Ognuno è il clandestino di qualcun altro

Il nazionalismo ha questo di non trascurabile: il nazionalismo stesso, il protezionismo. La mancanza di un'idea di fondo che contempli non dico la solidarietà - non esageriamo - ma anche solo il progetto di costruire qualcosa di più grande, se non di più giusto, di ciò che sta dentro i propri confini nazionali.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Con cir­ca un anno di tem­po pri­ma del­le pros­si­me ele­zio­ni euro­pee, vie­ne da chie­der­si cosa sarà del­le pro­po­ste del nasci­tu­ro gover­no nel­l’Eu­ro­pa che ver­rà, e se l’Eu­ro­pa poli­ti­ca che ver­rà le tro­ve­rà più o meno dige­ri­bi­li e se sarà più o meno simi­le a quel­la che è usci­ta dal­la ele­zio­ni ita­lia­ne con l’af­fer­ma­zio­ne di Lega e M5s. Para­dos­sal­men­te, però, nes­su­na di quel­le due ver­sio­ni del­l’Eu­ro­pa avreb­be moti­vi per guar­da­re con mag­gio­re sim­pa­tia il gover­no Di Maio — Sal­vi­ni.

Nel caso si con­fer­mas­se­ro più o meno gli sche­mi attua­li, ovve­ro un cen­tro­de­stra mer­ke­lia­no che a secon­da del­la lati­tu­di­ne flir­ta coi popu­li­sti — come Ber­lu­sco­ni con Sal­vi­ni — o con con il cen­tro­si­ni­stra — come in Ger­ma­nia e come è suc­ces­so in Ita­lia con le lar­ghe inte­se dal 2001 a oggi, pro­se­gui­ran­no le poli­ti­che di rigo­re e auste­ri­tà, anzi pro­ba­bil­men­te si appe­san­ti­ran­no e si apri­rà un con­flit­to peren­ne tra Ita­lia e isti­tu­zio­ni euro­pee, e tra Ita­lia e mer­ca­ti subi­to dopo, met­ten­do in gra­ve dif­fi­col­tà non tan­to il nostro Gover­no, ma pro­prio noi come cit­ta­di­ni di que­sto sven­tu­ra­to Pae­se. I nostri rispar­mi saran­no a rischio, i nostri sti­pen­di pure, impre­se chiu­de­ran­no, addio con­su­mi, addio quel poco di benes­se­re che ci rima­ne. E fin qui nien­te di nuovo.

Ma, per assur­do, se anche in tut­ta Euro­pa sof­fias­se­ro for­tis­si­mi i ven­ti del popu­li­smo di destra, fino alla non augu­ra­bi­le affer­ma­zio­ne di for­ze à la Sal­vi­ni, o se pre­fe­ri­te à la Orban, per Sal­vi­ni stes­so non sareb­be affat­to una buo­na noti­zia. Il nazio­na­li­smo, infat­ti, ha que­sto di non tra­scu­ra­bi­le: il nazio­na­li­smo stes­so, il pro­te­zio­ni­smo. La man­can­za di un’i­dea di fon­do che con­tem­pli non dico la soli­da­rie­tà — non esa­ge­ria­mo — ma anche solo il pro­get­to di costrui­re qual­co­sa di più gran­de, se non di più giu­sto, di ciò che sta den­tro i pro­pri con­fi­ni nazionali.

Venen­do ai det­ta­gli, per­ché mai un Sal­vi­ni tede­sco dovreb­be per­met­te­re al Sal­vi­ni ita­lia­no di sfo­ra­re il defi­cit, sapen­do che a pagar­ne le con­se­guen­ze sareb­be anche la Ger­ma­nia? Per­ché mai un’Eu­ro­pa — dio non voglia, ripe­tia­mo — a tra­zio­ne xeno­fo­ba dovreb­be per­met­te­re a Sal­vi­ni di ridi­scu­te­re le quo­te di distri­bu­zio­ne dei migran­ti ver­so gli sta­ti mem­bri, sapen­do che così dovreb­be­ro far­ne entra­re di più nel pro­prio Pae­se? Se l’Eu­ro­pa fos­se gover­na­ta dagli xeno­fo­bi met­te­reb­be il filo spi­na­to intor­no alle Alpi e rispon­de­reb­be all’I­ta­lia che i migran­ti sono pro­ble­mi suoi.

Il ritor­no del­l’in­te­res­se nazio­na­le è quin­di un tema di gran moda anche a sini­stra, di que­sti tem­pi, e tor­na como­do come argo­men­to con­tro la glo­ba­liz­za­zio­ne qua­le cau­sa del­le cre­scen­ti disu­gua­glian­ze. Ma, come ini­zia a sospet­ta­re per­si­no Donald Trump, è bene­fi­co fin­ché non sva­ni­sce l’il­lu­sio­ne che pos­sa esse­re uni­la­te­ra­le: e nel medio perio­do non lo è nem­me­no per gli Sta­ti Uni­ti, con tut­ta la loro for­za eco­no­mi­ca e geo­po­li­ti­ca, figu­ria­mo­ci per noi. Sono poli­ti­che attraen­ti fin­ché si è con­vin­ti di poter­le usa­re solo sugli “altri”, pos­si­bil­men­te più debo­li, ver­so l’e­ster­no, sen­za con­se­guen­ze, lo sono mol­to meno quan­do qual­cu­no resti­tui­sce il favo­re. Come suc­ce­de per i dazi: sono mol­to popo­la­ri quan­do li si voglio­no impor­re ai pro­dot­ti impor­ta­ti per ren­der­li meno com­pe­ti­ti­vi, non lo sono più quan­do si ha biso­gno di ven­de­re i pro­pri all’e­ste­ro, e arri­va­ti nei por­ti di mez­zo mon­do si sco­pre che saran­no appe­san­ti­ti di gabel­le fino a risul­ta­re inven­di­bi­li. A meno che — nel 2018 — non si cre­da nel­l’au­tar­chia, nel caso baste­reb­be ricor­da­re che l’I­ta­lia non pro­du­ce nem­me­no abba­stan­za oli­ve da sod­di­sfa­re la doman­da inter­na di extra­ver­gi­ne, figu­ria­mo­ci il resto.

Il mon­do che Sal­vi­ni favo­leg­gia pro­met­ten­do di difen­de­re il suo­lo patrio non è il ritor­no a un pic­co­lo mon­do anti­co in cui tut­ti vivia­mo in muli­ni cir­con­da­ti da mari dora­ti di spi­ghe di gra­no e le mam­me infor­na­no il pane, somi­glia inve­ce alle “sfe­re di influen­za” descrit­te da Mar­ga­ret Atwood nel Rac­con­to del­l’An­cel­la, un mon­do mol­to più pove­ro, in cui noi sta­rem­mo pro­ba­bil­men­te più tra i debo­li che tra i for­ti, in cui la frut­ta fre­sca è un lus­so e tut­ti sia­mo schia­vi di oppri­men­ti dit­ta­tu­re. Ver­reb­be da pen­sa­re che non lo vor­reb­be nem­me­no Sal­vi­ni stes­so, nel dub­bio spe­ria­mo alme­no che non lo voglia­no gli ita­lia­ni e che se ne ren­da­no con­to in fretta.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?