Metà delle piattaforme entro le 12 miglia non sono state sottoposte a valutazione ambientale

42 delle 88 piattaforme localizzate entro la fascia delle 12 miglia non sono mai state sottoposte a Valutazione di impatto ambientale (VIA) perché costruite prima del 1986, anno in cui fu introdotta la VIA.
gettyimages-479387824

Que­sto è quan­to si evin­ce dal rap­por­to “Tri­vel­le inso­ste­ni­bi­li” cura­to da WWF Ita­lia: 42 del­le 88 piat­ta­for­me loca­liz­za­te entro la fascia del­le 12 miglia non sono mai sta­te sot­to­po­ste a Valu­ta­zio­ne di impat­to ambien­ta­le (VIA) per­ché costrui­te pri­ma del 1986, anno in cui fu intro­dot­ta la VIA. Il dato è con­te­nu­to dagli atti uffi­cia­li pub­bli­ca­ti dal­l’uf­fi­cio nazio­na­le mine­ra­rio per gli idro­car­bu­ri e le geo­ri­sor­se del Mini­ste­ro del­lo svi­lup­po eco­no­mi­co, UNMIG.

Ma che cos’è la Valu­ta­zio­ne di impat­to ambien­ta­le? Citan­do il Mini­ste­ro del­l’Am­bien­te, la VIA «è un pro­ces­so di valu­ta­zio­ne pre­ven­ti­va, inte­gra­ta e par­te­ci­pa­ta, dei pos­si­bi­li impat­ti signi­fi­ca­ti­vi e nega­ti­vi sul­l’am­bien­te e sul patri­mo­nio cul­tu­ra­le deri­van­ti dal­la rea­liz­za­zio­ne di pro­get­ti. Ha la fina­li­tà di pro­teg­ge­re la salu­te uma­na, con­tri­bui­re con un miglio­re ambien­te alla qua­li­tà del­la vita, prov­ve­de­re al man­te­ni­men­to del­le spe­cie e con­ser­va­re la capa­ci­tà di ripro­du­zio­ne del­l’e­co­si­ste­ma in quan­to risor­sa essen­zia­le per la vita».

Inol­tre, del­le 88 piat­ta­for­me cita­te, 8 sono clas­si­fi­ca­te come «non ope­ra­ti­ve», e ben 31 come «non ero­gan­ti».

Alla luce del rap­por­to, Mario Cata­nia (depu­ta­to di Scel­ta Civi­ca, già mini­stro del­l’A­gri­col­tu­ra) e Giu­sep­pe Civa­ti han­no depo­si­ta­to un’in­ter­ro­ga­zio­ne al Mini­stro del­l’Am­bien­te, Gian Luca Gal­let­ti, e al Mini­stro del­lo Svi­lup­po eco­no­mi­co, per sape­re se non inten­da­no assu­me­re ini­zia­ti­ve per sot­to­por­re alla VIA le piat­ta­for­me rea­liz­za­te pri­ma del 1986, se non inten­da­no pro­ce­de­re affin­ché avven­ga lo sman­tel­la­men­to del­le piat­ta­for­me «non ope­ra­ti­ve» e al risa­na­men­to ambien­ta­le dei luo­ghi inte­res­sa­ti, e alla veri­fi­ca del­le piat­ta­for­me «non ero­gan­ti» (even­tual­men­te pro­ce­den­do nel­la dire­zio­ne del­lo sman­tel­la­men­to anche di que­ste ulti­me), se non inten­da­no pro­ce­de­re al ripri­sti­no del “pia­no del­le aree” e se, infi­ne, non inten­da­no risol­ve­re le ambi­gui­tà sul­le fun­zio­ni svol­te da ISPRA (Isti­tu­to supe­rio­re per la pro­te­zio­ne e la ricer­ca ambien­ta­le), che da un lato risul­ta ave­re com­mes­se da ENI e dal­l’al­tro lato sup­por­ta il Mini­ste­ro nel­le pro­ce­du­re di valu­ta­zio­ne di impat­to ambientale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.