#NoTriv, per un nuovo sistema energetico

La mobi­li­ta­zio­ne #NoTriv, con­tro le con­ces­sio­ni che il decre­to Sbloc­ca Ita­lia fa alle tri­vel­la­zio­ni, sta scal­dan­do l’agosto ita­lia­no. Ad essa si sal­da­no altre que­stio­ni, dal­le auto­stra­de agli ince­ne­ri­to­ri, che ren­do­no evi­den­te il dise­gno stra­te­gi­co trac­cia­to dal gover­no Ren­zi. Un dise­gno stra­te­gi­co all’avanguardia, se fos­si­mo negli anni ’50. Forse.

Per quan­to riguar­da la stra­te­gia ener­ge­ti­ca, in par­ti­co­la­re, abbia­mo dia­lo­ga­to con Vin­cen­zo Bal­za­ni, pro­fes­so­re eme­ri­to pres­so l’Università di Bolo­gna, che, dati alla mano, ci ha spie­ga­to come que­sta scel­ta – e tut­to lo sche­ma argo­men­ta­ti­vo a soste­gno – sia sem­pli­ce­men­te sbagliata.

(Al ter­mi­ne del­l’in­ter­vi­sta pote­te sca­ri­ca­re un docu­men­to mol­to det­ta­glia­to pro­dot­to dal prof. Bal­za­ni e da altri studiosi).

 

Pro­fes­sor Bal­za­ni, par­tia­mo da un’analisi del­lo sce­na­rio macro. Qual è il con­te­sto inter­na­zio­na­le in cam­po ener­ge­ti­co? Qua­li pro­spet­ti­ve si stan­no delineando?

Un dato cer­to dal qua­le par­ti­re è 80%. Il fab­bi­so­gno ener­ge­ti­co mon­dia­le è sod­di­sfat­to, infat­ti, per l’80% da com­bu­sti­bi­li fos­si­li, cioè da risor­se non rin­no­va­bi­li, desti­na­te a dimi­nui­re e a esau­rir­si, il cui con­su­mo pro­du­ce ani­dri­de car­bo­ni­ca, un gas ser­ra: il prin­ci­pa­le respon­sa­bi­le dei cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci. La buo­na noti­zia è che la qua­si tota­li­tà del­la comu­ni­tà scien­ti­fi­ca è d’accordo con que­sta ana­li­si, ed è ormai chia­ro a mol­ti – se non a tut­ti – che è neces­sa­rio abban­do­na­re que­sto siste­ma il più pre­sto pos­si­bi­le, attuan­do una tran­si­zio­ne che ci por­te­rà ver­so l’utilizzo mas­sic­cio di fon­ti rin­no­va­bi­li, in par­ti­co­la­re ener­gia solare.

Ci sta dicen­do che un siste­ma ener­ge­ti­co fon­da­to sul­le ener­gie rin­no­va­bi­li è pra­ti­ca­bi­le nei fat­ti? Non sarà la soli­ta sto­riel­la che rac­con­ta­no «quat­tro comi­ta­ti­ni» ambientalisti?

È dif­fu­sa la cre­den­za secon­do la qua­le le ener­gie rin­no­va­bi­li sia­no risor­se “di nic­chia”, cose con cui diver­tir­si. E inve­ce sono suf­fi­cien­te­men­te abbon­dan­ti per sod­di­sfa­re tut­ti i biso­gni ener­ge­ti­ci. Se c’è un col­lo di bot­ti­glia que­sto non è asso­lu­ta­men­te la dispo­ni­bi­li­tà di tali risor­se ma, sem­mai, la loro con­ver­sio­ne. Tra­sfor­ma­re l’energia sola­re in calo­re o elet­tri­ci­tà, infat­ti, com­por­ta la pro­du­zio­ne di stru­men­ti, e quin­di l’utilizzo di mate­ria­li da estrar­re dal­la ter­ra: anche que­sti non sono infi­ni­ti. Ecco per­ché la pri­ma cosa da fare per avvia­re la tran­si­zio­ne è ridur­re i con­su­mi ener­ge­ti­ci – il 10% sareb­be un otti­mo risul­ta­to -, che non signi­fi­ca tor­na­re all’età del­la pie­tra, ma effi­cien­ta­re gli edi­fi­ci, pro­muo­ve­re il tra­spor­to pub­bli­co, pri­vi­le­gia­re il tra­spor­to su fer­ro rispet­to a quel­lo su gom­ma, adot­ta­re com­por­ta­men­ti consapevoli.

La tran­si­zio­ne ener­ge­ti­ca, in Ita­lia, sem­bra un mirag­gio. Come se la pas­sa­no nel resto del mondo?

A diver­se velo­ci­tà, la tran­si­zio­ne ver­so un altro model­lo ener­ge­ti­co è un feno­me­no che sta pren­den­do pie­de in tut­to il mon­do. Ci sono degli osta­co­li che deter­mi­na­no le diver­se velo­ci­tà, a par­ti­re dal fat­to che die­tro ai com­bu­stii­bi­li fos­si­li si con­cen­tra­no inte­res­si gigan­te­schi, nel­le mani di per­so­ne che spo­sta­no enor­mi capitali.

Det­to que­sto, l’Unione Euro­pea ha assun­to dei buo­ni impe­gni, come quel­lo di por­ta­re la quo­ta di ener­gie rin­no­va­bi­li uti­liz­za­te all’80% del tota­le entro il 2050. Negli Sta­ti Uni­ti abbia­mo appe­na visto l’impegno assun­to da Oba­ma. Così come in Cina (accu­sa­ta di aver svi­lup­pa­to nume­ro­sis­si­me cen­tra­li a car­bo­ne, ma biso­gna ricor­da­re che il con­su­mo ener­ge­ti­co pro capi­te in que­sto pae­se è un ter­zo di quel­lo degli Sta­ti Uni­ti) le rin­no­va­bi­li stan­no facen­do pro­gres­si note­vo­li, sia suf­fi­cien­te pen­sa­re che l’eolico ha supe­ra­to il nucleare.

E in Ita­lia, a che pun­to siamo?

L’Italia è in una buo­na posi­zio­ne, se pen­sia­mo che cir­ca il 40% dell’energia pro­vie­ne da idroe­let­tri­co, eoli­co e foto­vol­tai­co. Il pro­ble­ma, però, sta diven­tan­do poli­ti­co, nel sen­so che stia­mo imboc­can­do una stra­da che com­pro­met­te­rà la nostra stra­te­gia ener­ge­ti­ca per i pros­si­mi ven­ti o trent’anni: Ren­zi è anda­to alle Nazio­ni Uni­ti per riba­di­re il nostro impe­gno in que­sto cam­po, poi è tor­na­to in Ita­lia per auto­riz­za­re le tri­vel­la­zio­ni. Non si può ripar­ti­re con le tri­vel­la­zio­ni: non ser­vo­no nem­me­no per gesti­re il pre­sen­te, per­ché i poz­zi ce li tire­re­mo avan­ti per ven­ti e trent’anni, ipo­te­can­do il futu­ro ener­ge­ti­co. E’ una cosa mol­to grave.

Ci dico­no che sen­za tri­vel­la­zio­ni non c’è futu­ro, che sono fon­da­men­ta­li per la cre­sci­ta eco­no­mi­ca. È dav­ve­ro così?

Cer­ca­re le ulti­me quat­tro goc­ce di petro­lio nel nostro Pae­se è un eser­ci­zio poco uti­le e dan­no­so. In pri­mo luo­go per­ché è poco, appun­to. Se estraes­si­mo tut­to il petro­lio e tut­to il meta­no che si tro­va sul nostro ter­ri­to­rio, que­sto baste­reb­be per copri­re il fab­bi­so­gno ener­ge­ti­co ita­lia­no per poco più di un anno.

Quan­ti posti di lavo­ro potreb­be­ro crear­si inve­sten­do nell’industria petrolifera? 

Rela­ti­va­men­te pochi, se pen­sia­mo che l’industria del petro­lio e del meta­no è a for­te inten­si­tà di capi­ta­le, ma gene­ra pochi posti di lavo­ro. Ma soprat­tut­to tenia­mo con­to di altri due fat­to­ri: inve­sti­re in rin­no­va­bi­li vuol dire inve­sti­re nell’industria mani­fat­tu­rie­ra ita­lia­na, per­ché – come dice­va­mo – sono neces­sa­rie mac­chi­ne per con­ver­ti­re l’energia. E l’industria mani­fat­tu­rie­ra è la nostra indu­stria. In secon­do luo­go, riu­scia­mo solo a imma­gi­na­re qua­li dan­ni potreb­be pro­vo­ca­re un inci­den­te in un mare come l’Adriatico? Sareb­be la fine per il turi­smo, che inve­ce rap­pre­sen­ta una fon­te sicu­ra di reddito.

Cosa pen­sa del­la stra­te­gia referendaria?

Pen­so che pos­sa esse­re vin­cen­te: abbia­mo l’esempio del nuclea­re. Su que­sti temi le per­so­ne si mobi­li­ta­no, per­ché sono coscien­ti che c’è in gio­co il pro­prio futu­ro e quel­lo dei pro­pri figli.

Per chiu­de­re, qua­li con­si­gli pos­sia­mo dare, per dare il via, anche nel nostro pic­co­lo, alla tran­si­zio­ne ver­so un nuo­vo siste­ma energetico?

La pri­ma ope­ra­zio­ne che dob­bia­mo fare è di tipo cul­tu­ra­le: ognu­no deve esse­re con­sa­pe­vo­le del fat­to che stia­mo par­lan­do del futu­ro nostro e del pia­ne­ta. E che si può agi­re local­men­te — riqua­li­fi­can­do gli edi­fi­ci, pen­san­do a un’altra mobi­li­tà -, pur tenen­do pre­sen­te che la sfi­da è glo­ba­le. In que­sto sen­so pos­sia­mo anche dire che le ener­gie rin­no­va­bi­li sono più demo­cra­ti­che: si tro­va­no in tut­to il mon­do, sono a dispo­si­zio­ne di tut­ti. Non sono con­cen­tra­te nel­le mani di pochi, con le con­se­guen­ze inter­na­zio­na­li che ben conosciamo.

Sca­ri­ca il docu­men­to pro­dot­to dal prof. Bal­za­ni e da altri stu­dio­si.

 

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.