Migranti, Civati-Maestri: Meno sbarchi perché aumentano i morti

“La mac­chi­na mes­sa in pie­di dal mini­stro Min­ni­ti per fer­ma­re gli sbar­chi di migran­ti sta fun­zio­nan­do bene secon­do la nar­ra­zio­ne media­ti­ca: meno 21%. Un dato buo­no da riven­de­re sul mer­ca­to poli­ti­co-elet­to­ra­le, ma con effet­ti deva­stan­ti per il capi­to­lo dei dirit­ti uma­ni. Il codi­ce Min­ni­ti ha allon­ta­na­to le navi del­le Ong dal con­fi­ne del­le acque ter­ri­to­ria­li libi­che e ora ricer­ca e sal­va­tag­gio sono in mano alla ‘effi­cien­tis­si­ma’ guar­dia costie­ra tri­po­li­ta­na, dal­lo stes­so Min­ni­ti equi­pag­gia­ta e forag­gia­ta”. Lo dichia­ra­no il segre­ta­rio e depu­ta­to di Pos­si­bi­le, Pip­po Civa­ti, e il par­la­men­ta­re del­lo stes­so par­ti­to, Andrea Maestri.

“L’ul­ti­mo ‘suc­ces­so’ — attac­ca­no i due par­la­men­ta­ri di Pos­si­bi­le — è di que­sti gior­ni: un bar­co­ne con 130 migran­ti è rima­sto in mare a 20 km da Sabra­ta, alla deri­va per oltre 5 gior­ni e 100 per­so­ne sono mor­te o disper­se. Cer­to, non sono mai sbar­ca­te, ma solo per­ché inghiot­ti­te dal mare. Con il nostro que­stion time alla Came­ra abbia­mo let­to al sem­pre ‘effi­cien­tis­si­mo’ mini­stro Min­ni­ti le respon­sa­bi­li­tà poli­ti­che, che con que­sto ulti­mo epi­so­dio aumen­ta­no di nume­ro e gra­vi­tà. Vio­lan­do il dirit­to inter­na­zio­na­le del mare, è sta­to costrui­to un bloc­co di fat­to alla ricer­ca e soc­cor­so di natan­ti in dif­fi­col­tà. Vio­lan­do il dirit­to di asi­lo costi­tu­zio­na­le, la Con­ven­zio­ne di Gine­vra del 1951 sul­la pro­te­zio­ne dei rifu­gia­ti e l’art. 3 del­la Con­ven­zio­ne euro­pea dei dirit­ti del­l’uo­mo, ven­go­no attua­ti respin­gi­men­ti col­let­ti­vi di poten­zia­li richie­den­ti asi­lo ver­so pae­si come la Libia che non han­no rati­fi­ca­to tale Con­ven­zio­ne e sot­to­pon­go­no i migran­ti a restri­zio­ni di liber­tà, trat­ta­men­ti disu­ma­ni e degra­dan­ti, tor­tu­re e stupri”.

“Non si può affer­ma­re — con­clu­do­no Civa­ti e Mae­stri — di teme­re per la tenu­ta demo­cra­ti­ca del Pae­se e poi scar­di­na­re i pila­stri su cui una demo­cra­zia si reg­ge, tra cui i prin­ci­pi fon­da­men­ta­li del­la Costi­tu­zio­ne e i valo­ri più pro­fon­di del­la Repubblica”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata. 
Non basta il 1 dicembre ma serve un impegno deciso, strutturato, permanente capace di superare il mero approccio sanitario e di prevenzione e di guardare oltre, anche alla qualità della vita e alla piena inclusione delle persone sierocoinvolte. Per liberarle da uno stigma che viene dato loro da una società che ha ancora paura di affrontare questo tema.