Se non volete i bufalari, non votateli

alien-vs-predator-renzi-grillo

Oggi dicia­mo addio al 2016, e con lui vor­rem­mo anche salu­ta­re il dibat­ti­to poli­ti­co che lo ha carat­te­riz­za­to, e che potrem­mo rias­su­me­re in due paro­le: spec­chio rifles­so.

Il cele­bre mot­teg­gio tipi­ca­men­te infan­ti­le è dav­ve­ro il più indi­ca­to a descri­ve­re il quo­ti­dia­no bot­ta e rispo­sta tra i due prin­ci­pa­li par­ti­ti in cam­po, PD e M5S.

Pren­dia­mo ad esem­pio la cam­pa­gna che ha segna­to que­sto 2016, quel­la per il refe­ren­dum costi­tu­zio­na­le.

Si trat­ta­va di discu­te­re di una revi­sio­ne del­la Costi­tu­zio­ne, si pote­va allar­ga­re la discus­sio­ne al meto­do con cui que­sta revi­sio­ne era sta­ta por­ta­ta avan­ti. Gra­zie alla bril­lan­te intui­zio­ne dell’ex pre­si­den­te Ren­zi, era diven­ta­to fair game anche il discu­te­re del suo ope­ra­to e di quel­lo del suo governo.

Ma è que­sto il gene­re di con­te­nu­ti che ave­te visto domi­na­re home­pa­ge, pri­me pagi­ne, dibat­ti­ti e appro­fon­di­men­ti in ogni bloc­co del palin­se­sto tele­vi­si­vo? No.

Il par­ti­to di gover­no ha discus­so di mala­ti di can­cro e dia­be­te, di tre­ni che sareb­be­ro arri­va­ti in ora­rio, di bol­let­te che si sareb­be­ro abbas­sa­te, del pani­co dei mer­ca­ti che una vit­to­ria del no avreb­be susci­ta­to, con il crol­lo del­le bor­se, l’arrivo di un gover­no tec­ni­co impo­sto dall’Europa, la fine di ogni cosa buo­na e solo pistac­chi chiu­si.

Il prin­ci­pa­le par­ti­to di oppo­si­zio­ne ha par­la­to di peri­co­lo demo­cra­ti­co, di deri­va auto­ri­ta­ria, di oscu­ri grup­pi sovra­na­zio­na­li che ordi­va­no le tra­me di un nuo­vo ordi­ne mon­dia­le e che in caso di vit­to­ria del sì avreb­be impo­sto il suo inver­no nuclea­re alla nostra democrazia.

Entram­bi lo han­no urla­to sul­la stam­pa (loro) ami­ca e in tv (qual­cu­no più di qual­cun altro), lo han­no scrit­to tut­to in maiu­sco­lo sul­le più impro­ba­bi­li pagi­ne face­book (da homer simp­son alla luce del signo­re), sui peg­gio­ri siti di fake­news da clic­k­bait, dan­do­si reci­pro­ca­men­te dei fasci­sti, dei popu­li­sti, degli auto­ri­ta­ri, dei pal­li­sti, dei fake, dei troll, dei bufa­la­ri, dei cor­rot­ti, degli ipocriti.

Rispon­den­do­si “e voi allo­ra?
Spec­chio rifles­so, appun­to.

Se ne ave­te pie­ne le tasche, come me, di que­sto pes­si­mo B‑Movie alla Alien VS Pre­da­tor, di que­sto Fake VS Bufa­le, vi augu­ro e ci augu­ro un 2017 in cui sapre­mo cam­bia­re sto­ria, o per lo meno cam­bia­re canale.

La vera urgen­za demo­cra­ti­ca e repub­bli­ca­na non è difen­der­ci da gei­pi­mor­gan, non è l’invasione dell’orda fascio­po­pu­li­sta: è vota­re chi fa pro­po­ste, non solo pro­pa­gan­da. Chi cer­ca di spie­ga­re le cose, soprat­tut­to quan­do non va di moda. Chi vi dà brut­te noti­zie, non solo le pro­prie inven­zio­ni. Ogni pro­mes­sa è sem­pre una bugia, dice­va qual­cu­no, se non è spie­ga­ta, soste­nu­ta da nume­ri e da cal­co­li, rap­pre­sen­ta­ta in tut­ti i suoi det­ta­gli, capa­ce di tene­re con­to del­le con­se­guen­ze, con­di­vi­so con ampi set­to­ri del­la popolazione.

Chi allo spec­chio rifles­so, pre­fe­ri­sce la rifles­sio­ne.

Buon 2017.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata. 
Non basta il 1 dicembre ma serve un impegno deciso, strutturato, permanente capace di superare il mero approccio sanitario e di prevenzione e di guardare oltre, anche alla qualità della vita e alla piena inclusione delle persone sierocoinvolte. Per liberarle da uno stigma che viene dato loro da una società che ha ancora paura di affrontare questo tema.