Innovazione di valore, perché il paese torni a sperimentare

Mol­te del­le cri­si indu­stria­li ita­lia­ne degli ulti­mi anni sono lega­te all’invec­chia­men­to dei pro­dot­ti del­le azien­de.

I pro­dot­ti invec­chia­no e diven­ta­no irri­le­van­ti per i clien­ti. I mar­gi­ni di pro­fit­to scom­pa­io­no. Le azien­de pro­va­no a ridur­re i costi. Delo­ca­liz­za­no. Met­to­no i dipen­den­ti in cas­sa inte­gra­zio­ne. Poi si arren­do­no.

Tut­te azio­ni appa­ren­te­men­te sen­sa­te quan­do ven­go­no mes­se in atto. Ma tut­te mol­to lon­ta­ne da ciò che occor­re­reb­be fare: inven­ta­re un nuo­vo pro­dot­to (o ser­vi­zio) che offra nuo­vo valo­re al clien­te, per cui il clien­te sia di nuo­vo dispo­sto a paga­re. E che per un po’ i con­cor­ren­ti non sia­no in gra­do di copiare.

Ci lamen­tia­mo del­le cri­si indu­stria­li, quan­do dovrem­mo lamen­tar­ci per aver per­so la capa­ci­tà di crea­re nuo­vi prodotti/servizi, nuo­ve offer­te di valo­re per i clienti.

La cri­si attra­ver­sa­ta da Sae­co nel 2016 e il con­tem­po­ra­neo suc­ces­so di Caf­fi­ta­ly sono un esem­pio per me illuminante.

Sae­co e Caf­fi­ta­ly sono due azien­de fon­da­te in tem­pi diver­si dal­la stes­sa per­so­na: Ser­gio Zap­pel­la.

Zap­pel­la fon­da Sae­co, insie­me ad Arthur Sch­med, nel 1981, per offri­re alle per­so­ne la pri­ma mac­chi­na per il caf­fè com­ple­ta­men­te auto­ma­ti­ca. Pre­men­do un tasto il caf­fè vie­ne maci­na­to sul momen­to e la mac­chi­na pro­du­ce una taz­za di espres­so come al bar. Nel 1985 Sae­co com­mer­cia­liz­za il suo model­lo “Supe­rau­to­ma­ti­ca”.

L’offerta di valo­re è uni­ca per il clien­te. E l’azienda ha un perio­do di cre­sci­ta mol­to for­te. Con espan­sio­ne inter­na­zio­na­le e crea­zio­ne di posti di lavoro.

Nel 2009 Zap­pel­la ven­de Sae­co alla mul­ti­na­zio­na­le olan­de­se Phi­lips, che inten­de con­ti­nua­re a pro­dur­re le mac­chi­ne auto­ma­ti­che per il caf­fè. Seb­be­ne nel mer­ca­to esi­sta­no ormai parec­chi pro­dut­to­ri e nel 1986 Nestlé abbia intro­dot­to il siste­ma del­le cap­su­le di caf­fè Nespres­so, una nuo­va offer­ta di valo­re per il clien­te, appa­ren­te­men­te mol­to più convincente.

Nel 2016 Sae­co entra in cri­si. Dopo anni di delo­ca­liz­za­zio­ni, cas­sa inte­gra­zio­ne, ridi­men­sio­na­men­ti, licen­zia (saran­no esu­be­ri volon­ta­ri) 239 dipen­den­ti su 558. — Ho visi­ta­to con Pip­po Civa­ti lo sta­bi­li­men­to in quei gior­ni.

Zap­pel­la nel frat­tem­po, nel­lo stes­so pae­se in cui ha sede Sae­co, ave­va fon­da­to nel 2004 (insie­me ad altri) una nuo­va azien­da chia­man­do­la Caf­fi­ta­ly, per offri­re ai clien­ti “le miglio­ri misce­le di caf­fè al mon­do, in cap­su­la”. Ruban­do quo­te di mer­ca­to al colos­so del­le cap­su­le Nestlé e al suo siste­ma Nespres­so, a suon di bre­vet­ti sul­le cap­su­le e altis­si­mo livel­lo qua­li­ta­ti­vo del pro­dot­to.

Così, nel 2016, men­tre Sae­co-Phi­lips pro­va­va sen­za suc­ces­so a difen­de­re un prodotto/offerta di valo­re dive­nu­to irri­le­van­te per i clien­ti e dove­va licen­zia­re, Caf­fi­ta­ly con 350 dipen­den­ti (di cui 25 dedi­ca­ti alla inno­va­zio­ne di pro­dot­to) in 12 anni, da zero era arri­va­ta a pro­dur­re un fat­tu­ra­to di 141 milio­ni di euro, un uti­le di 5 milio­ni (per un digni­to­so anche se non entu­sia­sman­te 3,5% di mar­gi­ne net­to). E con tas­si di cre­sci­ta del 30% all’anno.

Met­te­re al cen­tro dell’agenda poli­ti­ca e indu­stria­le ita­lia­na l’inno­va­zio­ne di prodotto/servizio signi­fi­ca spie­ga­re al Pae­se che un futu­ro più pro­spe­ro per tut­te e tut­ti è real­men­te pos­si­bi­le. E pas­sa per il tor­na­re a inven­ta­re nuo­vi pro­dot­ti e ser­vi­zi anzi­ché impe­gnar­ci inu­til­men­te a difen­de­re con le unghie pro­dot­ti e ser­vi­zi ormai dive­nu­ti irrilevanti.

Signi­fi­ca ini­zia­re un dia­lo­go con impren­di­to­ri, lavo­ra­to­ri, gio­va­ni, ricer­ca­to­ri sul­le miglio­ri pra­ti­che per fare inno­va­zio­ne di valo­re. Signi­fi­ca spie­ga­re a mol­ti “come si fa”, affin­ché alcu­ni tra que­sti ci rie­sca­no. A bene­fi­cio dell’intera col­let­ti­vi­tà. Signi­fi­ca rimuo­ve­re gli osta­co­li, fare inve­sti­men­ti pub­bli­ci, e far tor­na­re il Pae­se a spe­ri­men­ta­re.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.