L’intervento del Ministro della Transizione Ecologica: parole, parole, parole

A leg­ge­re l’intervento del neo Mini­stro del­la Tran­si­zio­ne Eco­lo­gi­ca, Rober­to Cin­go­la­ni, in occa­sio­ne del­la Con­fe­ren­za pre­pa­ra­to­ria del­la Stra­te­gia Nazio­na­le per lo Svi­lup­po Soste­ni­bi­le sem­bra di esse­re tor­na­ti agli anni ’90, quan­do la cri­si socio cli­ma­ti­ca ambien­ta­le veni­va pre­an­nun­cia­ta dal­la Comu­ni­tà Scien­ti­fi­ca all’interno del mene­fre­ghi­smo poli­ti­co di allora.

Paro­le, paro­le, paro­le… nes­su­na pro­po­sta con­cre­ta, anco­ra un riman­do sul­le deci­sio­ni da pren­de­re così come sul­la stra­te­gia. Stia­mo per­den­do altro tem­po. E non abbia­mo tem­po da perdere!

Il discor­so richia­ma il lavo­ro già ini­zia­to sul PNRR, come fece Dra­ghi, ma richia­ma anche il Green New Deal Euro­peo com­ple­ta­men­te dimen­ti­ca­to dai due gover­ni Conte.

“Più lavo­ro sul con­cet­to del­la tran­si­zio­ne, più mi ren­do con­to di quan­to sia impor­tan­te svi­lup­pa­re un model­lo adat­ti­vo basa­to sul­la cono­scen­za del­la situa­zio­ne e del­le istan­ze pre­sen­ti”. Con­cet­to su cui potrem­mo tut­ti esse­re d’accordo, ma è il come che ci pre­oc­cu­pa, per­ché sul come il silen­zio è imbarazzante!

Soprat­tut­to quan­do subi­to dopo aggiun­ge “è neces­sa­rio tro­va­re e defi­ni­re il miglio­re per­cor­so per arri­va­re dal pun­to A al pun­to B, e la miglio­re via non è quel­la linea­re. In que­sto momen­to dif­fi­ci­lis­si­mo, con la pan­de­mia mon­dia­le del Covid, è quan­to più neces­sa­rio con­ci­lia­re istan­ze diver­se. Sia­mo in un momen­to in cui la sof­fe­ren­za socia­le è ele­va­tis­si­ma, e non solo l’economia sta pagan­do un pegno for­mi­da­bi­le. Non pos­sia­mo né dob­bia­mo igno­ra­re le dif­fi­col­tà che si stan­no viven­do”. Pec­ca­to che l’economia e i mec­ca­ni­smi eco­no­mi­ci sfre­na­ti e scon­si­de­ra­ti ci abbia­no con­dot­to in que­sta situazione.

L’indicatore prin­ci­pa­le da tene­re ben pre­sen­te in tut­te le scel­te poli­ti­che e tec­ni­che è che la bio­ca­pa­ci­tà del nostro pia­ne­ta tra luglio e ago­sto sarà ter­mi­na­ta: signi­fi­ca che vivia­mo in un’era di debi­to ambien­ta­le”. Con­ti­nua anco­ra il Mini­stro “Sia­mo tan­ti, le dise­gua­glian­ze sono aumen­ta­te e tra luglio e ago­sto esau­ria­mo la nostra par­te di risor­se natu­ra­li”. “Vivia­mo quin­di in una socie­tà del debi­to non solo eco­no­mi­co, ma anche ambien­ta­le, e in altri con­te­sti cogni­ti­vo, per­ché per­si­no l’informazione e la cul­tu­ra ven­go­no media­ti da siste­mi tal­men­te velo­ci che la nostra men­te spes­so non rie­sce a meta­bo­liz­za­re le infor­ma­zio­ni”. E quin­di, cosa si fa per allen­ta­re il nostro sac­cheg­gio alle risor­se ambien­ta­li? Nes­su­na indi­ca­zio­ne e nes­su­na proposta…

Anche sul cli­ma­te chan­ge rima­nia­mo nel vago, con un riman­do a quel­lo che non stan­no facen­do gli altri, come se noi in Ita­lia fos­si­mo in pri­ma linea per con­tra­sta­re i cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci. Se è vero che le que­stio­ni lega­te al cli­ma­te chan­ge sono inter­na­zio­na­li, non è accet­ta­bi­le liqui­da­re la que­stio­ne sca­ri­can­do su altri i pro­pri ritar­di. Tra l’altro, caro mini­stro si è distrat­to e non si è accor­to che dall’altra par­te del mon­do l’amministrazione Biden ha deci­so di rien­tra­re negli accor­di di Parigi.

Ma è quan­do par­la di inqui­na­men­to e qua­li­tà dell’aria che il Mini­stro dà il meglio – o il peg­gio – di sé.

“Abbia­mo una gran­de sfi­da che è quel­la dei tra­spor­ti – ha spie­ga­to il Mini­stro — sull’elettrificazione, sul tra­spor­to pub­bli­co, sul­la ridu­zio­ne di mez­zi pri­va­ti, su siste­mi che ci con­sen­ta­no di ave­re un’industria for­te, di pro­dur­re pro­gres­so ma che nel­lo stes­so tem­po sia il più soste­ni­bi­le pos­si­bi­le. Ci sono sfor­zi enor­mi in pro­gress, ma i gran­di siste­mi indu­stria­li sono ener­gi­vo­ri, quin­di è neces­sa­rio tro­va­re giu­sto bilan­cio tra le esi­gen­ze di un’economia che gene­ra lavo­ro e benes­se­re e il fat­to che que­sta eco­no­mia non deb­ba esse­re imple­men­ta­ta a spe­se dell’ambiente in cui vivia­mo. Ci sarem­mo aspet­ta­ti un cam­bio di mis­sion, con l’ambiente mes­so al cen­tro dell’azione e con un chia­ro pro­get­to di equi­li­brio tra gli inte­res­si ambien­ta­li e quel­li eco­no­mi­ci. Equi­li­brio e giu­sto bilan­cio non sono la stes­sa cosa… per cui alla fine sarà anco­ra l’ambiente a dover subi­re. Quel “ma” dopo il rife­ri­men­to agli sfor­zi enor­mi in pro­gress è emble­ma­ti­co, purtroppo.

Inte­res­san­te poi par­la­re di tra­spor­ti, sen­za par­la­re del tema del­le infra­strut­tu­re inu­ti­li che si vor­reb­be­ro rea­liz­za­re con­su­man­do suo­lo e spre­can­do risor­se eco­no­mi­che. Tut­te le for­ze poli­ti­che di mag­gio­ran­za han­no negli scor­si mesi pre­sen­ta­to il lun­go elen­co del­le cola­te di cemen­to per il nostro paese.

C’è poi un aspet­to su cui non pos­sia­mo rima­ne­re silen­ti. Fino ad oggi gli stru­men­ti per una cor­ret­ta e soste­ni­bi­le pia­ni­fi­ca­zio­ne ter­ri­to­ria­le veni­va­no visti e con­si­de­ra­ti come un limi­te allo svi­lup­po. Ribal­ta­re que­sta erra­ta con­vin­zio­ne sareb­be già un gran­de pas­so cul­tu­ra­le in avan­ti, ma nel “con­cet­to” di Svi­lup­po Soste­ni­bi­le del Mini­stro emer­ge che il pri­mo è più impor­tan­te del secondo.

Tra l’altro la Dire­zio­ne Gene­ra­le VIA/VAS esi­sten­te ai tem­pi del Mini­ste­ro dell’Ambiente oggi sono è sta­ta rele­ga­ta ad una sem­pli­ce Divi­sio­ne del­la Dire­zio­ne Gene­ra­le per la cre­sci­ta soste­ni­bi­le e la qua­li­tà del­lo sviluppo.

Una chic­ca del Mini­stro arri­va sui rifiu­ti… dan­do anche qui le col­pe ad altri, “i Pae­si ric­chi che espor­ta­no enor­mi quan­ti­tà di mate­ria­le pla­sti­co in Pae­si che poi li river­sa­no nei fiu­mi e van­no a fini­re nei mari: que­sto ciclo non va bene”. Zero accen­ni al fat­to che da noi, l’unica solu­zio­ne che si pro­spet­ta è la costru­zio­ne di nuo­vi ter­mo­va­lo­riz­za­to­ri, anche quan­do si rag­giun­go­no per­cen­tua­li ele­va­te di rac­col­ta dif­fe­ren­zia­ta. Caro Mini­stro, inol­tre l’Europa chie­de una gestio­ne dei rifiu­ti qua­si a chi­lo­me­tro zero inve­sten­do sul­le 4R. Dovreb­be ripas­sar­le, anzi, studiarle.

La Bio­di­ver­si­tà e la Natu­ra ven­go­no cita­te SOLO per le que­stio­ni lega­te al cibo. Che tri­stez­za! Sul poten­zia­men­to del­la rete eco­lo­gi­ca, del­la sal­va­guar­dia dei siste­mi natu­ra­li e dei ser­vi­zi eco­si­ste­mi­ci che ven­go­no for­ni­ti nem­me­no una paro­la. Nul­la! E poco impor­ta se il Green New Deal inve­ce pun­ta tut­to su que­sti aspetti.

Inte­res­san­te la par­te sul­la tec­no­lo­gia da met­te­re a ser­vi­zio del­la pre­ven­zio­ne. Ma oggi le prio­ri­tà sono altre. Il ter­ri­to­rio ita­lia­no fra­na e si inon­da ad ogni feno­me­no meteo­ro­lo­gi­co inten­so e qui si dovran­no met­te­re in atto tut­te le ope­re per met­te­re in sicu­rez­za il ter­ri­to­rio evi­tan­do di com­met­te­re gli stes­si erro­ri com­mes­si negli ulti­mi 30 anni: costru­zio­ne negli alvei e del­le zone gole­na­li dei fiu­mi, defo­re­sta­zio­ne del­le zone col­li­na­ri pre­al­pi­ne e pre-appe­ni­ni­che, ope­re e cemen­ti­fi­ca­zio­ne in mon­ta­gna, con­su­mo di suo­lo a rit­mi assur­di, per­di­ta di bio­di­ver­si­tà, distru­zio­ne degli habi­tat, cemen­ti­fi­ca­zio­ne del­le coste, infra­strut­tu­re inu­ti­li, deser­ti­fi­ca­zio­ne dei suo­li… e l’elenco è anco­ra lungo.

Caro Mini­stro, ci per­met­tia­mo di rivol­ger­ci diret­ta­men­te a lei. Le ter­re­mo gli occhi addos­so, non pos­sia­mo per­met­ter­ci di per­de­re ulte­rio­re tem­po in discor­si inu­ti­li o “fuo­ri tema” come que­sto suo intervento.

Lo svi­lup­po soste­ni­bi­le è una cosa ben diver­sa rispet­to alle con­si­de­ra­zio­ni che lei ha espres­so fino ad oggi. Abbia­mo più di una impres­sio­ne che lei abbia­mo par­la­to più per accon­ten­ta­re le real­tà che la ospi­ta­va­no che non per espri­me­re in manie­ra coe­ren­te il suo pen­sie­ro. Le con­si­de­ra­zio­ni sul­le rin­no­va­bi­li, ad esem­pio, ripre­sa dal­la stam­pa nel­le scor­se set­ti­ma­ne, è la pro­va più evidente.

Que­sto ci pre­oc­cu­pa e non poco. Anche per­ché la varie­ga­ta mag­gio­ran­za che la sostie­ne ha sul­le que­stio­ni ambien­ta­li idee e pen­sie­ri com­ple­ta­men­te agli anti­po­di e il silen­zio del pre­mier non aiuta.

Vede, caro Mini­stro, le que­stio­ni ambien­ta­li sono deter­mi­nan­ti e impor­tan­ti per le gene­ra­zio­ni futu­re ma anche per le gene­ra­zio­ni attua­li: oggi dob­bia­mo costrui­re il futu­ro soste­ni­bi­le di doma­ni.

Que­sto per­ché “mai una gene­ra­zio­ne pri­ma del­la pre­sen­te ha avu­to nel­le sue mani la stes­sa deci­sio­ne se lasciar con­ti­nua­re la suc­ces­sio­ne di gene­ra­zio­ni o se inter­rom­per­la o met­ter­la comun­que assai peri­co­lo­sa­men­te a repentaglio”.

E que­ste deci­sio­ni van­no pre­se pri­ma che giun­ga­no fuo­ri tem­po massimo.

Il tem­po del­le chiac­chie­re è finito!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.