Più che uno stop al tesseramento è un indulto

577486_10200110066994961_415829493_nAlle pre­se con la que­stio­ne del tes­se­ra­men­to sel­vag­gio, l’e­let­to­re si scan­da­liz­za e si este­nua — per para­fra­sa­re Pao­lo Con­te — e tut­ti gli altri sem­pli­ce­men­te guar­da­no con gli occhi stra­buz­za­ti l’en­ne­si­mo spet­ta­co­lo guit­te­sco mes­so in sce­na dal (nel) Pd. Fer­ma­re o non fer­ma­re il tes­se­ra­men­to, si chie­do­no i tito­li di gior­na­le in un dibat­ti­to viep­più appas­sio­nan­te per quei capi­ba­sto­ne che, a casa, li leg­go­no como­da­men­te sedu­ti sul­le deci­ne di miglia­ia di tes­se­re che han­no già fat­to, nel­le lun­ghe set­ti­ma­ne dora­te del­la dere­gu­la­tion. E sospi­ra­no, ah, dei bei tem­pi andati.

Epi­fa­ni sta cer­can­do di inter­ve­ni­re, col pro­po­si­to di tro­va­re un accor­do tra i quat­tro can­di­da­ti, e par­la di pochi casi iso­la­ti, e di san­zio­ni. Le san­zio­ni che risul­ta­no, al momen­to, riguar­da­no Asti (il famo­so caso del­la colo­niz­za­zio­ne alba­ne­se del­la pro­vin­cia di Pao­lo Con­te, appun­to) e Rovi­go. E l’e­len­co dei prov­ve­di­men­ti fini­sce qui: un po’ poco. Entran­do nel noio­so e bizan­ti­no det­ta­glio tipi­co del­le cose dem, ci sareb­be ben altro. Ci sono le cen­ti­na­ia di miglia­ia di tes­se­re in bian­co mes­se in cir­co­la­zio­ne, mol­te del­le qua­li invia­te in pro­por­zio­ni asso­lu­ta­men­te inu­si­ta­te, e del tut­to non casual­men­te, a rifor­ni­re fede­ra­zio­ni che non ave­va­no cer­ti­fi­ca­to la loro situa­zio­ne pri­ma del­l’i­ni­zio del con­gres­so: e non è dav­ve­ro ammis­si­bi­le che, a chi ha crea­to que­sti veri e pro­pri buchi neri, l’or­ga­niz­za­zio­ne nazio­na­le abbia addi­rit­tu­ra for­ni­to una pala, per con­ti­nua­re a scavare.
A fine con­gres­so, quan­do sarà il momen­to di fare i con­ti, anche quel­li let­te­ra­li, qual­cu­no sco­pri­rà — per esem­pio — che del­le tre­mi­la tes­se­re al gior­no fat­te a Napo­li alcu­ne — mol­te — non sono nem­me­no sta­te paga­te, o sono sta­te paga­te la metà. E che si fa a quel pun­to dei risul­ta­ti dro­ga­ti che ormai saran­no sta­ti acquisiti?

Che fare poi con gli incan­di­da­bi­li che non solo si sono can­di­da­ti, ma sono sta­ti anche — sarà un caso — ple­bi­sci­ta­ria­men­te elet­ti? Cri­sa­ful­li lo era, incan­di­da­bi­le, for­se che il con­gres­so va inte­so come un giu­bi­leo che rimet­te i pec­ca­ti, o come un indul­to? Che fare se, come sem­bra, la pro­po­sta di Epi­fa­ni di con­ce­de­re al tes­se­ra­men­to que­sto ulti­mo wee­kend di aper­tu­ra, doves­se rea­liz­zar­si, qua­li sono i modi e le cau­te­le per­ché non si veri­fi­chi l’as­sal­to ai for­ni? Chi vigi­le­rà? Con qua­li stru­men­ti, e qua­li pote­ri san­zio­na­to­ri effet­ti­vi, ovve­ro in gra­do di annul­la­re i pro­ce­di­men­ti irre­go­la­ri e il loro peso spe­ci­fi­co nel cal­co­lo del­le con­ven­zio­ni? Per­ché sia­mo dovu­ti arri­va­re al pun­to di met­te­re in cam­po Segre­ta­rio e can­di­da­ti, e per­ché inve­ce non insi­ste­re di più sul lavo­ro del­l’ap­po­si­ta commissione?

E sia­mo cer­ti di poter garan­ti­re, inve­ce, che dove vi sono elet­to­ri in buo­na fede inten­zio­na­ti — paz­zi — a fare la tes­se­ra entro que­sto nuo­vo ter­mi­ne tro­vi­no dap­per­tut­to le sedi aper­te, e le tes­se­re, rigo­ro­sa­men­te una a testa, dispo­ni­bi­li? Per­ché que­sto è il pro­ble­ma che noi, inge­nui, ci pone­va­mo quan­do abbia­mo lan­cia­to la #pro­po­sta­hard di entra­re in que­sto par­ti­to per cam­biar­lo di per­so­na per­so­nal­men­te, e non a pac­chet­ti: non sia­mo sta­ti con­sul­ta­ti quan­do que­ste rego­le sono sta­te deci­se, e sia­mo del­l’i­dea che non si deb­ba­no cam­bia­re in cor­sa — come dice­va un altro can­di­da­to, un’al­tra vol­ta — ma sia­mo sicu­ri che non si sia costrui­to un mec­ca­ni­smo che sco­rag­gia gli one­sti e non puni­sce i diso­ne­sti? Insom­ma, è una que­stio­ne di giu­sti­zia, anche bana­le:  dopo­tut­to non è pro­prio sul­la tes­se­ra del Pd, che sta scrit­to “L’I­ta­lia giusta”?

Que­ste le doman­de, sen­za pole­mi­ca, al Segre­ta­rio che ha pro­po­sto que­sta solu­zio­ne mol­to par­zia­le e a chi pare appog­giar­la. Ed è un po’ tar­di per gli appel­li dispia­ciu­ti, l’in­di­gna­zio­ne e le lacri­me di coc­co­dril­lo di qual­cu­no, così come è pue­ri­le but­tar­la sem­pre in tri­bu­na col benal­tri­smo, col signo­ra mia i pro­ble­mi del mon­do sono altri: cer­to che sono ben altri, e spes­so sono cau­sa­ti da quel­li che han­no pote­re e non si cura­no del rispet­to del­le rego­le, ver­reb­be da rispon­de­re. La deci­sio­ne, ci sem­bra di capi­re, è già sta­ta pre­sa a pre­scin­de­re dal­le annun­cia­te con­sul­ta­zio­ni: che alme­no non sia un col­po di spu­gna. Noi con­ti­nue­re­mo a vigi­la­re, e a chie­de­re il rispet­to del­le regole.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

I piagnistei e le grandi dichiarazioni - sempre le stesse – ad ogni ricorrenza non servono. Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.
Questo gigantesco e raffazzonato tentativo di maquillage dello sfruttamento ha incontrato finalmente il suo destino naturale con la sentenza 30/06/2021 del Tribunale di Bologna.
Dopo -anzi, durante - il Covid, e con l'emergenza climatica in corso, le priorità dovrebbero cambiare. Solo per le Olimpiadi Milano-Cortina pare che nulla cambi. Né nella progettazione, né nell'impostazione, mentre la Lega (che governa le due Regioni) intende usare i Giochi come un volano politico.