La strategia referendaria del comitato Area Fertile di Ascoli

Referendum_Area_Fertile_Ascoli

Que­sta sto­ria par­la di alcu­ni ragaz­zi di Asco­li Pice­no, stu­den­ti uni­ver­si­ta­ri, gio­va­nis­si­mi e impe­gna­ti, che han­no det­to dav­ve­ro “Basta diva­no”. Entu­sia­sti di Pos­si­bi­le, diven­ta­ta pre­sto la loro casa, han­no for­ma­to un loro comi­ta­to “Area Fer­ti­le” in una cit­tà non sem­pre fer­ti­le per le istan­ze progressiste.

Per loro la cam­pa­gna refe­ren­da­ria #8Sì è il bat­te­si­mo del fuo­co, e la affron­ta­no a mani nude, con tut­ta l’originalità di cui sono capa­ci. Sabri­na Fir­ma­ni, Mat­teo Gior­gi e Ales­san­dro Cap­pel­let­ti li abbia­mo incon­tra­ti in pie­no fer­ra­go­sto nel cen­tro di Asco­li, tra piaz­za Arrin­go e la favo­lo­sa Piaz­za del Popo­lo affol­la­ta all’ora dell’aperitivo, con il loro bot­ti­no di fir­me rac­col­te in que­ste set­ti­ma­ne, gra­zie alla tena­cia e alla stra­te­gia di Mat­teo che ha segui­to il per­cor­so trac­cia­to da un vero esper­to, suo zio, ven­di­to­re por­ta a por­ta, tra i pri­mi a fir­ma­re gli otto que­si­ti referendari.

Il tour nei pae­si vici­no Asco­li comin­cia così: zio, con­si­glie­re auten­ti­ca­to­re e Mat­teo con un pli­co di modu­li sot­to­brac­cio. Sem­bra assur­do, ma nes­su­no si aspet­ta più che qual­cu­no li vada a cer­ca­re a casa per par­la­re di poli­ti­ca, del­le tri­vel­la­zio­ni nel “loro” mare Adria­ti­co, a pochi chi­lo­me­tri dal­la spiag­gia dove sono cre­sciu­ti, o che par­li del­le acro­ba­zie del jobs act che disar­ti­co­la il siste­ma lavo­ra­ti­vo, o anco­ra del­la scuo­la che met­te in mano l’intera gestio­ne del per­so­na­le docen­te ad una sola per­so­na, o infi­ne dell’Italicum che stra­vol­ge il siste­ma demo­cra­ti­co. Non ci sono più abi­tua­ti. La poli­ti­ca non è più que­sto da trop­po tem­po. E da trop­po tem­po è solo tv, o luo­ghi comu­ni, “ros­si e neri tut­ti ugua­li”, “tut­ti ruba­no alla ste­sa manie­ra”, e via andare.

Mat­teo non si sco­rag­gia, accet­ta il caf­fè del­le signo­re che lo ascol­ta­no dap­pri­ma per­ples­se, com­ple­ta­men­te disa­bi­tua­te a cer­ti discor­si, le con­vin­ce, fa chia­ma­re i vici­ni di casa, coin­vol­ge i figli più gio­va­ni a dare una mano, spie­ga e rispie­ga altre mil­le vol­te gli otto que­si­ti. Gli inse­gnan­ti sono imbe­stia­li­ti e fan­no subi­to grup­po chia­man­do ami­ci e paren­ti, gli altri si affi­da­no all’entusiasmo e alla pas­sio­ne di que­sto ragaz­zo che impe­gna così le sue gior­na­te di ago­sto lon­ta­no dai libri. Fami­glie inte­re di con­ta­di­ni, ope­rai, inse­gnan­ti, inten­ti a tra­scor­re­re un ago­sto soli­to, tra pomo­do­ri da “pas­sa­re”, ani­ma­li da custo­di­re, cam­pi da col­ti­va­re, lon­ta­no dal­la poli­ti­ca ver­ti­ci­sti­ca che trop­po spes­so inta­sa le vie di comu­ni­ca­zio­ne, ma mol­to vici­ni alle paro­le di que­sto ragaz­zo che par­la la loro stes­sa lin­gua e ritro­va una con­nes­sio­ne sen­ti­men­ta­le pri­ma anco­ra che poli­ti­ca.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.