«I politici pensano solo alla legge elettorale». Lo scrive Renzi. Giuro.

Preparatevi perché la replica della nuova messinscena dell’uomo nuovo lontano dalla politica tutto retorica e sfavillante energia è già pronta: Matteo Renzi (che ringhia contratto nelle sue solipsistiche vendette come raccontano oggi tutti i giornali) finge di non essere la stessa persona che è riuscito a frantumare il Paese, si dimentica di essere segretario del più grande partito del Paese (partito in dissoluzione, com’è nelle sue corde di idea di comando) e si lancerà in un’esaltante campagna elettorale basata sulla perdita di memoria a breve termine.

Come un Berlusconi qualsiasi parla da esterno di un pasticcio politico di cui è il primo responsabile e con quella sua aria da scout volenteroso apre il suo ultimo post con una frase che è un capolavoro di millanteria (o scostamento dalla realtà, fate voi):

Eh sì, la soglia giusta è il 6%. – scrive Renzi nel suo blog – E non sto parlando di legge elettorale, anche se sembra che i politici italiani non pensino ad altro. Non è così, almeno non lo è per me. Qualunque sia la legge elettorale, qualunque sia la data in cui si voterà, per me il punto vero è quale idea di Italia e Europa offriremo agli elettori.

“I politici” scrive, continuando imperterrito a surfare l’onda del populismo solo un po’ più borghese: un ex Presidente del Consiglio che guida il PD può davvero simulare di essere vergine? Ci si può spingere a tanto? Sì. Renzi sì.

E sarà così per tutta la campagna elettorale.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati