sull’innovazione di prodotto.

A dif­fe­ren­za di mol­ti incu­ba­to­ri di impre­sa pub­bli­ci che ope­ra­no nell’ottica dell’erogazione di cor­si, Impre­sa Pos­si­bi­le ope­ra con la stes­sa otti­ca che gui­da le miglio­ri real­tà di ven­tu­re capi­tal: quel­la di veni­re valu­ta­ti per la qua­li­tà del­le azien­de che con­tri­bui­sce a por­ta­re sul mercato.

Per invia­re le candidature

Per chie­de­re un col­lo­quio per pre­sen­ta­re la vostra idea di impre­sa e di pro­dot­to è pos­si­bi­le uti­liz­za­re il form che tro­va­te qui.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.