Mille euro per tutti!

Improvvisamente, ecco la promessa: mille euro per tutti! La potrà mantenere? Certamente no.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Improvvisamente, ecco la pro­mes­sa: mil­le euro per tut­ti! La potrà man­te­ne­re? Cer­ta­men­te no.

Ai micro­fo­ni di una radio, Ber­lu­sco­ni rie­su­ma l’imposta nega­ti­va sul red­di­to di Mil­ton Fried­man. La pover­tà è inac­cet­ta­bi­le, san­ci­sce. Tene­te a memo­ria que­ste parole.

«Nes­su­no può vive­re bene, anche chi è agia­to, sapen­do che intor­no a noi ci sono milio­ni di ita­lia­ni che devo­no dipen­de­re dall’assistenza pub­bli­ca o dal­la cari­tà pri­va­ta e non han­no acces­so alle cure medi­che».

In que­sta fra­se, in pri­mo luo­go, deni­gra le for­me di assi­sten­za pub­bli­ca. I pove­ri “devo­no dipen­de­re”, dice. Cosa li ren­de­reb­be indi­pen­den­ti? Un po’ di ban­co­no­te in tasca.

In secon­do luo­go, rac­con­ta dei pove­ri come di per­so­ne che non pos­so­no acce­de­re alle cure medi­che — tut­to ciò in un con­te­sto di sani­tà pubblica.

Il red­di­to di digni­tà sareb­be, secon­do Ber­lu­sco­ni, una «misu­ra dra­sti­ca sul model­lo dell’imposta nega­ti­va sul red­di­to del pre­mio Nobel Mil­ton Fried­man». Chi è sot­to ad una cer­ta soglia, non solo non paghe­rà tas­se (inca­pien­za) ma lo Sta­to gli garan­ti­reb­be una cifra in dena­ro per «arri­va­re ai livel­li di digni­tà garan­ti­ta da Istat». Una soglia da fis­sa­re, secon­do lui, a mil­le euro mensili.

Nel com­ples­so, se met­tes­si­mo in rela­zio­ne que­sta bou­ta­de con le pre­ce­den­ti, si trat­ta di una pro­po­sta non dis­si­mi­le alla Flat-tax stu­dia­ta dall’Istituto Bru­no Leoni.

Intan­to, pro­via­mo a rispon­de­re pun­to per punto.

 

L’assistenza pub­bli­ca

Occor­re riba­di­re che gli inter­ven­ti assi­sten­zia­li tro­va­no ori­gi­ne in uno sta­to di biso­gno, indi­pen­den­te­men­te dal livel­lo del red­di­to even­tual­men­te per­ce­pi­to pre­ce­den­te­men­te alla situa­zio­ne di biso­gno o di indi­gen­za. E pos­so­no even­tual­men­te espli­car­si in tra­sfe­ri­men­ti di dena­ro o in ser­vi­zi, gene­ral­men­te ero­ga­ti alla fami­glia in base al man­ca­to supe­ra­men­to di una soglia di red­di­to fami­lia­re. Quin­di con­di­zio­na­te alla pro­va dei mezzi.

Pos­sia­mo anno­ve­ra­re fra que­ste le pre­sta­zio­ni assi­sten­zia­li, gli asse­gni fami­lia­ri, l’indennità di accom­pa­gna­men­to, l’assegno socia­le, la car­ta acqui­sti, il red­di­to di inclu­sio­ne, asse­gni e pen­sio­ni di inva­li­di­tà, men­tre fra le pre­sta­zio­ni non eco­no­mi­che tro­via­mo il col­lo­ca­men­to mira­to, talu­ne pre­sta­zio­ni sani­ta­rie spe­ci­fi­che, rico­ve­ri in cen­tri di ria­bi­li­ta­zio­ne per la rie­du­ca­zio­ne psi­co-moto­ria, esen­zio­ne dai tic­ket non­ché la for­ni­tu­ra di pro­te­si e pre­si­di orto­pe­di­ci. Infi­ne, vi sono le pre­sta­zio­ni assi­sten­zia­li eco­no­mi­che ero­ga­te ai lavo­ra­to­ri: la cas­sa inte­gra­zio­ne (ordi­na­ria e straor­di­na­ria), l’indennità di disoc­cu­pa­zio­ne (NaSPI).

Ed ecco la pri­ma doman­da che avrem­mo fat­to a Ber­lu­sco­ni, in diret­ta radio­fo­ni­ca: il suo red­di­to di digni­tà sosti­tui­sce tut­ti que­sti stru­men­ti, sì o no? Se sì, sia­mo cer­ti che lo stru­men­to da lei pro­po­sto sarà ero­ga­to a tut­ti i sog­get­ti par­ti­co­la­ri ricom­pre­si sot­to la pro­te­zio­ne del­le pre­sta­zio­ni assi­sten­zia­li attual­men­te vigenti?

 

L’accesso alle cure

Che cosa esat­ta­men­te impe­di­sce ai pove­ri di acce­de­re alle cure medi­che in un con­te­sto di sani­tà pub­bli­ca? For­se occor­re rive­de­re il con­cet­to: i pove­ri sono pri­va­ti dei mez­zi per acce­de­re alle cure di qua­li­tà ormai pro­prie del­la sani­tà pri­va­ta che si è anda­ta affer­man­do in con­se­guen­za del­la costan­te con­tra­zio­ne del­la spe­sa pub­bli­ca sani­ta­ria. La spe­sa sani­ta­ria, in rap­por­to al PIL Nomi­na­le, scen­de­rà dal 6,6% del 2017 al 6,5% nel 2018, al 6,4% nel 2019, al 6,3% nel 2020. Pren­dia­mo un set­to­re spe­ci­fi­co ma esem­pli­fi­ca­ti­vo, quel­lo odon­to­ia­tri­co: nel 2015 l’ISTAT scri­ve­va che le cure odon­to­ia­tri­che han­no subì­to una fles­sio­ne negli anni del­la cri­si economica.

La quo­ta di popo­la­zio­ne che duran­te l’an­no si è rivol­ta al den­ti­sta o all’or­to­don­ti­sta è pari al 37,9% nel 2013, dal 39,3% del 2005. Risul­ta inve­ce in aumen­to, dal 24,0% al 29,2%, la per­cen­tua­le di per­so­ne che han­no dila­zio­na­to le visi­te in un arco tem­po­ra­le più lun­go, da 1 a 3 anni […] Dimi­nui­sce il ricor­so ai den­ti­sti che eser­ci­ta­no la libe­ra pro­fes­sio­ne (la per­cen­tua­le pas­sa dal 34,7% nel 2005 al 32,3%), men­tre rima­ne mol­to con­te­nu­ta la quo­ta coper­ta dal set­to­re pub­bli­co o con­ven­zio­na­to, pari al 5% e sta­bi­le rispet­to al 2005.

Voglia­mo esse­re pro­vo­ca­to­ri, con lei, signor ex pre­si­den­te: il vero red­di­to di digni­tà sareb­be una sani­tà pub­bli­ca gra­tui­ta per tut­ti. E’ d’accordo?

 

Mil­le euro e i livel­li di digni­tà sta­bi­li­ti da ISTAT

Citan­do i “livel­li di digni­tà” sta­bi­li­ti dall’ISTAT, sta­va for­se rife­ren­do­si al livel­lo di pover­tà asso­lu­ta. Le soglie di pover­tà asso­lu­ta rap­pre­sen­ta­no i valo­ri rispet­to ai qua­li si con­fron­ta la spe­sa per con­su­mi di una fami­glia al fine di clas­si­fi­car­la asso­lu­ta­men­te pove­ra o non pove­ra (cfr. ISTAT). Per un adul­to (di 18–59 anni) che vive solo, la soglia di pover­tà è pari a 817,56 euro men­si­li se risie­de in un’area metro­po­li­ta­na del Nord, a 733,09 euro se vive in un pic­co­lo comu­ne set­ten­trio­na­le, a 554,03 euro se risie­de in un pic­co­lo comu­ne del Mez­zo­gior­no. Mil­le euro, varia­bi­li in fun­zio­ne dell’area geo­gra­fi­ca e del cari­co fami­lia­re, signi­fi­ca­no qua­si cer­ta­men­te una coper­tu­ra del diva­rio tra red­di­to per­so­na­le e soglia mini­ma del 100%. Esat­ta­men­te il con­tra­rio di quel che inten­de­va Mil­ton Fried­man con la sua impo­sta nega­ti­va sul red­di­to, lad­do­ve egli pre­ve­de­va un’aliquota del sus­si­dio infe­rio­re al 100% per evi­ta­re di ren­de­re i pove­ri dipen­den­ti del sus­si­dio. La pro­po­sta di Ber­lu­sco­ni non sareb­be immu­ne quin­di dal­la trap­po­la del­la pover­tà e ren­de­reb­be dipen­den­ti dall’assistenza pub­bli­ca pro­prio quei sog­get­ti che si vor­reb­be ren­de­re libe­ri, disin­cen­ti­van­do l’offerta di lavo­ro e la richie­sta di formazione.

L’imposta nega­ti­va sul red­di­to non è una novi­tà del 2017. E’ sta­ta stu­dia­ta e pub­bli­ca­ta dall’economista nel 1962. Fried­man (per chi non lo cono­sces­se, è sta­to ispi­ra­to­re dei gover­ni Rea­gan e That­cher, teo­ri­co del mone­ta­ri­smo) pen­sò il dispo­si­ti­vo in modo tale che sti­mo­las­se i per­cet­to­ri dei red­di­ti infe­rio­ri a usci­re dal­la soglia di pover­tà. Que­sto il sen­so dell’aliquota fisca­le nega­ti­va comun­que mino­re del 100%. Fried­man pen­sa­va soprat­tut­to alle sem­pli­fi­ca­zio­ni buro­cra­ti­che che un solo stru­men­to di tax-bene­fit avreb­be deter­mi­na­to in sosti­tu­zio­ne di mol­te­pli­ci misu­re, spes­so deter­mi­na­te sin­go­lar­men­te e sul­la base di cri­te­ri altri rispet­to alla sola con­di­zio­ne red­di­tua­le. Va da sé che tale bene­fi­cio nel­la spe­sa pub­bli­ca sareb­be rag­giun­gi­bi­le solo tra­scu­ran­do ulte­rio­ri situa­zio­ni di obiet­ti­vo svan­tag­gio e sta­bi­len­do una for­za­ta ugua­glian­za per con­di­zio­ni e biso­gni radi­cal­men­te dif­fe­ren­ti. In que­sto sche­ma ad esem­pio, sen­za ulte­rio­ri spe­ci­fi­ca­zio­ni, per­so­ne con gra­di di disa­bi­li­tà diver­si potreb­be­ro tro­var­si a rice­ve­re la stes­sa somma.

Dan­do infi­ne uno sguar­do agli impor­ti medi di talu­ne di que­ste pre­sta­zio­ni assi­sten­zia­li (fon­te ISTAT), si sco­pre che quel­li del­le pen­sio­ni per inva­li­di­tà civi­le in Ita­lia nel 2016 era­no pari a 14914 euro (cir­ca 1147 euro per 13 men­si­li­tà); 16871 euro era inve­ce l’importo medio per le pen­sio­ni di inva­li­di­tà (1297 euro al mese); 23515 euro per le (resi­due) pen­sio­ni di guer­ra (1808 euro al mese); solo gli 879 mila trat­ta­men­ti di pen­sio­ne socia­le vedreb­be­ro un aumen­to del­la cifra ero­ga­ta men­sil­men­te, essen­do pari a cir­ca 770 euro.

Caro Ber­lu­sco­ni, se la sen­ti­reb­be di dire ad un inva­li­do civi­le che il suo asse­gno men­si­le diminuirebbe?

 

Flat-Tax e Mini­mo Vitale

Hai copia­to da noi, gri­da­no gli espo­nen­ti del Movi­men­to 5 Stel­le. In real­tà non è così. Ber­lu­sco­ni copia sem­mai dall’Istituto Bru­no Leo­ni (IBL, Ven­ti­cin­que% per tut­ti) e dal­la cor­ren­te fried­ma­nia­na pre­sen­te in For­za Ita­lia (Anto­nio Mar­ti­no, che fra l’altro è auto­re di una bio­gra­fia di Fried­man). L’abbinamento Flat-Tax e impo­sta nega­ti­va sul red­di­to (Mini­mo Vita­le, nel­la ver­sio­ne di IBL) vie­ne vei­co­la­to come la pana­cea di tut­ti i mali del siste­ma fisca­le e assi­sten­zia­le ita­lia­no. Poco impor­ta la soste­ni­bi­li­tà del­la pro­po­sta. La Flat-Tax, stan­do alle ulti­me dichia­ra­zio­ni di Ber­lu­sco­ni, indi­ca­ta al 23%, non fa altro che distrug­ge­re il bilan­cio pub­bli­co, che gio­co­for­za deve rinun­cia­re a buo­na par­te dei 249 miliar­di di euro di rica­vo dell’imposta sul red­di­to (che inci­de sul 35–40% del­la spe­sa) ed obbli­ghe­reb­be il deci­so­re poli­ti­co a can­cel­la­re il wel­fa­re. Nel docu­men­to divul­ga­to da IBL, non ci si è nasco­sti die­tro ad un dito e si è pale­sa­to un buco di 27 miliar­di, da copri­re con una pesan­te spen­ding review (si sa quan­to sia­no sta­ti effi­cien­ti i per­cor­si di revi­sio­ne del­la spe­sa mes­si in ope­ra dai gover­ni in Ita­lia e sia­mo pron­ti a scom­met­te­re sul suc­ces­so di quest’ulteriore iniziativa).

Oltre ad inci­de­re sul bilan­cio pub­bli­co, la Flat-tax spo­sta il bari­cen­tro dei red­di­ti al net­to del­le impo­ste. Abbia­mo cal­co­la­to gli effet­ti del­la Flat-tax ver­sio­ne IBL sul­la capa­ci­tà redi­stri­bu­ti­va dell’imposta sul red­di­to. A pari­tà di con­di­zio­ni, quin­di con esclu­sio­ne del bonus 80 euro e del Mini­mo vita­le, l’indice di Gini del­la distri­bu­zio­ne dei red­di­ti dopo le impo­ste pas­sa dal­lo 0,35 del­la con­di­zio­ne attua­le allo 0,37 del­la Flat-tax. L’aliquota media per red­di­ti di 200mila euro pas­se­reb­be dall’attuale 39% al 25% dell’imposta piat­ta. Uno scon­to mol­to impor­tan­te per i bene­stan­ti. Lo scon­to di impo­sta per i red­di­ti medi (22–23 mila euro) è appe­na del 6%. Con­si­de­ran­do il bonus 80 euro, sareb­be solo del 2%.

Il sen­so del Mini­mo Vita­le (o impo­sta nega­ti­va che dir si voglia) com­bi­na­ta alla Flat-tax? Giu­sti­fi­ca­re una cospi­cua ridu­zio­ne di impo­sta ai per­cet­to­ri di red­di­ti ele­va­ti con un tra­sfe­ri­men­to mone­ta­rio ai più sfor­tu­na­ti. Le clas­si di red­di­to inter­me­die resta­no stri­to­la­te: sen­za ser­vi­zi (ancor più di oggi), sen­za tra­sfe­ri­men­ti in dena­ro, sen­za scon­ti di imposta.

Ascol­ta­to tut­to ciò, signor Ber­lu­sco­ni, se la sen­ti­reb­be di gri­da­re anco­ra “Meno tas­se per tutti”?

 

*vir­go­let­ta­ti di Ber­lu­sco­ni ripre­si da Corriere.it[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?