PNSD e fichi

Arrivano fino al 2020 le azioni previste dal Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD) introdotto nel 2015: si spegnerà il suo entusiasmo innovatore? E quale futuro per i bistrattati Animatori Digitali?

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Tripudio di tabel­le, sin­fo­nia di Pan­to­ne: le 140 pagi­ne del Pia­no Nazio­na­le Scuo­la Digi­ta­le (PNSD) sono piom­ba­te su di noi nel 2015, facen­do mori­re d’invidia quel­le — ammet­tia­mo­lo, gene­ral­men­te tri­sti — dei nostri PEC e del­le nostre gri­glie di valutazione.

Per­ché inve­ce è bel­lo, gra­fi­ca­men­te, il PNSD: gra­fi­ca­men­te e con­cet­tual­men­te. Da ani­ma­to­re digi­ta­le appe­na nomi­na­ta, alla pre­sen­ta­zio­ne del Pia­no alle Offi­ci­ne Goli­nel­li a Bolo­gna nel dicem­bre del 2015 ricor­do di aver per­fi­no pro­va­to un fre­mi­to di entu­sia­smo. Aule inno­va­ti­ve, piat­ta­for­me di appren­di­men­to, edi­to­ria digi­ta­le era­no le aree dove si con­cen­tra­va il mio inte­res­se, dove pen­sa­vo che si sareb­be potu­to lavo­ra­re con pro­fit­to per dare un nuo­vo slan­cio alla scuo­la ita­lia­na. In que­sti anni è sta­to in effet­ti fat­to mol­to per por­ta­re la scuo­la in una nuo­va dimen­sio­ne; resta­no però alcu­ni males­se­ri a cui occor­re­reb­be por­re mano. Ad una let­tu­ra atten­ta del Pia­no non può sfug­gi­re un disa­gio di fon­do die­tro lo slan­cio inno­va­to­re, la sen­sa­zio­ne che si stes­se qua­si cam­mi­nan­do sul­le uova per quan­to riguar­da alcu­ni aspet­ti del­la sua rea­liz­za­zio­ne pra­ti­ca: d’altronde, è noto che uno dei mali prin­ci­pa­li del nostro siste­ma edu­ca­ti­vo è la cro­ni­ca man­can­za di fon­di.

Sono sta­te tan­te le azio­ni (o meglio, le Azio­ni) che si sono suc­ce­du­te nel tem­po e han­no via via inte­res­sa­to varie scuo­le del­la peni­so­la, come l’installazione del wi-fi, le Clas­si 2.0 e via dicen­do, ma ad oggi non sem­bra che abbia­no costrui­to cam­bia­men­ti fon­da­men­ta­li, pro­fon­di, orga­ni­ci nel modo di pen­sa­re la didat­ti­ca e per­ma­ne la sen­sa­zio­ne gene­ra­le che la stra­da sia anco­ra lun­ga. Trop­po, in veri­tà, e come sem­pre con trop­po poco e non per tut­ti. Finan­zia­men­ti a mac­chia di leo­par­do han­no inte­res­sa­to sin­go­le clas­si o anche inte­re scuo­le con pro­po­ste didat­ti­che dav­ve­ro nuo­ve e di otti­mo livel­lo, ma per maga­ri esau­rir­si con il tra­sfe­ri­men­to di un docen­te o con l’esaurimento dei fon­di otte­nu­ti — uno dei moti­vi per cui nei PON sia­mo tenu­ti ad esem­pio ad indi­ca­re la pos­si­bi­li­tà di soprav­vi­ven­za di un pro­get­to nel tem­po e le moda­li­tà con cui que­sto risul­ta­to deve esse­re otte­nu­to. PON a par­te, l’innovazione costa e la coper­ta è sem­pre trop­po cor­ta, e in alcu­ni casi pro­prio nel PNSD è sta­to chie­sto mol­to per una con­tro­par­ti­ta che non si può che con­si­de­ra­re insufficiente.

Un esem­pio di que­ste noz­ze con i fichi sec­chi è l’istituzione del­la figu­ra dell’Animatore Digi­ta­le, appel­la­ti­vo quan­to mai scia­gu­ra­to per un ruo­lo inve­ce dichia­ra­ta­men­te impor­tan­te e stra­te­gi­co. Spes­so e volen­tie­ri, pur­trop­po, que­sta posi­zio­ne chia­ve si è tra­dot­ta in moda­li­tà attua­ti­ve che attra­ver­sa­no l’arco com­ple­to da appas­sio­na­to volon­ta­ria­to (adep­ti del­le nuo­ve tec­no­lo­gie col sacro fuo­co dell’amore per il digi­ta­le) a mugu­gnan­te riot­to­si­tà (docen­ti a cui è toc­ca­to rico­pri­re un ruo­lo che non desi­de­ra­va­no). Uno dei pun­ti più oscu­ri del PNSD è sta­to pro­prio voler crea­re una figu­ra obbli­ga­to­ria che da un lato era sta­ta idea­ta pen­san­do alle tan­te espe­rien­ze posi­ti­ve che mol­tis­si­mi inse­gnan­ti già “digi­ta­li” da anni por­ta­va­no avan­ti nel­le scuo­le, ma che dall’altro, al con­tra­rio ad esem­pio del­le fun­zio­ni stru­men­ta­li, non otte­ne­va alcu­na coper­tu­ra finan­zia­ria o rico­no­sci­men­to giu­ri­di­co. Ad esse­re bru­tal­men­te sin­ce­ri, nes­sun rico­no­sci­men­to tout court; ed in mol­ti casi ci sono AD che lavo­ra­no sen­za retri­bu­zio­ne, o sen­za alme­no un par­zia­le distac­co, o anche igno­ra­ti o per­ce­pi­ti da mol­ti col­le­ghi come un fasti­dio, voci che gri­da­no nel deserto.

Vaghi segna­li giun­ti in pas­sa­to dal­le isti­tu­zio­ni sono rima­sti ad oggi let­te­ra mor­ta. Ricor­do che nel novem­bre 2016, all’evento orga­niz­za­to a Geno­va pres­so la fie­ra ABCD, la dot­to­res­sa Bian­co­ni del MIUR, rispon­den­do ad una doman­da del pub­bli­co, ave­va assi­cu­ra­to che era allo stu­dio “un nuo­vo inqua­dra­men­to giu­ri­di­co e sti­pen­dia­le per gli AD”: evi­den­te­men­te la voglia di stu­dia­re è fini­ta, per­ché su que­sto fron­te anco­ra non risul­ta si sia mos­so nul­la. Per la mag­gior par­te, gli AD sono per­so­ne pre­pa­ra­te e capa­ci, un vali­do pun­to di par­ten­za per la pro­mo­zio­ne del digi­ta­le a scuo­la sia per com­pe­ten­za che per entu­sia­smo ed in que­sto il Pia­no ha indi­vi­dua­to un’ottima oppor­tu­ni­tà di svi­lup­po “sul cam­po” per il digi­ta­le nel­la scuo­la; però in trop­pi casi, come si è det­to, l’AD si è tro­va­to sul­le spal­le un note­vo­le cari­co di lavo­ro a fron­te di poco o nulla.

Comun­que sia, il PNSD è frut­to di per­so­ne che evi­den­te­men­te nel digi­ta­le cre­do­no, e que­sto entu­sia­smo emer­ge chia­ra­men­te leg­gen­do il testo (meno nel­le tabel­le, ovvia­men­te, ma quel­le sono bel­le, basta quel­lo). Ci sono paro­le bel­lis­si­me, con­cet­ti e pro­po­ste asso­lu­ta­men­te da pro­va­re a met­te­re in pra­ti­ca. Ce ne sono di meno bel­le come “sta­ke­hol­ders”, che richia­ma fred­de sale riu­nio­ni di rapa­ci mul­ti­na­zio­na­li, ma tant’è. Col­pi­sce pro­fon­da­men­te que­sto auspi­cio del­la cen­tra­li­tà non del­le tec­no­lo­gie, ma del­la dimen­sio­ne “epi­ste­mo­lo­gi­ca e cul­tu­ra­le” del­la scuo­la e chiu­de con que­ste paro­le: “La buo­na scuo­la esi­ste già, in tut­ta ita­lia. Ma lo Sta­to deve ades­so fare in modo che que­sto patri­mo­nio diven­ti sem­pre più dif­fu­so e ordi­na­rio. Per far sì che nes­su­no stu­den­te resti indie­tro.” E, aggiun­ge­rei, nes­sun docen­te: la for­ma­zio­ne digi­ta­le degli inse­gnan­ti è indi­spen­sa­bi­le non per­ché sia indi­spen­sa­bi­le usa­re la tec­no­lo­gia in clas­se — non lo è affat­to, nul­la sostui­sce un dia­lo­go edu­ca­ti­vo effi­ca­ce — ma per tro­va­re modi diver­si e nuo­vi di vei­co­la­re agli stu­den­ti le nostre cono­scen­ze e com­pe­ten­ze ed aiu­tar­li a far­le pro­prie, aiu­tar­li a impa­ra­re non solo con un meto­do, ma con il miglio­re meto­do pos­si­bi­le per cia­scu­no di loro. In que­sto, le nuo­ve tec­no­lo­gie sono sicu­ra­men­te uno stru­men­to estre­ma­men­te pra­ti­co, fles­si­bi­le ed accat­ti­van­te sia per diver­si­fi­ca­re il modo in cui noi docen­ti vei­co­lia­mo i nostri con­te­nu­ti che per per­met­te­re agli stu­den­ti di spe­ri­men­ta­re modi diver­si di appren­de­re, tro­van­do stra­de per­so­na­li (e, di con­se­guen­za, più effi­ca­ci) di miglio­ra­re lo stu­dio e rag­giun­ge­re posi­ti­va­men­te gli obiet­ti­vi didat­ti­ci. Più diver­ti­men­to, meno stress, più risul­ta­ti: il digi­ta­le, den­tro e fuo­ri dal­la clas­se, è un moto­re impor­tan­te per un cam­bia­men­to ormai indispensabile.

Aspet­tia­mo quin­di di vede­re cosa vor­rà fare ora lo Sta­to per valo­riz­za­re il lavo­ro di tan­tis­si­mi di noi nel­la comu­ni­tà edu­ca­ti­va digi­ta­le, AD, docen­ti, stu­den­ti, per non spe­gne­re l’entusiasmo e la voglia di fare che sono la base posi­ti­va del PNSD e che rispec­chia­no le stes­se qua­li­tà dei suoi idea­to­ri e con­tri­bu­to­ri, e soprat­tut­to del com­ples­so di espe­rien­ze a cui essi han­no fat­to rife­ri­men­to. Chie­dia­mo allo Sta­to di non dar­ci (solo) fichi sec­chi, ma aule como­de, lumi­no­se e acco­glien­ti, cal­de d’inverno e fre­sche d’estate (in fon­do stia­mo par­lan­do di uto­pie, met­tia­mo­ci anche que­sta);  stru­men­ti che fun­zio­na­no, tem­pi fles­si­bi­li, di met­ter­ci insom­ma nel­le con­di­zio­ni di ave­re il tem­po e l’agio di poter esse­re arte­fi­ci di que­sto impor­tan­te cam­bia­men­to di para­dig­ma sen­za esse­re i coc­ker con la lin­gua di fuo­ri che sia­mo ora, sem­pre in affan­no come dopo una lun­ga cor­sa che sem­bra non fini­re mai.

Pame­la Gallio

per il Comi­ta­to Scuo­la di Possibile

Sie­te AD sod­di­sfat­ti o riot­to­si? Sie­te docen­ti digiu­ni di tec­no­lo­gia e feli­ci di esser­lo? Sie­te apo­ca­lit­ti­ci o inte­gra­ti? Vor­rem­mo ascol­ta­re le vostre espe­rien­ze di docen­ti digi­ta­li e non: scri­ve­te­ci all’indirizzo scuola@possibile.cvacan[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Il governo è allergico al dissenso. Ma manifestare è un diritto

In que­sto caso la leg­ge non è “ad per­so­nam” ma let­te­ral­men­te “ad pro­te­stam”: ina­spri­men­to del­le pene per chi vie­ne accu­sa­to di resi­sten­za a un pub­bli­co uffi­cia­le se sta cer­can­do di impe­di­re la rea­liz­za­zio­ne di un’opera pub­bli­ca o di un’infrastruttura strategica.

A Parigi con il Nuovo Fronte Popolare

A Pari­gi si lavo­ra per fini­re le strut­tu­re del­le Olim­pia­di men­tre ini­zia a sen­tir­si il cal­do che pre­oc­cu­pa atle­ti e scien­zia­ti: “Rings of Fire”, si