O apri tutto, o chiudi tutto

Succede che si fanno letteralmente i conti senza l’oste, si comprano beni di consumo deperibili per organizzare un’apertura che all’improvviso non si può fare perché, nel frattempo, “strega comanda colore diverso”. Perché i dati cambiano con una frequenza spaventosa, e tutto l’impianto di monitoraggio si adegua, e quindi da giallo diventi arancione, o da arancione diventi rosso, o tutto lo spettro delle varie combinazioni.
zona rossa

“O apri tutto, o chiudi tutto”, così risponde un imprenditore nel mondo del food and beverage alla domanda “ma come possiamo fare a tenere insieme lavoro e emergenza sanitaria?”.

È così che F. ci racconta le proprie difficoltà nel mandare avanti il suo bar ristorante, tra i più attivi in uno dei quartieri più vivi della Capitale pre-pandemia.

Perché non è tanto lo stare chiusi che crea enormi difficoltà ai piccoli imprenditori come lui, bensì il non sapere con un sufficiente preavviso quando e come si possa stare aperti.

E allora succede che si fanno letteralmente i conti senza l’oste, si comprano beni di consumo deperibili per organizzare un’apertura che all’improvviso non si può fare perché, nel frattempo, “strega comanda colore diverso”. Perché i dati cambiano con una frequenza spaventosa, e tutto l’impianto di monitoraggio si adegua, e quindi da giallo diventi arancione, o da arancione diventi rosso, o tutto lo spettro delle varie combinazioni.

E cambia la lista degli esercizi che possono svolgere la propria attività commerciale, e cambiano gli orari all’interno dei quali questa attività può essere svolta.

La conseguenza è che tutto l’approvvigionamento va a farsi benedire e, contestualmente, i danni economici ai titolari delle piccole imprese (insieme a quelli sociali e ambientali causati dallo spreco, ma questo è un capitolo a parte) diventano – nel lungo periodo – incalcolabili.

E allora, chiede F., non sarebbe più intelligente evitare l’asporto e i conseguenti assembramenti nella famosa piazzetta dietro il suo bar e consentire invece il consumo al tavolo seguendo istruzioni e regole su capacità e distanziamento ben definite? E garantire poi un controllo sulla corretta implementazione di tali principi?

Oppure, semplicemente, non converrebbe prendere atto del fatto che la socialità è un lusso che – ad oggi – non ci possiamo permettere, a pranzo come a cena, e prendere decisioni drastiche ma efficaci, trovando il modo di compensare le attività a rischio?

Con l’attuazione del primo Decreto Rilancio, il Governo aveva previsto – con tutti i distinguo del caso, a seconda dell’attività – delle forme di compensazione per questo tipo di situazioni: lo stato di emergenza persiste almeno fino alla fine di aprile, il sostegno su affitti e spese (fisse), invece, viene meno.

E questo mette in ginocchio tantissime realtà che, in alcuni casi, non apriranno mai più.

Sembra dunque evidente che c’è bisogno di sbloccare risorse per il welfare, per il sostegno all’impresa e alla famiglia. Ne abbiamo scritto a lungo, e i decisori non sembrano aver fatto tesoro dell’esperienza dell’ultimo anno, perché – a ben vedere – ci ritroviamo a ripetere ancora le stesse cose, per mesi e mesi.

Ci sono i fondi del Recovery Plan, che se ben impiegati potrebbero portare a un rilancio economico del sistema grazie ad un’allocazione efficiente della spesa pubblica.
E poi c’è il MES, che svincolerebbe immediatamente 36 miliardi di euro di investimenti da spendere in sanità pubblica, e che potrebbero essere impegnati per politiche di welfare, a supporto di individui e famiglie che sono stati travolti dalle conseguenze socio economiche della pandemia.

“O apri tutto, o chiudi tutto” e nel frattempo, mentre si chiedono sacrifici enormi, si deve trovare il modo di organizzare tutti quegli aspetti della quotidianità che impattano sulla sicurezza dei cittadini, sulla trasmissione del virus e sulla tenuta del sistema sanitario che, tutt’oggi, non hanno ancora trovato sufficiente rimodulazione.

Nessuno dice che sia facile, ma non è neanche possibile continuare come se fosse mosca cieca.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait