No, i poliziotti di Borgo Mezzanone non sono stati presi a calci e pugni (come dice Salvini)

E’ di qual­che gior­no fa la noti­zia di un’aggressione avve­nu­ta il 5 otto­bre ai dan­ni di due poli­ziot­ti a Bor­go Mez­za­no­ne, nel foggiano.

A dare la noti­zia è sta­to, come spes­so acca­de, il Mini­stro degli inter­ni Mat­teo Sal­vi­ni, con un post su facebook:

Nel rac­con­to del Mini­stro degli Inter­ni gli ope­ra­to­ri di poli­zia sono sta­ti pre­si “a cal­ci e pugni” da un grup­po di 50 “richie­den­ti asi­lo” per un “sem­pli­ce con­trol­lo” non rispet­ta­to da un cit­ta­di­no gam­bia­no di 26 anni.

Le paro­le di Sal­vi­ni sono sta­te ripre­se l’8 otto­bre dal Sin­da­ca­to Auto­no­mo di Poli­zia (SAP), che in un duro comu­ni­ca­to stam­pa ha descrit­to in que­sti ter­mi­ni quan­to accaduto.

Fog­gia. 50 extra­co­mu­ni­ta­ri man­da­no in ospe­da­le due poli­ziot­ti. Pul­li (Sap): «Puni­re chi delin­que e dota­re la Poli­zia. Ser­ve segna­le di sicu­rez­za per i cit­ta­di­ni» Era­no cir­ca in cin­quan­ta gli extra­co­mu­ni­ta­ri del Cara di Bor­go Mez­za­no­ne, che si sono sca­glia­ti a cal­ci e pugni con­tro due poli­ziot­ti “col­pe­vo­li” di aver fer­ma­to per un con­trol­lo, un cit­ta­di­no gam­bia­no di 26 anni. «I due col­le­ghi sono sta­ti let­te­ral­men­te pesta­ti e han­no ripor­ta­to impor­tan­ti feri­te con pro­gno­si che van­no dai 15 ai 30 gior­ni – spie­ga Fran­ce­sco Pul­li, Segre­ta­rio Nazio­na­le del Sin­da­ca­to Auto­no­mo di Poli­zia (Sap) – l’intervento di altre pat­tu­glie ha scon­giu­ra­to il peg­gio per i col­le­ghi. Epi­so­di del gene­re non sono nuo­vi e, sicu­ra­men­te, a spin­ge­re que­sta gen­te a delin­que­re indi­stur­ba­ta, è anche la con­sa­pe­vo­lez­za di resta­re impu­ni­ta. Ser­vo­no pene seve­re per chi non rispet­ta le rego­le – tuo­na Pul­li – e occor­ro­no anche mag­gio­ri tute­le per i poli­ziot­ti ope­ra­ti­vi su stra­da, come i taser ad esem­pio. Se fos­se suc­ces­so il con­tra­rio, nes­su­no avreb­be esi­ta­to ad urla­re al raz­zi­smo. E’ ora che chi sba­glia paghi e che la Poli­zia sia mes­sa in con­di­zio­ni di difen­der­si e ope­ra­re in tota­le sicu­rez­za in situa­zio­ni del gene­re, per dare un segna­le posi­ti­vo alla collettività»

Degli otti­mi rap­por­ti tra alcu­ni sin­da­ca­ti di poli­zia e la Lega ci era­va­mo già occu­pa­ti in un pez­zo di Anti­vi­rus sull’introduzione dei taser.

Allo­ra il Sin­da­ca­to che ave­va fat­to da fon­te per un post di Sal­vi­ni era l’UGL. In que­sto caso inve­ce è sta­to il Sin­da­ca­to Auto­no­mo di Poli­zia (SAP) a ripren­de­re le paro­le del Mini­stro dell’Interno.
Pro­ba­bil­men­te, per capi­re la gene­si di que­sto comu­ni­ca­to stam­pa, è uti­le ricor­da­re che il segre­ta­rio gene­ra­le del SAP, Ste­fa­no Pao­lo­ni, ha espres­so for­te soste­gno al Decre­to Sicu­rez­za in que­sta inter­vi­sta a Dia­rio del Web, ha dato soli­da­rie­tà al Mini­stro con una let­te­ra al Tem­po in occa­sio­ne del­le inda­gi­ni per la que­stio­ne del­la nave Diciot­ti e in gene­ra­le non si fa scru­po­li a con­di­vi­de­re sul­la pro­pria pagi­na face­book mate­ria­le di Salvini.

La noti­zia, dopo il comu­ni­ca­to stam­pa del SAP, è rim­bal­za­ta sui mag­gio­ri quo­ti­dia­ni loca­li e nazio­na­li. Una bre­ve ras­se­gna dei titoli:

Il Gior­na­le: “Li cir­con­da­no, poi cal­ci e pugni: agen­ti pesta­ti da 50 immi­gra­ti.

Sky TG 24: “Sap: “Due poli­ziot­ti aggre­di­ti da 50 migran­ti a Fog­gia, più tutele”
Imo­la Oggi: “Capo­ra­la­to, Fog­gia: 50 migran­ti si sca­glia­no a cal­ci e pugni con­tro due poli­ziot­ti
RTL: Fog­gia, due poli­ziot­ti aggre­di­ti da cin­quan­ta migranti
Quotidiano.net: “Fog­gia, rivol­ta nel ghet­to dei migran­ti. “In 50 con­tro due poli­ziot­ti

TGR Puglia: “Poli­ziot­ti aggre­di­ti da un grup­po di immi­gra­ti
Quo­ti­dia­no di Puglia: Rivol­ta nel ghet­to di Fog­gia, 50 migran­ti aggre­di­sco­no i poliziotti”

ANSA (ver­sio­ne in ingle­se): 50 migran­ts attack 2 police

Oggi, 10 otto­bre, però, ini­zia­no a spun­ta­re alcu­ni dub­bi sul­la rico­stru­zio­ne data da Salvini.

Uno dei pri­mi ad occu­par­se­ne è Butac, che alle 12 del 10 otto­bre segna­la l’esistenza di una ver­sio­ne alter­na­ti­va dei fat­ti, offer­ta dal maga­zi­ne indi­pen­den­te Ter­ra di Fron­tie­ra.

È vero che Omar cer­ca­va di resi­ste­re per non far­si arre­sta­re. Era spa­ven­ta­to, sape­va che ave­va sba­glia­to e ave­va pau­ra di per­de­re il per­mes­so e di anda­re in car­ce­re. Non ha fat­to bene. Ed è vero pure che altri ragaz­zi del Gam­bia cer­ca­va­no di tira­re il com­pa­gno per difen­der­lo, anche per­ché si era fat­to male. Quan­do la poli­zia è arri­va­ta – spie­ga Mar­co – han­no inse­gui­to Omar e per met­ter­gli le manet­te lo han­no but­ta­to a ter­ra, tra i cumu­li di rifiu­ti fat­ti per la mag­gior par­te da bot­ti­glie di vetro. Lui è cadu­to e si è fat­to male. Ha cer­ca­to di non far­si met­te­re le manet­te e si è agi­ta­to tan­to. Uno dei poli­ziot­ti è cadu­to insie­me a lui per ter­ra. Si è fat­to male pure lui alle mani, con vari tagli, si è spor­ca­to il pan­ta­lo­ne nell’immondizia ed è anda­to a fini­re con la fac­cia den­tro la pol­ve­re […] Tut­ti cer­ca­va­no di par­la­re con la Poli­zia per vede­re cosa si dove­va fare. Ma nes­su­no, giu­ro nes­su­no, ha pic­chia­to poli­ziot­ti. Nes­su­no. Dopo sono arri­va­ti altri poli­ziot­ti, con quat­tro mac­chi­ne in tut­to. Se noi ave­va­mo pic­chia­to, per­ché dove­va­no arre­sta­re solo Omar? Arre­sta­va­no anche altri. Tut­ti gli altri. Nes­su­no ha pic­chia­to la Poli­zia, vera­men­te no. Se qual­cu­no di noi pic­chia­va, pote­va suc­ce­de­re una guer­ra. Noi sia­mo irre­go­la­ri, è vero, ma non sia­mo stupidi.

Ci sono alme­no tre cose che non tor­na­no, quin­di, nel­la rico­stru­zio­ne di Sal­vi­ni che poi è fini­ta su tut­ti i giornali:

  1. La nozio­ne di “richie­den­ti asi­lo” usa­ta per defi­ni­re le 50 per­so­ne coin­vol­te -> Come spie­ga la per­so­na inter­vi­sta­ta da Ter­ra di Fron­tie­ra quel­le per­so­ne non sono richie­den­ti asi­lo. In quel caso, risie­de­reb­be­ro all’interno del CARA di Bor­go Mez­za­no­ne. L’aggressione è avve­nu­ta in un cen­tro nato in modo spon­ta­neo per offri­re rifu­gio alle per­so­ne costret­te a vive­re al di fuo­ri del CARA, un ulte­rio­re segno dell’inefficienza e dell’insicurezza di quel siste­ma di acco­glien­za straor­di­na­ria di fat­to pro­mos­so da Sal­vi­ni con il depo­ten­zia­men­to degli SPRAR.
  2. “Per un sem­pli­ce con­trol­lo” -> Sal­vi­ni scri­ve che la pre­sun­ta “aggres­sio­ne” sareb­be avve­nu­ta a cau­sa del con­trol­lo al posto di bloc­co. Non è così. Come si vede dai video regi­stra­ti sul luo­go, pub­bli­ca­ti sul pro­fi­lo twit­ter di Cam­pa­gne in Lot­ta, la sce­na avvie­ne in un momen­to suc­ces­si­vo al con­trol­lo, quan­do il 26enne vie­ne vio­len­te­men­te tra­sci­na­to a ter­ra dai due poli­ziot­ti e amma­net­ta­to alla ruo­ta poste­rio­re del­la volan­te.  
  3. I “cal­ci e pugni” -> Il rac­con­to di Ter­ra di Fron­tie­ra par­la sì di resi­sten­za e di una col­lut­ta­zio­ne, ma non di un’aggressione di grup­po a col­pi di cal­ci e pugni. I video, con­fer­ma­no quan­to soste­nu­to dai migran­ti, e lo stes­so segre­ta­rio pro­vin­cia­le del SAP, Pep­pi­no Vigi­lan­te, inter­vi­sta­to dall’ANSA, si è visto costret­to a smen­ti­re la pri­ma ver­sio­ne del suo sin­da­ca­to ed ammet­te­re che “par­la­no da soli, basta veder­li atten­ta­men­te. E’ chia­ro che non ci sono cal­ci e pugni.

A pre­scin­de­re da come andrà a fini­re que­sta sto­ria (oggi Mat­teo Sal­vi­ni scri­ve che il richie­den­te asi­lo sarà espul­so dal pae­se “gra­zie” agli effet­ti del Decre­to Sicu­rez­za, anche se al momen­to non sono atti­vi accor­di per i rim­pa­tri con il Gam­bia), rima­ne la soli­ta sen­sa­zio­ne: quel­la di un Mini­stro dell’Interno che — inve­ce di pen­sa­re alla sicu­rez­za di tut­te e tut­te noi — non si fa scru­po­lo di dare in pasto ai suoi segua­ci noti­zie distor­te e non veri­fi­ca­te, e di mez­zi di infor­ma­zio­ne che — alme­no in un pri­mo momen­to — seguo­no la sua ver­sio­ne dei fat­ti sen­za chie­de­re alle altre par­ti in cau­sa cosa sia successo.

Chiu­dia­mo con le paro­le di Ales­san­dro (nome di fan­ta­sia di uno dei migran­ti che han­no ripre­so la sce­na e han­no par­la­to a Ter­ra di Fron­tie­ra, a cui va il nostro rin­gra­zia­men­to per il loro lavo­ro sul campo):

È brut­to che si dice su tut­ti i gior­na­li che noi abbia­mo pic­chia­to la Poli­zia, per­ché non è vero. Nes­su­no ha chie­sto a noi cosa è suc­ces­so vera­men­te. Così non va bene. Vener­dì è suc­ces­so un casi­no, Omar ha sba­glia­to, i gam­bia­ni han­no cer­ca­to di difen­der­lo e sta­va­no sba­glian­do pure loro. Ma vera­men­te nes­su­no ha pic­chia­to la Poli­zia. Sia­mo arrab­bia­ti per­ché non ci pos­sia­mo difen­de­re, non abbia­mo una voce. Se abbia­mo pic­chia­to Poli­zia, altri poli­ziot­ti pote­va­no veni­re in que­sti gior­ni per arre­sta­re quel­li che han­no sba­glia­to. Ma non sono venu­ti. Nes­su­no ha chie­sto a noi cosa è suc­ces­so. Ma se due per­so­ne liti­ga­no e il gior­na­li­sta ascol­ta solo uno di que­sti, fa bene il suo lavo­ro? Secon­do me no. Se sei bra­vo, ascol­ti tut­ti e due. Così noi sia­mo solo cri­mi­na­li – con­clu­de – I mostri da met­te­re sul gior­na­le.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.