Ottobre lampone: l’autunno Possibile

Dalle prossime elezioni europee agli Stati generali delle donne, passando per le tante campagne promosse da Possibile, per un autunno nel segno dell'uguaglianza

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Vener­dì 5 otto­bre gra­zie all’iniziativa di Mila­no Pos­si­bi­le ragio­ne­re­mo sul­le sfi­de euro­pee. Insie­me a me e Andrea Mae­stri ci saran­no Elly Schlein, Lucio Cavaz­zo­ni, Anna­li­sa Cor­ra­do, Davi­de Sera­fin e tan­ti altri ospi­ti.

Saba­to 6 otto­bre sare­mo ad Aman­do­la, nel cuo­re del cra­te­re che due anni fa ha deva­sta­to il cen­tro Ita­lia. In que­sti due anni io ci sono anda­ta costan­te­men­te, ora ci tor­nia­mo insie­me. Non sarà una pas­se­rel­la, né un con­ve­gno, ma l’occasione di ascol­ta­re le sto­rie di chi sta pro­van­do in gran­de soli­tu­di­ne a rial­zar­si dal­le mace­rie e pre­sen­te­re­mo il pro­get­to che Pos­si­bi­le soster­rà con una rac­col­ta fon­di, un pro­get­to attua­to con la col­la­bo­ra­zio­ne dell’Università di Came­ri­no che coniu­ga la tute­la ambien­ta­le con la pro­mo­zio­ne di azien­de in rete tra loro.

Dome­ni­ca 7 otto­bre Pos­si­bi­le par­te­ci­pe­rà alla Mar­cia Del­la Pace Peru­gia-Assi­si. In un momen­to come que­sto è quan­to mai neces­sa­rio esser­ci e mani­fe­sta­re il l’urgenza di mon­do più giu­sto e sen­za armi. Nei gior­ni scor­si abbia­mo sot­to­scrit­to l’appello lan­cia­to da Pip­po Civa­ti e Lucio Cavaz­zo­ni che vi invi­tia­mo a sot­to­scri­ve­re e diffondere.

Otto­bre sarà anche il mese che vedrà l’avvio del Rifu­gio Pos­si­bi­le, la sede di Pos­si­bi­le che è nata tra Seni­gal­lia e Fano per avvia­re atti­vi­tà soli­da­li a soste­gno del ter­ri­to­rio, soprat­tut­to del­le peri­fe­rie, dove il Rifu­gio sor­ge. Par­ti­re­mo offren­do assi­sten­za lega­le per le don­ne vit­ti­ma di vio­len­ze, assi­sten­za pedia­tri­ca, aiu­to com­pi­ti, rac­col­te ali­men­ta­ri e spor­tel­lo di ascol­to per le fami­glie in dif­fi­col­tà.

[ADERISCI A POSSIBILE]

Saba­to 27 otto­bre inve­ce ci ritro­ve­re­mo per la con­vo­ca­zio­ne degli Sta­ti Gene­ra­li del­le Don­ne di Pos­si­bi­le. Il DDL Pil­lon è un abo­mi­nio e in tut­ta Ita­lia stan­no nascen­do ini­zia­ti­ve di pro­te­sta per chie­der­ne l’abolizione, il Pat­to di Gover­no pre­ve­de poli­ti­che per le don­ne solo in fun­zio­ne di “madre”, i dati dei fem­mi­ni­ci­dio e del­le vio­len­ze sul­le don­ne sono gli uni­ci dati sull’emergenza sicu­rez­za real­men­te in cre­sci­ta, men­tre i diva­ri sala­ria­le e occu­pa­zio­na­li aumen­ta­no e tut­ti i dati sul­le dif­fe­ren­ze di gene­re vedo­no la nostra posi­zio­ne peg­gio­ra­re costan­te­men­te. E’ del tut­to evi­den­te un’involuzione del ruo­lo e del­la con­si­de­ra­zio­ne del­la don­na nel nostro Pae­se e non pos­sia­mo sta­re in silen­zio aspet­tan­do che qual­co­sa miglio­ri da solo. Non suc­ce­de­rà. Per que­sto ho deci­so di dare voce alle tan­te don­ne che ani­ma­no il nostro par­ti­to, a chie­de­re a tan­te altre don­ne di par­te­ci­pa­re e di por­ta­re il loro con­tri­bu­to, in una gior­na­ta che sarà di con­fron­to, ma anche di ela­bo­ra­zio­ne di cam­pa­gne politiche.
Stia­mo cer­can­do il luo­go adat­to per ospi­tar­ci, non appe­na lo tro­ve­re­mo man­de­re­mo tut­te le info logistiche.

Nel frat­tem­po con­ti­nua­no le nostre campagne:

Addio alle Armi: pur­trop­po abbia­mo dimo­stra­to anco­ra una vol­ta di pre­ve­de­re con mol­to anti­ci­po la deri­va ver­so cui si sta­va andan­do. Con que­sto gover­no le lob­by del­le armi fan­no gran­di affa­ri, a disca­pi­to del­la vera sicu­rez­za di tut­ti noi. Con il pre­zio­so lavo­ro di Ste­fa­no Ian­nac­co­ne moni­to­ria­mo e ci oppo­nia­mo a una poli­ti­che che ci vuo­le tut­ti l’un con­tro l’altro arma­ti e fac­cia­mo nostre le paro­le del dott. Car­lo Mar­tel­li, aggre­di­to bar­ba­ra­men­te nel­la sua abi­ta­zio­ne: “Io la pisto­la non me la com­pro, aver­la signi­fi­ca esse­re dispo­sti ad usar­la e un cit­ta­di­no nor­ma­le non lo è. E’ lo Sta­to che deve difen­der­ci”.

[ADERISCI A POSSIBILE]

Anti­fa: un’altra cam­pa­gna che ci ha visto in pri­ma linea con­tro il ritor­no del fasci­smo nel­la deri­sio­ne di mol­ti che ci ripe­te­va­no che il fasci­smo era un fetic­cio pas­sa­to. Ci accor­gia­mo ogni gior­no di più che non è così e che oggi più che mai abbia­mo biso­gno di raf­for­za­re i nostri anti­cor­pi anti­fa­sci­sti. Ste­fa­no Cato­ne sta giran­do da mesi tut­ta Ita­lia per spie­gar­lo e per smon­ta­re pez­zo per pez­zo la nar­ra­zio­ne fasci­sta in que­sto Paese.

No Emer­gen­za: gra­zie al lavo­ro di Ste­fa­no Cato­ne, Andrea Mae­stri e Vale­ria Mer­can­di­no por­tia­mo avan­ti un’indagine nazio­na­le sul­la buo­na acco­glien­za, con i model­li vir­tuo­si che fun­zio­na­no. E pro­prio per­ché fun­zio­na­no Sal­vi­ni vuo­le eli­mi­nar­li, strac­cian­do i model­li SPRAR, model­li di acco­glien­za e trasparente.

Alla Base La Scuo­la: con Eula­lia Gril­lo e l’attivissimo comi­ta­to Scuo­la di Pos­si­bi­le ogni gior­no offria­mo la pos­si­bi­li­tà di rac­con­ta­re la Scuo­la, denun­cia­mo quel­lo che non va, for­mu­lan­do pro­po­ste e por­tia­mo avan­ti un’idea di scuo­la pub­bli­ca inclu­si­va, che ripar­ta insie­me a chi la scuo­la la vive ogni giorni.

Basta Amian­to: a segui­to del suc­ces­so del­la Peti­zio­ne lan­cia­ta da Anna­li­sa Cor­ra­do e dagli impe­gni pre­si in nostra pre­sen­za dal Mini­stro Costa, con­ti­nua­no a moni­to­ra­re se real­men­te ver­ran­no ripri­sti­na­ti gli incen­ti­vi per l’istallazione del foto­vol­tai­co, col­le­ga­ti alla boni­fi­ca del­le coper­tu­re di Amianto

Giu­sta Paga: con Davi­de Sera­fin con­ti­nua l’impegno di Pos­si­bi­le a soste­gno dei lavo­ra­to­ri con­tro lo sfrut­ta­men­to del lavo­ro e del­le per­so­ne, dai riders ai brac­cian­ti, dai call-cen­ter alle par­ti­te iva, rilan­cia­mo la que­stio­ne dei con­trat­ti, sala­ri e del­le giu­ste retri­bu­zio­ni, in un Pae­se dove di lavo­ro non si par­la più, men­tre lo sfrut­ta­men­to vie­ne legalizzato.

Anti­vi­rus: l’ultima nata del­le nostre cam­pa­gne. Insie­me a Mar­co Vas­sa­lot­ti sia­mo in pri­ma linea con­tro la disin­for­ma­zio­ne. Attra­ver­so le fake news, le bufa­le, le infor­ma­zio­ni distor­te si fab­bri­ca­no pro­ble­mi e emer­gen­ze ine­si­sten­ti in cui auto­ma­ti­ca­men­te diven­ta­no giu­sti­fi­ca­bi­li le “solu­zio­ni” pro­po­ste da alcu­ne par­ti poli­ti­che. Fare oppo­si­zio­ne vuol dire anche ritro­va­re paro­le di veri­tà, di fron­te a una nar­ra­zio­ne volu­ta­men­te distor­ta e manipolata.

Stia­mo inol­tre pre­pa­ran­do momen­ti di for­ma­zio­ne e di mobi­li­ta­zio­ne e per far­lo abbia­mo biso­gno del­la col­la­bo­ra­zio­ne di tut­ti. Per favo­ri­re una miglio­re orga­niz­za­zio­ne e comu­ni­ca­zio­ne all’interno del par­ti­to, ci sia­mo dati i com­pi­ti: per orga­niz­za­re un even­to o un un’iniziativa sul­le nostre cam­pa­gne con il vostro comi­ta­to, pote­te con­tat­ta­re Fran­ce­sca Druet­ti che è la per­so­na che si occu­pe­rà per il Comi­ta­to Orga­niz­za­ti­vo di dar­vi una mano, men­tre men­tre per il tes­se­ra­men­to e per i rap­por­ti con i comi­ta­ti pote­te fare rife­ri­men­to a Ema­nue­la Amen­do­la, Ste­fa­nia Sil­va e Pier­pao­lo Scel­si.

[ADERISCI A POSSIBILE]

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.