Mezzo Paese

sicile-imagerie-satellitaire-nuit-italie-151589

La metà. O poco più, se sie­te ingua­ri­bil­men­te otti­mi­sti. Il Pil pro capi­te al Sud è appe­na il 53,7% di quel­lo del Nord Ita­lia, arri­van­do così a segna­re il diva­rio più sostan­zio­so mai regi­stra­to dall’inizio del nuo­vo mil­len­nio. La metà, o poco più, appunto.

Que­sto si leg­ge nel­le anti­ci­pa­zio­ni del rap­por­to annua­le del­la Svi­mez, pre­sen­ta­to gio­ve­dì 30 luglio a Roma. Dai dati rac­col­ti dall’associazione, emer­ge la foto­gra­fia di un Pae­se diver­so da quel­lo che si ten­ta di rac­con­ta­re, in cui, se c’è una par­te che rie­sce in qual­che modo a segna­re anda­men­ti, anche solo lie­ve­men­te, posi­ti­vi, ce n’è un’altra che arran­ca, quan­do non addi­rit­tu­ra pre­ci­pi­ta, facen­do regi­stra­re una ten­den­za di cre­sci­ta nel pri­mo decen­nio del seco­lo pari ad appe­na il 13%, men­tre i dirim­pet­tai gre­ci vede­va­no cre­sce­re la loro ric­chez­za nazio­na­le pro­dot­ta del 24: la metà, o poco più, di nuovo.

Come la metà, o poco più, il 56%, sono i ragaz­zi under 24 sen­za un impie­go, men­tre sono solo una su cin­que le don­ne che lavo­ra­no. Negli stes­si anni di cri­si in cui le regio­ni set­ten­trio­na­li vede­va­no scen­de­re il nume­ro degli occu­pa­ti dell’1,4%, in quel­le meri­dio­na­li la cadu­ta è sta­ta del 9, arri­van­do a tota­liz­za­re, sep­pur rap­pre­sen­tan­do appe­na un quar­to del­la for­za lavo­ra­ti­va del Pae­se, il 70% del­le per­di­te com­ples­si­ve di posti di lavoro.

Il Rap­por­to è un bol­let­ti­no di guer­ra: inve­sti­men­ti (-38% in sei anni), spe­se in con­to capi­ta­le (-17,3 miliar­di di euro dal 2000), con­su­mi (tre­di­ci pun­ti per­cen­tua­li in meno cumu­la­ti fra il 2008 e il 2014), tut­ti gli indi­ca­to­ri segna­no un regres­so con­ti­nuo e pesan­te, tan­to che un ter­zo degli abi­tan­ti del Mez­zo­gior­no è a rischio pover­tà, con pun­te da tem­pi che si cre­de­va­no lon­ta­ni in Sici­lia (41,8%) e Cam­pa­nia (37,7%).

Con ele­men­ti e sce­na­ri del gene­re, si rischia la deser­ti­fi­ca­zio­ne. Ma un deser­to non è abi­ta­to. Sti­ma l’associazione capi­to­li­na che nei pros­si­mi 50 anni al Sud potreb­be­ro per­der­si 4,2 milio­ni di abi­tan­ti, quan­ti quel­li di Roma e Mila­no mes­si insie­me. E ver­so Roma e Mila­no, ver­so il Cen­tro-Nord, sono anda­ti negli ulti­mi quin­di­ci anni cir­ca un milio­ne e sei­cen­to mila per­so­ne che, a fron­te dei rien­tri, por­ta­no a meno 750 mila il sal­do migra­to­rio net­to inter­no, a cui van­no aggiun­ti quel­li par­ti­ti per l’estero.

Di que­sti, oltre 200mila sono i lau­rea­ti, con un con­se­guen­te impo­ve­ri­men­to cul­tu­ra­le e del­le pro­fes­sio­na­li­tà nei ter­ri­to­ri d’o­ri­gi­ne, e ben oltre mez­zo milio­ne ave­va­no alla par­ten­za un’età infe­rio­re ai 34 anni. Ecco per­ché il tas­so di nata­li­tà è sce­so fino a 1,31 figli per don­na: se i gio­va­ni van­no via, riman­go­no i vec­chi, non i bam­bi­ni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.