Il momento di prendere un biglietto verso #giornimigliori

E' finito il tempo dei convegni e delle sale d'attesa. E' il tempo di proposte e idee precise, da mettere nero su bianco. Partecipa anche tu alla scrittura del programma per realizzare #giornimigliori.
Schermata-2016-12-19-alle-13.36.30

C’è un costi­tu­zio­na­li­sta di Via­reg­gio, un eco­no­mi­sta di Mesa­gne che inse­gna a Cope­n­ha­gen, un con­si­glie­re comu­na­le di Sol­bia­te Olo­na, una inge­gne­re di alto pro­fi­lo, un ana­li­sta di Ales­san­dria, una con­su­len­te del lavo­ro di Fer­mo, un lode­vo­le scrit­to­re di Lodi e mol­ti altri che vi aspet­ta­no, per scri­ve­re insie­me il più niti­do e ambi­zio­so pro­get­to di governo.

Scri­ver­lo, sem­bra bana­le, ma i pro­gram­mi di gover­no, con i nume­ri a fian­co, non li scri­ve più nes­su­no. Sono riu­sci­ti a fare addi­rit­tu­ra tre gover­ni in una sola legi­sla­tu­ra, sen­za espli­ci­ta­re se non a gran­di linee (e a lar­ghe inte­se) cosa avreb­be­ro fat­to e come. Anche Gen­ti­lo­ni non si sot­trae alla rego­la, in un rac­con­to fumo­so, in cui in tono gen­ti­le si dico­no le stes­se cose che pri­ma si dice­va­no in tono monumentale.

Inve­ce, come dice­va quel­la can­zo­ne, «biso­gna solo scri­ve­re e lottare».

Pos­si­bi­le pro­se­gue il pro­prio lavo­ro, alla ricer­ca del testo più pre­ci­so e con­di­vi­so pos­si­bi­le, appunto.

Lo farà a par­ti­re da un’anagrafe del­le com­pe­ten­ze, a cui pote­te par­te­ci­pa­re imme­dia­ta­men­te, segna­lan­do­ci la vostra qua­li­fi­ca (non solo il tito­lo di stu­dio, ciò che ave­te impa­ra­to a fare) e segna­lan­do soprat­tut­to la vostra dispo­ni­bi­li­tà a par­te­ci­pa­re al nostro pro­get­to.

[PARTECIPA ALLA RICOGNIZIONE]

Apri­re­mo alcu­ni focus spe­ci­fi­ci: sull’eco­no­mia, a par­ti­re dal­le nostre pro­po­ste sul­la pro­gres­si­vi­tà e sul recu­pe­ro di risor­se per con­tra­sta­re le disu­gua­glian­ze, che già abbia­mo pre­sen­ta­to in occa­sio­ne del­la leg­ge di bilan­cio; sul lavo­ro, per accom­pa­gna­re nel meri­to, come abbia­mo fat­to per il refe­ren­dum costi­tu­zio­na­le, il pros­si­mo refe­ren­dum e le pros­si­me ele­zio­ni, con comi­ta­ti di stu­dio e di mobi­li­ta­zio­ne (think and move); sul­la scuo­la, a par­ti­re dai con­tri­bu­ti che stia­mo rac­co­glien­do da mesi, per suo­na­re la cam­pa­nel­la e tro­va­re una via d’uscita alla pes­si­ma buo­na scuo­la; sull’ambien­te, con il lavo­ro meti­co­lo­so del­la nostra cam­pa­gna #pri­ma­del­di­lu­vio, per la nostra sovra­ni­tà basa­ta sul­la demo­cra­zia ener­ge­ti­ca dif­fu­sa; sull’immi­gra­zio­ne e l’acco­glien­za, per dire final­men­te cose vere e per affron­ta­re il feno­me­no con solu­zio­ni rea­li­sti­che e rispet­to­se dei dirit­ti di tut­ti, di chi acco­glie e di chi è accolto.

Per inco­min­cia­re. Altri focus saran­no aper­ti a bre­ve. L’operazione avrà suc­ces­so se si dif­fon­de­rà. Que­sto è il pun­to. Se sarà con­di­vi­sa attra­ver­so il con­fron­to. E se ci sarà un’organizzazione a soste­ner­la e a pro­muo­ver­la.

Il tem­po dei con­ve­gni e del­le sale d’attesa, dicia­mo così, è fini­to. È venu­to il momen­to di pren­de­re un bigliet­to ver­so #gior­ni­mi­glio­ri.

[PARTECIPA ALLA RICOGNIZIONE]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.