Ottocentocinquanta studenti ci scrivono: anche per loro la “Buona scuola” non esiste

Prosegue la campagna di ascolto che Possibile ha promosso nelle diverse città per capire la situazione in cui versa la scuola italiana.

Ormai appare evidente a tutti che la “Buona Scuola” si sta rivelando una pessima riforma e il disagio è percepito ovunque nel territorio nazionale. In tantissimi istituti gli organici sono incompleti e i nostri ragazzi stanno affrontando l’inizio di questo anno scolastico nell’incertezza più totale, con orari ridotti e senza la possibilità di poter accedere alla formazione a cui hanno diritto.

Esistono poi situazioni ancora più drammatiche nella scuola italiana e di una in particolare vogliamo parlarvi oggi attraverso una lettera che hanno scritto i ragazzi del Liceo Artistico a Musicale di Cagliari.

Ieri li abbiamo incontrati in delegazione ed abbiamo passato del tempo con loro per farci raccontare la loro storia, capire le loro ragioni e discutere con loro di possibili soluzioni.

Sono ragazzi determinati e chiedono semplicemente avere le stesse opportunità di ogni altro studente, per poter esercitare il loro diritto di potersi costruire un futuro.

Non vogliamo aggiungere nulla rispetto a quanto scrivono e vi invitiamo semplicemente a leggerla:

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati