Milano (e non solo): mobilitazioni e proposte per un reale cambiamento

I CPR sono strutture peggiori delle carceri e vi vengono recluse persone che hanno la sola colpa di essere nate dalla parte sbagliata del Mediterraneo. Quelle persone a cui, ormai da anni, si nega qualsiasi tipo di visto, ignorando che il diritto a una vita dignitosa non può dipendere dal colore della pelle. Queste strutture, tornate in auge grazie alla legge Minniti-Orlando (entrambi peraltro già membri del governo Renzi, quando l'esecutivo aveva rinunciato alla delega del Parlamento per abrogare il reato di immigrazione clandestina), non sono che la punta dell'iceberg di politiche miopi, inefficaci e disumane che puntano a scaricare su chi è diverso le colpe di sempre più aspre disuguaglianze sociali.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Pove­re, ricat­ta­bi­li, pri­ve di dirit­ti, sen­za voce: è in que­sta con­di­zio­ne che gran par­te del­le for­ze poli­ti­che del nostro Pae­se vuo­le man­te­ne­re le per­so­ne non nate in Ita­lia. 

Da anni, men­tre ci riem­pia­mo la boc­ca di “lot­ta all’im­mi­gra­zio­ne clan­de­sti­na”, di “sicu­rez­za” e di “lega­li­tà”, non fac­cia­mo altro che favo­ri­re gli affa­ri di traf­fi­can­ti di esse­ri uma­ni e di tor­tu­ra­to­ri, arric­chi­re capo­ra­li e impren­di­to­ri sen­za scru­po­li, rega­la­re con­sen­si a chi non sa par­la­re di futu­ro, ma solo usa­re la pau­ra come stru­men­to di controllo.

Per inver­ti­re la rot­ta dob­bia­mo esse­re corag­gio­si: dob­bia­mo difen­de­re a testa alta i nostri valo­ri, coniu­gan­do con­te­nu­ti radi­ca­li e meto­di di lavo­ro aper­ti e inclu­si­vi. È quel­lo che stia­mo facen­do, a Mila­no, con la rete No CPR, costi­tui­ta da asso­cia­zio­ni, par­ti­ti e movi­men­ti, nata attor­no alla pro­te­sta con­tro il Cen­tro di Per­ma­nen­za per il Rim­pa­trio che dovreb­be sor­ge­re in via Corel­li, al posto di un cen­tro di accoglienza.

I CPR sono strut­tu­re peg­gio­ri del­le car­ce­ri e vi ven­go­no reclu­se per­so­ne che han­no la sola col­pa di esse­re nate dal­la par­te sba­glia­ta del Medi­ter­ra­neo. Quel­le per­so­ne a cui, ormai da anni, si nega qual­sia­si tipo di visto, igno­ran­do che il dirit­to a una vita digni­to­sa non può dipen­de­re dal colo­re del­la pel­le. Que­ste strut­tu­re, tor­na­te in auge gra­zie alla leg­ge Min­ni­ti-Orlan­do (entram­bi peral­tro già mem­bri del gover­no Ren­zi, quan­do l’e­se­cu­ti­vo ave­va rinun­cia­to alla dele­ga del Par­la­men­to per abro­ga­re il rea­to di immi­gra­zio­ne clan­de­sti­na), non sono che la pun­ta del­l’i­ce­berg di poli­ti­che mio­pi, inef­fi­ca­ci e disu­ma­ne che pun­ta­no a sca­ri­ca­re su chi è diver­so le col­pe di sem­pre più aspre disu­gua­glian­ze sociali.

Il 19 gen­na­io si è tenu­ta a Mila­no un’assem­blea di respi­ro nazio­na­le e saba­to 16 feb­bra­io, sem­pre a Mila­no, ci sarà una gran­de mani­fe­sta­zio­ne, orga­niz­za­ta dal­la rete No CPR, con lo sco­po di coin­vol­ge­re tut­te le per­so­ne che voglio­no rove­scia­re il discor­so pub­bli­co sul­l’im­mi­gra­zio­ne lavo­ran­do su due bina­ri: da una par­te pro­po­ste con­cre­te, sup­por­ta­te da con­tri­bu­ti giu­ri­di­ci di spes­so­re, per un con­fron­to dia­let­ti­co con le isti­tu­zio­ni; dal­l’al­tra una mobi­li­ta­zio­ne per­ma­nen­te, per­ché l’in­dif­fe­ren­za è un mostro da abbat­te­re pri­ma che la com­pres­sio­ne di dirit­ti in atto tra­vol­ga tut­te e tut­ti noi.

Nel­la nostra cit­tà sia­mo da tem­po in movi­men­to: il 1° dicem­bre scor­so una bel­lis­si­mo e par­te­ci­pa­tis­si­mo cor­teo ha attra­ver­sa­to i quar­tie­ri del­la zona est, per arri­va­re al luo­go dove dovreb­be sor­ge­re il CPR, men­tre poche set­ti­ma­ne fa abbia­mo pre­sen­ta­to al sin­da­co Sala una serie di misu­re che l’am­mi­ni­stra­zio­ne potreb­be adot­ta­re per aggi­ra­re la leg­ge Sal­vi­ni, rila­scian­do ad esem­pio la resi­den­za a tut­te la per­so­ne, ita­lia­ne e non, abi­tual­men­te dimo­ran­ti sul ter­ri­to­rio comu­na­le e garan­ten­do così loro alcu­ni dirit­ti fon­da­men­ta­li, come l’ac­ces­so al medi­co di base e all’as­si­sten­za socia­le. 

Le rispo­ste dell’amministrazione comu­na­le, per ora, sono sta­te assai vaghe e si sono appel­la­te al prin­ci­pio giu­ri­di­co che la leg­ge — anche se ingiu­sta — va rispet­ta­ta; la pos­si­bi­li­tà che l’ASGI pre­sen­ti un ricor­so col­let­ti­vo a dife­sa di tut­te e tut­ti colo­ro che, da richie­den­ti asi­lo, si sono visti rifiu­ta­re l’i­scri­zio­ne ana­gra­fi­ca rite­nia­mo e spe­ria­mo potrà esse­re uno sti­mo­lo alla Giun­ta (che ricor­dia­mo aver dato la cit­ta­di­nan­za ono­ra­ria a Mim­mo Luca­no per il ful­gi­do esem­pio di Ria­ce – insom­ma, o ci pia­ce o non ci pia­ce la disob­be­dien­za civi­le, giu­sto?). 

Un “model­lo”, quel­lo mene­ghi­no, che spes­so ha biso­gno di sol­le­ci­ta­zio­ni, per­ché a vol­te pare sten­ta­re nel dar segui­to con i fat­ti a quan­to inve­ce si pro­cla­ma a paro­le o attra­ver­so even­ti pub­bli­ci, sep­pur memo­ra­bi­li, come quel­lo del 20 mag­gio 2017. Basti ad esem­pio pen­sa­re all’e­le­va­to nume­ro di cen­tri di acco­glien­za straor­di­na­ria pre­sen­ti sul ter­ri­to­rio cit­ta­di­no in rap­por­to inve­ce ai posti nel­la rete SPRAR. Una que­stio­ne sul­la qua­le qua­si due anni fa, il 13 apri­le 2017, in lar­go Tre­ves, l’Amministrazione ave­va fat­to del­le pro­mes­se ben pre­ci­se, ripren­den­do poi il mede­si­mo impe­gno nel 2018, ma a cui ad oggi – cer­ta­men­te negli ulti­mi mesi ha influi­to pesan­te­men­te il disa­stro­so qua­dro poli­ti­co nazio­na­le – si rav­vi­sa­no pochi con­cre­ti risul­ta­ti. 

Cre­dia­mo che sia oggi più che mai neces­sa­rio sce­glie­re da che par­te sta­re e lavo­ra­re alla costru­zio­ne di un’opposizione tan­gi­bi­le a un Gover­no che ha supe­ra­to da tem­po il limi­te del­la disu­ma­ni­tà e del cini­smo tol­le­ra­bi­li. Per far­lo biso­gna dia­lo­ga­re con chiun­que sia con­vin­to che la digni­tà del­le per­so­ne abbia un valo­re supe­rio­re ad ogni altra cosa, ma è asso­lu­ta­men­te neces­sa­rio abban­do­na­re qual­sia­si ambi­gui­tà, difen­de­re a testa alta i nostri valo­ri, a par­ti­re dal­la quo­ti­dia­ni­tà di cia­scu­no di noi, e por­ta­re avan­ti scel­te corag­gio­se. Pro­va­re a costrui­re assie­me una socie­tà basa­ta su soli­da­rie­tà e ugua­glian­za è ciò che dà sen­so al nostro fare politica.

Pos­si­bi­le Mila­no[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.