L’intervento del Ministro della Transizione Ecologica: parole, parole, parole

A leg­ge­re l’intervento del neo Mini­stro del­la Tran­si­zio­ne Eco­lo­gi­ca, Rober­to Cin­go­la­ni, in occa­sio­ne del­la Con­fe­ren­za pre­pa­ra­to­ria del­la Stra­te­gia Nazio­na­le per lo Svi­lup­po Soste­ni­bi­le sem­bra di esse­re tor­na­ti agli anni ’90, quan­do la cri­si socio cli­ma­ti­ca ambien­ta­le veni­va pre­an­nun­cia­ta dal­la Comu­ni­tà Scien­ti­fi­ca all’interno del mene­fre­ghi­smo poli­ti­co di allora.

Paro­le, paro­le, paro­le… nes­su­na pro­po­sta con­cre­ta, anco­ra un riman­do sul­le deci­sio­ni da pren­de­re così come sul­la stra­te­gia. Stia­mo per­den­do altro tem­po. E non abbia­mo tem­po da perdere!

Il discor­so richia­ma il lavo­ro già ini­zia­to sul PNRR, come fece Dra­ghi, ma richia­ma anche il Green New Deal Euro­peo com­ple­ta­men­te dimen­ti­ca­to dai due gover­ni Conte.

“Più lavo­ro sul con­cet­to del­la tran­si­zio­ne, più mi ren­do con­to di quan­to sia impor­tan­te svi­lup­pa­re un model­lo adat­ti­vo basa­to sul­la cono­scen­za del­la situa­zio­ne e del­le istan­ze pre­sen­ti”. Con­cet­to su cui potrem­mo tut­ti esse­re d’accordo, ma è il come che ci pre­oc­cu­pa, per­ché sul come il silen­zio è imbarazzante!

Soprat­tut­to quan­do subi­to dopo aggiun­ge “è neces­sa­rio tro­va­re e defi­ni­re il miglio­re per­cor­so per arri­va­re dal pun­to A al pun­to B, e la miglio­re via non è quel­la linea­re. In que­sto momen­to dif­fi­ci­lis­si­mo, con la pan­de­mia mon­dia­le del Covid, è quan­to più neces­sa­rio con­ci­lia­re istan­ze diver­se. Sia­mo in un momen­to in cui la sof­fe­ren­za socia­le è ele­va­tis­si­ma, e non solo l’economia sta pagan­do un pegno for­mi­da­bi­le. Non pos­sia­mo né dob­bia­mo igno­ra­re le dif­fi­col­tà che si stan­no viven­do”. Pec­ca­to che l’economia e i mec­ca­ni­smi eco­no­mi­ci sfre­na­ti e scon­si­de­ra­ti ci abbia­no con­dot­to in que­sta situazione.

L’indicatore prin­ci­pa­le da tene­re ben pre­sen­te in tut­te le scel­te poli­ti­che e tec­ni­che è che la bio­ca­pa­ci­tà del nostro pia­ne­ta tra luglio e ago­sto sarà ter­mi­na­ta: signi­fi­ca che vivia­mo in un’era di debi­to ambien­ta­le”. Con­ti­nua anco­ra il Mini­stro “Sia­mo tan­ti, le dise­gua­glian­ze sono aumen­ta­te e tra luglio e ago­sto esau­ria­mo la nostra par­te di risor­se natu­ra­li”. “Vivia­mo quin­di in una socie­tà del debi­to non solo eco­no­mi­co, ma anche ambien­ta­le, e in altri con­te­sti cogni­ti­vo, per­ché per­si­no l’informazione e la cul­tu­ra ven­go­no media­ti da siste­mi tal­men­te velo­ci che la nostra men­te spes­so non rie­sce a meta­bo­liz­za­re le infor­ma­zio­ni”. E quin­di, cosa si fa per allen­ta­re il nostro sac­cheg­gio alle risor­se ambien­ta­li? Nes­su­na indi­ca­zio­ne e nes­su­na proposta…

Anche sul cli­ma­te chan­ge rima­nia­mo nel vago, con un riman­do a quel­lo che non stan­no facen­do gli altri, come se noi in Ita­lia fos­si­mo in pri­ma linea per con­tra­sta­re i cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci. Se è vero che le que­stio­ni lega­te al cli­ma­te chan­ge sono inter­na­zio­na­li, non è accet­ta­bi­le liqui­da­re la que­stio­ne sca­ri­can­do su altri i pro­pri ritar­di. Tra l’altro, caro mini­stro si è distrat­to e non si è accor­to che dall’altra par­te del mon­do l’amministrazione Biden ha deci­so di rien­tra­re negli accor­di di Parigi.

Ma è quan­do par­la di inqui­na­men­to e qua­li­tà dell’aria che il Mini­stro dà il meglio – o il peg­gio – di sé.

“Abbia­mo una gran­de sfi­da che è quel­la dei tra­spor­ti – ha spie­ga­to il Mini­stro — sull’elettrificazione, sul tra­spor­to pub­bli­co, sul­la ridu­zio­ne di mez­zi pri­va­ti, su siste­mi che ci con­sen­ta­no di ave­re un’industria for­te, di pro­dur­re pro­gres­so ma che nel­lo stes­so tem­po sia il più soste­ni­bi­le pos­si­bi­le. Ci sono sfor­zi enor­mi in pro­gress, ma i gran­di siste­mi indu­stria­li sono ener­gi­vo­ri, quin­di è neces­sa­rio tro­va­re giu­sto bilan­cio tra le esi­gen­ze di un’economia che gene­ra lavo­ro e benes­se­re e il fat­to che que­sta eco­no­mia non deb­ba esse­re imple­men­ta­ta a spe­se dell’ambiente in cui vivia­mo. Ci sarem­mo aspet­ta­ti un cam­bio di mis­sion, con l’ambiente mes­so al cen­tro dell’azione e con un chia­ro pro­get­to di equi­li­brio tra gli inte­res­si ambien­ta­li e quel­li eco­no­mi­ci. Equi­li­brio e giu­sto bilan­cio non sono la stes­sa cosa… per cui alla fine sarà anco­ra l’ambiente a dover subi­re. Quel “ma” dopo il rife­ri­men­to agli sfor­zi enor­mi in pro­gress è emble­ma­ti­co, purtroppo.

Inte­res­san­te poi par­la­re di tra­spor­ti, sen­za par­la­re del tema del­le infra­strut­tu­re inu­ti­li che si vor­reb­be­ro rea­liz­za­re con­su­man­do suo­lo e spre­can­do risor­se eco­no­mi­che. Tut­te le for­ze poli­ti­che di mag­gio­ran­za han­no negli scor­si mesi pre­sen­ta­to il lun­go elen­co del­le cola­te di cemen­to per il nostro paese.

C’è poi un aspet­to su cui non pos­sia­mo rima­ne­re silen­ti. Fino ad oggi gli stru­men­ti per una cor­ret­ta e soste­ni­bi­le pia­ni­fi­ca­zio­ne ter­ri­to­ria­le veni­va­no visti e con­si­de­ra­ti come un limi­te allo svi­lup­po. Ribal­ta­re que­sta erra­ta con­vin­zio­ne sareb­be già un gran­de pas­so cul­tu­ra­le in avan­ti, ma nel “con­cet­to” di Svi­lup­po Soste­ni­bi­le del Mini­stro emer­ge che il pri­mo è più impor­tan­te del secondo.

Tra l’altro la Dire­zio­ne Gene­ra­le VIA/VAS esi­sten­te ai tem­pi del Mini­ste­ro dell’Ambiente oggi sono è sta­ta rele­ga­ta ad una sem­pli­ce Divi­sio­ne del­la Dire­zio­ne Gene­ra­le per la cre­sci­ta soste­ni­bi­le e la qua­li­tà del­lo sviluppo.

Una chic­ca del Mini­stro arri­va sui rifiu­ti… dan­do anche qui le col­pe ad altri, “i Pae­si ric­chi che espor­ta­no enor­mi quan­ti­tà di mate­ria­le pla­sti­co in Pae­si che poi li river­sa­no nei fiu­mi e van­no a fini­re nei mari: que­sto ciclo non va bene”. Zero accen­ni al fat­to che da noi, l’unica solu­zio­ne che si pro­spet­ta è la costru­zio­ne di nuo­vi ter­mo­va­lo­riz­za­to­ri, anche quan­do si rag­giun­go­no per­cen­tua­li ele­va­te di rac­col­ta dif­fe­ren­zia­ta. Caro Mini­stro, inol­tre l’Europa chie­de una gestio­ne dei rifiu­ti qua­si a chi­lo­me­tro zero inve­sten­do sul­le 4R. Dovreb­be ripas­sar­le, anzi, studiarle.

La Bio­di­ver­si­tà e la Natu­ra ven­go­no cita­te SOLO per le que­stio­ni lega­te al cibo. Che tri­stez­za! Sul poten­zia­men­to del­la rete eco­lo­gi­ca, del­la sal­va­guar­dia dei siste­mi natu­ra­li e dei ser­vi­zi eco­si­ste­mi­ci che ven­go­no for­ni­ti nem­me­no una paro­la. Nul­la! E poco impor­ta se il Green New Deal inve­ce pun­ta tut­to su que­sti aspetti.

Inte­res­san­te la par­te sul­la tec­no­lo­gia da met­te­re a ser­vi­zio del­la pre­ven­zio­ne. Ma oggi le prio­ri­tà sono altre. Il ter­ri­to­rio ita­lia­no fra­na e si inon­da ad ogni feno­me­no meteo­ro­lo­gi­co inten­so e qui si dovran­no met­te­re in atto tut­te le ope­re per met­te­re in sicu­rez­za il ter­ri­to­rio evi­tan­do di com­met­te­re gli stes­si erro­ri com­mes­si negli ulti­mi 30 anni: costru­zio­ne negli alvei e del­le zone gole­na­li dei fiu­mi, defo­re­sta­zio­ne del­le zone col­li­na­ri pre­al­pi­ne e pre-appe­ni­ni­che, ope­re e cemen­ti­fi­ca­zio­ne in mon­ta­gna, con­su­mo di suo­lo a rit­mi assur­di, per­di­ta di bio­di­ver­si­tà, distru­zio­ne degli habi­tat, cemen­ti­fi­ca­zio­ne del­le coste, infra­strut­tu­re inu­ti­li, deser­ti­fi­ca­zio­ne dei suo­li… e l’elenco è anco­ra lungo.

Caro Mini­stro, ci per­met­tia­mo di rivol­ger­ci diret­ta­men­te a lei. Le ter­re­mo gli occhi addos­so, non pos­sia­mo per­met­ter­ci di per­de­re ulte­rio­re tem­po in discor­si inu­ti­li o “fuo­ri tema” come que­sto suo intervento.

Lo svi­lup­po soste­ni­bi­le è una cosa ben diver­sa rispet­to alle con­si­de­ra­zio­ni che lei ha espres­so fino ad oggi. Abbia­mo più di una impres­sio­ne che lei abbia­mo par­la­to più per accon­ten­ta­re le real­tà che la ospi­ta­va­no che non per espri­me­re in manie­ra coe­ren­te il suo pen­sie­ro. Le con­si­de­ra­zio­ni sul­le rin­no­va­bi­li, ad esem­pio, ripre­sa dal­la stam­pa nel­le scor­se set­ti­ma­ne, è la pro­va più evidente.

Que­sto ci pre­oc­cu­pa e non poco. Anche per­ché la varie­ga­ta mag­gio­ran­za che la sostie­ne ha sul­le que­stio­ni ambien­ta­li idee e pen­sie­ri com­ple­ta­men­te agli anti­po­di e il silen­zio del pre­mier non aiuta.

Vede, caro Mini­stro, le que­stio­ni ambien­ta­li sono deter­mi­nan­ti e impor­tan­ti per le gene­ra­zio­ni futu­re ma anche per le gene­ra­zio­ni attua­li: oggi dob­bia­mo costrui­re il futu­ro soste­ni­bi­le di doma­ni.

Que­sto per­ché “mai una gene­ra­zio­ne pri­ma del­la pre­sen­te ha avu­to nel­le sue mani la stes­sa deci­sio­ne se lasciar con­ti­nua­re la suc­ces­sio­ne di gene­ra­zio­ni o se inter­rom­per­la o met­ter­la comun­que assai peri­co­lo­sa­men­te a repentaglio”.

E que­ste deci­sio­ni van­no pre­se pri­ma che giun­ga­no fuo­ri tem­po massimo.

Il tem­po del­le chiac­chie­re è finito!

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.