Carlo Massironi

Dobbiamo far iniziare a discutere di innovazione centinaia di migliaia di imprenditori, lavoratori, sindacalisti e giovani, che sono il tessuto produttivo del Paese. Partendo dagli esempi concreti, evitando i semplici tifosi da stadio dell’innovazione
Quando ho raccontato questa storia la prima volta mi hanno chiesto come un pescivendolo, un pubblicitario e un cuoco di Polignano a Mare, provincia di Bari, Puglia, possano essere l’esempio di ciò che ci serve per innovare il sistema produttivo italiano.
Dobbiamo far iniziare il Paese a parlare di innovazione. Ma non in termini di tifo da stadio. Eliminando dalla conversazione i semplici entusiasti dell’innovazione.
Come imprenditori, nei garage come nei consigli di amministrazione, abbiamo il dovere di interrogarci sul senso del lavoro povero.
I giornali l’hanno ribattezzata “la scuola più multietnica d’Italia” per via di quel suo 85%, sul totale degli iscritti, di ragazzi arrivati da altri paesi. C'è chi ha deciso di considerarla un punto di forza del nostro Paese.
Il 25 maggio Impresa Possibile, l'incubatore d'impresa di taglio sociale di Possibile e 50/30 Blog sarà a Carpi (MO) con un seminario gratuito per orientare chi, nella provincia di Modena, vuole provare ad uscire dalla disoccupazione facendo impresa.
Corriere della Sera / La nuvola del lavoro, il blog del Corriere della Sera dedicato ai giovani e ai temi dell’occupazione, racconta il taglio costruttivista e post-razionalista nella valutazione dei progetti d’impresa dell’incubatore d’impresa “Impresa Possibile”.
Rivolto ai lavoratori di imprese chiuse, ristrutturate, delocalizzate e ai giovani incastrati nella trappola “laureato, qualificato, disoccupato”, parte a Verona l’incubatore d’impresa “Impresa Possibile“, voluto e sostenuto dal movimento Possibile di Pippo Civati che si avvale delle competenze del gruppo di esperti che sta dietro il blog “50/30 Blog – Disoccupazione e Imprenditorialità”.